Social web & reputazione, il Brunello è al primo posto

Web & WineIl mondo viaggia sul web, e questo è ormai, da anni, un dato di fatto e, a rappresentare l’ultima frontiera della comunicazione, in pole position, sono senza dubbio i social media. È necessario, dunque, per qualsiasi impresa che voglia essere competitiva sul mercato, ed il mondo del vino non è esente da questo paradigma, essere presente sul web su più canali possibile. Ed il Consorzio del Brunello di Montalcino, in controtendenza sulla maggioranza dei Consorzi italiani - stando ai dati divulgati dalla Maxfone srl (www.maxfone.it) - lo ha capito affidando, dal gennaio 2012, la “gestione” dei propri canali web, alla Montalcinonews che quotidianamente, e con un lavoro capillare, si occupa di aggiornare e gestire tutti i social network.
L’indagine condotta dalla Maxfone srl, società di Ict (Information & communication technology) specialista nella comunicazione digitale e nell’analisi della web reputation, critica l’impegno carente dei Consorzi italiani su internet, eccezion fatta per il Brunello di Montalcino - e Conegliano Valdobbiadene Prosecco, unici due consorzi ad aver capito quanto i “cinguettii” siano fondamentali se si vuole operare sul mercato degli Stati Uniti, e non solo.
Se è vero che il re del Sangiovese e il Valdobbiadene sono presenti su gli stessi canali e vincono, a pari merito, per la loro operosità sul web, altrettanto vero è che i numeri all’attivo, per i due Consorzi, sono ben diversi. Il Consorzio del Brunello vince su tutti i social network attivi: su Twitter, con 2.597 Follower su 316 di Valdobbiadene, su Facebook, con 26.406 Mi piace su 3.809, su Instagram, con 140 seguaci su 79, c’è poi Pinterest, dove il Brunello di Montalcino vince con 92 Followers su 64, su Flickr, con 1.000 elementi su 317, e, infine, su Youtube, con 39.236 views su 19.575 per il Prosecco di Conegliano.
Secondo l’indagine Maxfone, nel 2014, il 38% dei Consorzi non è presente su Facebook e il 61% non ha un account suTwitter: “su 78 consorzi, 30 non sono presenti (il 38%) su Facebook,12 sono presenti ma con una pagina non certificata (15%), mentre alcuni enti utilizzano account privati che non sono stati considerati nella nostra ricerca - dice Paolo Errico, amministratore delegato di Maxfone srl (www.maxfone.it), società di Ict (Information & communication technology) specialista nella comunicazione digitale e nell’analisi della web reputation. Quanto a Twitter, ben 48 consorzi (61%) non è presente. “Eppure Ttvitter - agiunge Errico - svolge un ruolo importantissimo nel mercato statunitense del vino, indicando i trend di consumo del vino, i gusti, le preferenze dei consumatori”.
In dettaglio, dall’analisi di Maxfone emerge che sono 48 i Consorzi presenti ufficialmente su Facebook: solo il 46% ha una pagina certificata che attesta che si tratta proprio di quell’ente. Sono 30 i Consorzi presenti su Twitter e 19 quelli presenti con un canale su Youtube, il motore di ricerca (di proprietà di Google) che indicizza i video.
Un altro indicatore di una strategia di comunicazione digitale di peso è la “multicanalità”, ovvero la presenza su più social media con una “digital integration” fra gli strumenti di relazione con il pubblico. “La multicanalità è -  fa notare Errico - un valore quantitativo, e non esprime valutazioni relative al numero di attività e/o all’engagement nella comunicazione online”. È, comunque, un indice di quanto un consorzio abbia a cuore il rapporto stretto con il cliente (o possibile cliente) online.
Di media, secondo le rilevazioni di Maxfone, ognuno dei 78 consorzi di tutela dei vini italiani utilizza 1,67 social media. Il 22% utilizza due social, il 18% utilizza un solo social, il 12% utilizza quattro social, il 6% utilizza cinque social, 4% utilizza tre social, l’1% utilizza sei social e un altro 1% utilizza 7 social. E ben il 36% non utilizza alcun social. Le analisi sono state effettuate su fonti pubbliche, specifica Maxfone; e sono stati considerati solo i profili social riconducibili ai consorzi in modo chiaro. Consorzi che appunto sfilano in questo ordine di lista: Consorzio Vino Conegliano Valdobbiadene Prosecco (sette social), il Consorzio del Vino Brunello di Montalcino (sette social), il Consorzio del Vino Chianti classico (cinque social), il Consorzio Brachetto d’Acqui (cinque social), il Consorzio Tutela Gavi (cinque social), il Consorzio Tutela Soave (cinque social), il Consorzio Vini Dop Valcalepio (cinque social).
Ma la Montalcinonews non è nuova a ricevere riconoscimenti per il lavoro che svolge sui social network, per conto del Consorzio del Brunello: nel 2013, sempre a Vinitaly, furono Viralbeat e il Centro studi Etnografia digitale, con un’indagine dal titolo “Vino e social media: la netnografia per un approccio strategico al nuovo marketing del vino” a premiare il nostro lavoro. Da queste indagini e dai risultati che ne conseguono emerge, dunque, un dato importante: il Consorzio del Brunello ha capito quanto importante sia la presenza costante sul web, fatta di contenuti, di immagini e di curiosità, di quanto sia fondamentale il lavoro capillare, l’orchestrazione delle varie tessere che la Montalcinonews dirige ormai da oltre due anni e che la metodologia giusta e imprescindibile per far crescere il brand sia creare attenzione, interesse e partecipazione del pubblico.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

13 dicembre 2018

La #DopEconomy continua a crescere. Balzo in avanti del Brunello

La #DopEconomy continua a crescere sui mercati mondiali, superando nel 2017 per la prima volta i 15,2 miliardi di euro a valore alla produzione (+2,6% sul 2016). Nel settore vino comanda il Prosecco, seguito dal Conegliano Valdobbiadene-Prosecco e dal Delle

12 dicembre 2018

Il Brunello di Montalcino re della tavola a Eataly Boston

La cucina italiana riceve consensi in tutto il mondo. E se l’abbinamento è con il Brunello di Montalcino il successo è assicurato. A Eataly Boston (Usa) è andato in scena un evento che ha visto la collaborazione di Eataly e

12 dicembre 2018

International Wine Report, brilla il Brunello di Montalcino nella top 100

Nella “Top 100” dei vini del 2018 firmata dall’International Wine Report al primo posto troviamo il californiano Tor Cabernet Sauvignon Beckstoffer To Kalon 2016 ma a brillare particolarmente è il Brunello di Montalcino presente ben 5 volte (17 le etichette

11 dicembre 2018

Dal Comune 15.000 euro alle Misericordie del territorio

Il Comune di Montalcino ha concesso il coinvolgimento indiretto alle Misericordie di Montalcino e Torrenieri, stanziando un contributo di 15.000 euro (10.000 euro alla Venerabile Confraternita di Misericordia di Montalcino e 5.000 euro alla Venerabile Confraternita di Misericordia di Torrenieri).

11 dicembre 2018

Dati Ismea: crollo vini comuni, tra le Dop guida il Brunello

Il Brunello di Montalcino si conferma al vertice dei vini pregiati italiani, con un aumento del prezzo del +3,3% rispetto al 2017, mentre le quotazioni dei vini comuni registrano un calo sia dei bianchi (-21,1%) che dei rossi e dei

11 dicembre 2018

“Wine-Lister”, sul podio della Top 10 il Brunello de Il Marroneto

Il mercato dei fine wine cresce, nel mondo, e di conseguenza gli operatori che forniscono servizi specializzati per collezionisti e professionisti del vino investono sempre di più e allargano i propri orizzonti. È il caso del portale “Wine-Lister”, che grazie

22 dicembre 2018

“Lumen de Lumine” a Sant’Antimo

L’Arcidiocesi di Siena, Colle val d’Elsa e Montalcino, insieme alla comunità di Sant’Antimo, nell’attesa del Natale, sabato 22 dicembre alle ore 21 presso l’Abbazia, propone “Lumen de Lumine”, una riflessione sul tema della luce che anticiperà la liturgia in Nocte

16 dicembre 2018

Pranzo di Natale nella Ruga

Non mancano le iniziative natalizie nemmeno nel Quartiere Ruga. Domenica 16 dicembre, alle ore 13, è in programma il pranzo degli auguri in sede. Prenotazioni, entro il 14 dicembre, presso “Il Filo di Fumo” (da Guido).

15 dicembre 2018

Pupo legge Pinocchio

Sabato 15 dicembre terzo appuntamento della stagione teatrale di Montalcino. Al Teatro degli Astrusi arriva Enzo Ghinazzi (in arte Pupo), che prima incontrerà con Manfredi Rutelli il pubblico parlando di teatro nell’iniziativa ”Calici d’artista” (ore 18, bar del teatro, ingresso