Luca Ravagni, una “storia” con Giorgio Gaber di 10 anni

Luca Ravagni e il suo clarinetto“Fu tutta “colpa” di un mio carissimo amico, Luigi Campoccia che nel 1987, lavorava al Teatro Sistina, al fianco di Ombretta Colli e della band di Giorgio Gaber. Giorgio era alla ricerca di un quinto elemento, una figura che potesse essere in grado di suonare più strumenti. Luigi mi chiamò e così è cominciato tutto”. Così racconta Luca Ravagni, originario di Sant’Angelo Scalo, alla Montalcinonews i suoi dieci anni al fianco del grande cantante e attore Giorgio Gaber.
“L’inizio è stato un pò travagliato - continua a raccontare Luca Ravagni - conoscevo pochissimi dei suoi brani, se non quelli più famosi e non ero sicuro se accettare. Avrei dovuto passare l’intero mese di agosto in studio a preparare oltre cento opere musicali e monologhi sonorizzati con Giorgio Gaber e la sua band. Ho accettato e qui è iniziata la mia avventura”.
Finita quell’ esperienza, Giorgio Gaber propose alla band un tour negli anfiteatri e nei teatri più belli di tutta Italia, con oltre duecento spettacoli da presentare.
“Era incredibile - racconta Luca Ravagni - ai concerti di Giorgio c’erano un sacco di ragazzi giovani che si presentavano armati di chitarra e suonavano i suoi pezzi, non solo quelli più famosi. Quando siamo giovani, si cresce con la convinzione che le paranoie che ci appartengono siano solo nostre, invece, ascoltando e leggendo i suoi testi, mi sono riconosciuto in diecimila cose: mi si è aperto un mondo ed ho cambiato totalmente la mia vita”.
Dopo dieci anni, Luca ha però deciso di cambiare strada … “Ho impiegato un anno e mezzo - conclude Ravagni - a dire a Giorgio che me ne andavo. Non avevamo più niente da dirci, non c’era più niente da scoprire e, quando fai un lavoro che riguarda l’arte, devi continuare fino a che ti fa tribolare, sennò l’arte e la creatività svaniscono. Nel 2000 me ne sono andato e Giorgio, che era già malato da tempo, mi ha capito. Adesso sono reduce da un tour con Anna Oxa e sarò ospite lunedì 21 gennaio, insieme alla vecchia band di Gaber, a “Che tempo che fa”, su Rai3. Oggi la musica è un hobby, non lo faccio più per soldi e faccio solo la musica che mi piace”.

Focus

Luca Ravagni, classe 1964, si è avvicinato al mondo della musica, quasi per gioco e a soli sei anni, frequentando e suonando alla scuola di musica della Banda di Sant’Angelo Scalo, sotto l’attenta guida del maestro Luciano Andreini e prendendo lezioni di musica private dal maestro Leonardo Marini. Nel 1979, si è poi trasferito a Grosseto, dove ha cominciato a suonare nei gruppi da sala da ballo e continuando a frequentare in contemporanea la scuola di musica comunale con il maestro Marcello Governi. Ma è in Conservatorio a Siena, all’epoca chiamato Istituto Musicale e dove si iscrive contro la volontà dei genitori, che Luca Ravagni comprende il suo destino, studia clarinetto e pianoforte con Piernarciso Masi, pianista a livello internazionale, e ottiene il diploma di clarinetto in solo quattro anni e mezzo, contro i sette previsti.
Per Giorgio Gaber ha suonato Sax, Flauto, Clarinetto e tastiere.

 

2 pensieri su “Luca Ravagni, una “storia” con Giorgio Gaber di 10 anni

  1. IL maestro Luca Ravagni ha fatto moltissimi lavori che voi non avete citato, ha collaborato con l’intero panorama musicale nazionale, é un grande musicista, talmente grande che forse lui stesso lo ignora per la sua onesta semplicità, lo definirei un genio, ha sempre il famoso punto di svolta. Ci siamo conosciuti nel mio studio molti anni fa e da allora con grande pazienza mi ha insegnato molte cose, quando uno riesce a passare un pomeriggio con lui impara più che un’anno da solo. DJ Daniele Master One. ………….. Dimenticavo non lo aspettate mai all’orario che vi ha detto perché é sempre in ritardo.

  2. Pingback: Cesarini Jam Session 4.1 – Valter Vincenti trio, con Luca Ravagni – In The Lab

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

2 aprile 2020

Castiglion del Bosco devolve parte del ricavato del suo Brunello 2015

In occasione della Pasqua Castiglion del Bosco, una delle più grandi e storiche tenute di Montalcino, devolverà parte del ricavato della vendita del suo Brunello di Montalcino 2015 al fondo di solidarietà istituito dalla Regione Toscana. Un gesto concreto e

2 aprile 2020

Da Villa I Cipressi un aiuto alla Protezione Civile

Anche da parte del mondo del vino continua ad esserci attenzione per quanto riguarda questo difficile momento legato all’emergenza Covid-19. L’azienda agricola Villa I Cipressi di Montalcino ha deciso di fare la propria parte decidendo di donare il 5% di

2 aprile 2020

Il Presidente Rossi: “per il turismo ci aspettiamo interventi nazionali”

“Da noi il turismo rappresenta una percentuale forte del Pil, intorno al 12%, poi c’è tutto un mondo che si muove intorno”. Così il presidente della Regione Toscana a “24 Mattino” su Radio 24 aggiungendo poi come questa situazione per

1 aprile 2020

Medico di famiglia, assistiti del dottor Mandarini assegnati al dottor Marzi

Per prevenire e contenere gli effetti del Coronavirus e tutelare la salute dei cittadini, evitando di spostarsi dalle proprie abitazioni e di rimanere senza medico, in attesa di effettuare una nuova scelta, la Società della Salute senese comunica che da

1 aprile 2020

Trasporti pubblici, la Regione invita a non buttare gli abbonamenti di marzo

Conservare l’abbonamento del mese di marzo, in attesa che vengano definite possibili misure compensative. L’indicazione della Regione Toscana è rivolta a tutti gli abbonati del trasporto pubblico regionale, sia esso su ferro, gomma o via mare. “Stiamo lavorando da tempo

31 marzo 2020

La Regione Toscana proroga il rischio incendi fino al 15 aprile

Oggi doveva scadere il divieto di abbruciamento ma la Regione Toscana ha deciso di prorogare la finestra a rischio incendi fino al prossimo 15 aprile. Fino a questa data sarà perciò vietato l’abbruciamento dei residui vegetali.

8 marzo 2020

Pranzo di pesce nel Travaglio

L’8 marzo, in occasione della Festa della donna, il Quartiere Travaglio organizza un pranzo a base di pesce (ore 12.30). Prenotazioni in bacheca entro e non oltre il 5 marzo.

8 marzo 2020

L’8 marzo nei Quartieri

Sono tanti gli appuntamenti in occasione della Festa della Donna a Montalcino promossi dai Quartieri: domenica 8 marzo, ore 13, pranzo nel Pianello (prenotazioni entro il 6 alle ore 12 presso la bacheca), mentre la sera l’appuntamento è nel Borghetto

7 marzo 2020

A cena nella Ruga coi sapori italiani

La Ruga promuove un appuntamento a tema, una cena che è un viaggio gastronomico con piatti che omaggiano le varie regioni d’Italia. Si terrà sabato 7 marzo, alle ore 20, nella sede di Vicolo del Pino. Prenotazioni entro il 6