Di Gisi, il “killer del Brunello” condannato a 4 anni

Andrea di Gisi, il killer del BrunelloCondannato a quattro anni di reclusione. È la sentenza del giudice Monica Gaggelli che, oggi, accolta la richiesta della difesa, di procedere con rito abbreviato, ha giudicato colpevole Andrea Di Gisi, l’ex dipendente della cantina Case Basse, di Gianfranco Soldera, di aver sversato nelle fogne di 626 ettolitri di Brunello di Montalcino.  Durante l’udienza il pubblico ministero Aldo Natalini aveva richiesto sei anni di reclusione: quattro anni di carcere per l’accusa di sabotaggio, l’aggiunta di un anno per la continuazione del reato e un altro anno per danno aggravato, ma, dal momento che il giudice ha concesso alla difesa la formula del rito, che prevede la riduzione della pena, il pubblico ministero ha formalmente richiesto una carcerazione complessiva di quattro anni. Una sentenza che non soddisfa Andrea Di Gisi che, attraverso il suo legale Maria Rita Maccioni, del Foro Siena, fa sapere che, tra 90 giorni, ovvero dopo che il giudice avrà depositato le motivazioni della sentenza emessa oggi, si riserva di ricorrere in Appello. Ma qual è stata la linea difensiva portata avanti da Di Gisi? “Abbiamo eccepito l’inutilizzabilità di alcuni atti di indagine tra cui le intercettazioni ambientali eseguite, a nostro parere, al di fuori dei casi di ammissibilità espressamente previsti dalla legge, - spiega l’avvocato Maria Rita Maccioni - abbiamo inoltre richiesto la derubricazione del reato di sabotaggio contestato dal pubblico ministero nel reato, meno grave, di danneggiamento; abbiamo contestato altresì la quantificazione della pena richiesta dal pubblico ministero soprattutto in relazione alla personalità del Di Gisi, erroneamente dipinto dalla pubblica accusa come un pericoloso criminale abitualmente dedito alla commissione di reati, evidenziando come, invece, si trattasse di un soggetto che dopo alcuni marginali problemi con la giustizia in giovane età era riuscito a costruirsi col tempo una vita normale ed ad assicurarsi una stabile occupazione, bruscamente interrotta a seguito di forti contrasti con il datore di lavoro presso il quale era occupato da quattro anni. In ogni caso ci riserviamo, con il collega Riccardo Dainelli che mi ha affiancato nella difesa, di leggere le motivazioni della sentenza per valutare la proposizione di una eventuale impugnazione”. Ma le richieste di Di Gisi non sono state accolte e, forse, potrebbero essere riproposte in appello. Al processo, a porte chiuse, non c’era Andrea Di Gisi, tutt’ora agli arresti domiciliari nella sua casa di Roma, c’era solo il suo avvocato Maria Rita Maccioni, originaria di Montalcino, il legale della difesa Nicola Mini e Gianfranco Soldera.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

4 agosto 2020

Civitella Paganico, brucia il bosco: fiamme visibili da Montalcino

Un maxi incendio boschivo si è scatenato questa mattina in località Tenuta di Bagnolo, nel Comune di Civitella Paganico, a non molti chilometri di distanza da Montalcino. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo le 12 rapidamente sospinte dal vento.

4 agosto 2020

Il libro sulla storia della Chiesa della Madonna delle Nevi

Un volume dedicato alla Chiesa della Madonna delle Nevi. Lo ha realizzato Giacomo Massoni e sarà presentato domani 5 agosto a Montisi (ore 12,15, Chiesa della Madonna delle Nevi). Si tratta del decimo numero della collana “Ad Loca Mariana” edita

31 luglio 2020

Fondi Covid, nuovi infissi per la scuola media di Montalcino

Nuovi infissi con apertura a vasistas (verso l’interno) per la scuola media di Montalcino, per garantire buona illuminazione e allo stesso tempo il ricambio d’aria. Il costo, di 17.610 euro più Iva, è in gran parte coperto dai contributi statali

29 luglio 2020

Bindocci vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena

Fabrizio Bindocci, presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, è stato eletto vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena insieme a Filippo Cresti. La massima carica sarà invece ricoperta da Nicola Ciuffi, imprenditore agricolo e allevatore della valdichiana senese, che

24 luglio 2020

Potatura e abbattimento alberi a Montisi e Castelnuovo dell’Abate

Potatura di sette lecci e quattro tigli e abbattimento di un cedro secco a Montisi, abbattimento di due grossi pini e sette tigli in Via delle Scuole a Castelnuovo dell’Abate: sono le operazioni di cui se ne occuperà una ditta

24 luglio 2020

Sei Toscana: “Serve intervento statale sulla Tari per aiutare le attività”

“Aiutiamo le attività commerciali e produttive dei nostri territori che sono state chiuse forzatamente per il lockdown, il Governo impegni risorse per farsi carico di una quota parte del pagamento della Tari”: è l’appello lanciato dal presidente di Sei Toscana,

10 agosto 2020

Argiano e Calici di Stelle

Degustare i pregiati vini di Montalcino nella notte di San Lorenzo, affacciati su una delle piazze più belle del mondo. Succederà il 10 agosto a Siena, in Piazza del Campo, dove Siena Experience Italian Hub in collaborazione con Cuoconté di

8 agosto 2020

Calici di Stelle alla Fattoria dei Barbi

L’8 agosto la Fattoria dei Barbi festeggia “Calidi di Stelle” con una “Notte Bianca sotto le Stelle” all’insegna di una suggestiva cena incantata monocolore (dal dress code al menù, tutto rigorosamente bianco), candele e atmosfera, musica di sottofondo, calici di

5 agosto 2020

Montisi festeggia il patrono

Montisi celebra il patrono, la Madonna delle Nevi. Mercoledì 5 agosto il corteo storico onorerà il patrono del paese alla presenza del vescovo e, alle 12.15, appuntamento alla Chiesa della Madonna delle Nevi per la presentazione del numero 10 della