Francesco Ripaccioli : “la forza del Pianello è la ricchezza del territorio”

Francesco Ripaccioli, il vicepresidente del Quartiere Pianello“Quando ci accusano che siamo pochi, noi rispondiamo ‘Si, siamo pochi .. ma buoni’. Il Quartiere Pianello, vanta un’estensione geografica importante ma mostra un numero limitato di quartieranti e questo è motivo di scherno da parte degli altri quartieri”. A dirlo è Francesco Ripaccioli, vicepresidente da 4 anni del terziere di San Angelo in Castelvecchio, come veniva chiamato anticamente, diventato oggi Quartiere Pianello, dai colori - estratti a sorte al momento della costituzione dei quartieri - bianco e blu.
Il Pianello vanta nel proprio territorio, vie, strade, edifici e opere di altissimo pregio, da Via Moglio, ex Via del Pianello “la strada più caratteristica - dichiara Francesco Ripaccioli - e più importante per la vita di Quartiere; infatti è qui che si celebra ogni anno la tradizionale Cena degli Arcieri, che anticipa l’Apertura delle Cacce e la Sagra del Tordo”, a Fonte Castellana, da Porta Burelli a Porta Castellana, dalla Chiesa dei Bianchi alla Chiesa di San Francesco, fino alla chiesa di San Pietro, di recente restauro e il vicepresidente Ripaccioli, lo ha raccontato ai microfoni della Montalcinonews.
“Il Pianello può esaltare opere di altissimo pregio nel suo territorio e due fra le porte più belle, Porta Burelli, storicamente la porta principale di accesso per chi proveniva da Siena verso Montalcino e Porta Castellana che cede il nome anche Fonte Castellana, uno dei cuori pulsanti del Quartiere Pianello e da cui si può ammirare uno degli scorci più belli di Montalcino. Questi fonti sono parte della storia di Montalcino, tanto che le prime testimonianze risalgono al 1500 , e sono state solo recentemente restaurate e riportate al nuovo dall’Amministrazione Comunale”.
Ma non limitano a questo i beni del Quartiere di Castelvecchio “Nella Piazza Prato dell’Ospedale - continua Ripaccioli - sono presenti due delle più belle chiese della città di Montalcino; la Chiesa dei Bianchi, di proprietà della Confraternita di Misericordia, e la Chiesa di San Francesco, che fu eretta sulle rovine della chiesa di Sant’Angelo in Castelvecchio. È una chiesa del 1200 che ha subito varie modifiche e che attualmente versa in una situazione disastrata, per questo meriterebbe un intervento urgente di restauro”.
C’è un’altra chiesa, tanto cara al Quartiere Pianello poiché frutto di un restauro che ha visto la collaborazione e l’aiuto, economico e non, sia da parte dei “quartieranti” sia da parte di finanziatori esterni. “La Chiesa di San Pietro è motivo d’orgoglio per i quartieranti del Pianello, in quanto è stata acquisita nel 2001 in condizioni abbastanza disastrate, ma grazie a un forte impegno, sia in termini di volontariato sia di natura economica, ha permesso che oggi, dopo 10 anni e con due anni di lavoro, sia stata riportata allo splendore naturale. Il progetto, che è stato avviato grazie alla collaborazione di Isabella Duse e Luigi, ha portato a far conoscere questa chiesa e a reperire dei fondi per la ristrutturazione anche in America e Australia, posti dove non hanno le nostre bellezze”.
La Chiesa di San Pietro, orgoglio e vanto del quartiere, ha una conformazione risalente alla fine del 1700 e al suo interno conserva opere di grande valore artistico come l’organo Agati del 1800 e le tre opere del pittore Ventura Salimbeni che risalgono al periodo a cavallo fra il 1500 e il 1600.
“Al Quartiere Pianello mancava la vittoria della Sagra del Tordo da 16 anni, dall’ottobre del 1993precisamente,  e inaugurare un lavoro di restauro importante, come quello della Chiesa di San Pietro, che ha visto impegnati tanti quartieranti, con una vittoria è stata una grandissima soddisfazione”.
Numerose le attività che il Quartiere svolge durante tutto l’arco dell’anno “La nostra sede è aperta più o meno tutto l’anno e - conclude Francesco Ripaccioli - sicuramente, fra le più qualificanti da menzionare, quelle recenti destituite all’interno della Chiesa di San Pietro, come il concerto di natale, i vari concerti con l’organo e il lavoro assiduo degli ultimi anni con le pubblicazioni. L’ultima è quella sulla toponomastica montalcinese che fa riferimento a un campione ritrovato nell’archivio storico di Montalcino risalente al 1816, e in cui si da un fondamento storico a quelli che sono i nomi dei quattro quartieri attuali”.

Guarda il video

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

12 dicembre 2018

Il Brunello di Montalcino re della tavola a Eataly Boston

La cucina italiana riceve consensi in tutto il mondo. E se l’abbinamento è con il Brunello di Montalcino il successo è assicurato. A Eataly Boston (Usa) è andato in scena un evento che ha visto la collaborazione di Eataly e

12 dicembre 2018

International Wine Report, brilla il Brunello di Montalcino nella top 100

Nella “Top 100” dei vini del 2018 firmata dall’International Wine Report al primo posto troviamo il californiano Tor Cabernet Sauvignon Beckstoffer To Kalon 2016 ma a brillare particolarmente è il Brunello di Montalcino presente ben 5 volte (17 le etichette

11 dicembre 2018

Dal Comune 15.000 euro alle Misericordie del territorio

Il Comune di Montalcino ha concesso il coinvolgimento indiretto alle Misericordie di Montalcino e Torrenieri, stanziando un contributo di 15.000 euro (10.000 euro alla Venerabile Confraternita di Misericordia di Montalcino e 5.000 euro alla Venerabile Confraternita di Misericordia di Torrenieri).

11 dicembre 2018

Dati Ismea: crollo vini comuni, tra le Dop guida il Brunello

Il Brunello di Montalcino si conferma al vertice dei vini pregiati italiani, con un aumento del prezzo del +3,3% rispetto al 2017, mentre le quotazioni dei vini comuni registrano un calo sia dei bianchi (-21,1%) che dei rossi e dei

11 dicembre 2018

“Wine-Lister”, sul podio della Top 10 il Brunello de Il Marroneto

Il mercato dei fine wine cresce, nel mondo, e di conseguenza gli operatori che forniscono servizi specializzati per collezionisti e professionisti del vino investono sempre di più e allargano i propri orizzonti. È il caso del portale “Wine-Lister”, che grazie

11 dicembre 2018

Argiano festeggia a Firenze i venti anni del Solengo

Stasera, alla Trattoria Da Burde a Firenze, si svolgerà l’evento di celebrazione del ventesimo anniversario della nascita del Solengo, il “Supertuscan” della cantina Argiano concepito dalle mani sapienti di Giacomo Tachis. Nell’occasione saranno assaggiate alcune tra le migliori annate alla

22 dicembre 2018

“Lumen de Lumine” a Sant’Antimo

L’Arcidiocesi di Siena, Colle val d’Elsa e Montalcino, insieme alla comunità di Sant’Antimo, nell’attesa del Natale, sabato 22 dicembre alle ore 21 presso l’Abbazia, propone “Lumen de Lumine”, una riflessione sul tema della luce che anticiperà la liturgia in Nocte

16 dicembre 2018

Pranzo di Natale nella Ruga

Non mancano le iniziative natalizie nemmeno nel Quartiere Ruga. Domenica 16 dicembre, alle ore 13, è in programma il pranzo degli auguri in sede. Prenotazioni, entro il 14 dicembre, presso “Il Filo di Fumo” (da Guido).

15 dicembre 2018

Pupo legge Pinocchio

Sabato 15 dicembre terzo appuntamento della stagione teatrale di Montalcino. Al Teatro degli Astrusi arriva Enzo Ghinazzi (in arte Pupo), che prima incontrerà con Manfredi Rutelli il pubblico parlando di teatro nell’iniziativa ”Calici d’artista” (ore 18, bar del teatro, ingresso