Casa degli Atellani ospita il vigneto di Leonardo da Vinci

Le viti germogliate da frammenti di radici originali, ora si possono visitare insieme alla storica dimora oggi di proprietà della famiglia Castellini che a Montalcino produce Brunello.
Inventore e pittore per professione, viticoltore per passione. L’eclettico Leonardo presenta ora ai cittadini di Milano e ai visitatori di Expo una sua virtù poco nota, quella della vignaiolo. Attività che il genio vinciano praticò quando ricevette in dono da Ludovico il Moro un vigneto come compenso per il Cenacolo. E fu una passione che accompagnò il genio tutta la vita: molte le lettere che Leonardo spedì nel suo ultimo soggiorno in Francia per raccomandare cure a quei pochi filari urbani. La vigna è molto vicina al refettorio di Santa Maria delle Grazie che custodisce “L’ultima cena” e a fine mese sarà reimpiantata nel luogo esatto dove il celeberrimo artista si dilettava a potare e vendemmiare. Lo ha annunciato, a Roma, Luca Maroni, in apertura dell’edizione nazionale di “I migliori vini italiani”, nel precisare che il vitigno, identificato tramite test del dna, è un Malvasia. L’ Università di Milano ha già piantato in serra le viti necessarie all’innesto.
Un recupero che ha del miracoloso. Nel tempo grazie alla sensibilità dell’architetto Piero Portaluppi che ristrutturò l’area cittadina e conservò una porzione della vigna leonardesca sopravvissuta fino al 1943, anno in cui venne distrutta da un incendio conseguente a un bombardamento. A verificare l’ubicazione, all’interno del giardino privato della Casa degli Atelliani, e identificare il vitigno una decennale ricerca avviata dallo stesso Maroni assieme all’università degli studi di Milano, sotto la guida di Attilio Scienza e la genetista Serena Imazio.
L’apparato radicale delle piante non venne danneggiato dall’incendio e l’equipe ha rinvenuto frammenti di radice di Vitis Vinifera appartenuti all’originale impianto del genio vinciano. Gli attuali proprietari dalla casa degli Atellani, la famiglia Castellini, hanno fortemente voluto il reimpianto filologico della vigna leonardesca, pur ricordando, con ironia, che quell’unica bottiglia autoprodotta in una micro-vendemmia, fino a 72 anni fa, era “imbevibile, quasi un aceto”.
Del resto, gli attuali proprietari sono esigenti degustatori in quanto produttori di vino a Montalcino. Le foto della vigna storica sono conservate dalla Fondazione Piero Portaluppi; Luca Maroni illustra questo unicum nel libro “Milano e il vigneto di Leonardo”, e con l’aiuto dell’Università di Milano e Confagricoltura la vigna potrà essere visitata durante Expo Milano 2015. A detta di Luca Maroni, proprio la presenza della vigna di Leonardo è stata una dei plus che ha permesso a Milano di ospitare l’imminente Esposizione Universale, superando le altre candidature.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

4 agosto 2020

Civitella Paganico, brucia il bosco: fiamme visibili da Montalcino

Un maxi incendio boschivo si è scatenato questa mattina in località Tenuta di Bagnolo, nel Comune di Civitella Paganico, a non molti chilometri di distanza da Montalcino. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo le 12 rapidamente sospinte dal vento.

4 agosto 2020

Il libro sulla storia della Chiesa della Madonna delle Nevi

Un volume dedicato alla Chiesa della Madonna delle Nevi. Lo ha realizzato Giacomo Massoni e sarà presentato domani 5 agosto a Montisi (ore 12,15, Chiesa della Madonna delle Nevi). Si tratta del decimo numero della collana “Ad Loca Mariana” edita

31 luglio 2020

Fondi Covid, nuovi infissi per la scuola media di Montalcino

Nuovi infissi con apertura a vasistas (verso l’interno) per la scuola media di Montalcino, per garantire buona illuminazione e allo stesso tempo il ricambio d’aria. Il costo, di 17.610 euro più Iva, è in gran parte coperto dai contributi statali

29 luglio 2020

Bindocci vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena

Fabrizio Bindocci, presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, è stato eletto vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena insieme a Filippo Cresti. La massima carica sarà invece ricoperta da Nicola Ciuffi, imprenditore agricolo e allevatore della valdichiana senese, che

24 luglio 2020

Potatura e abbattimento alberi a Montisi e Castelnuovo dell’Abate

Potatura di sette lecci e quattro tigli e abbattimento di un cedro secco a Montisi, abbattimento di due grossi pini e sette tigli in Via delle Scuole a Castelnuovo dell’Abate: sono le operazioni di cui se ne occuperà una ditta

24 luglio 2020

Sei Toscana: “Serve intervento statale sulla Tari per aiutare le attività”

“Aiutiamo le attività commerciali e produttive dei nostri territori che sono state chiuse forzatamente per il lockdown, il Governo impegni risorse per farsi carico di una quota parte del pagamento della Tari”: è l’appello lanciato dal presidente di Sei Toscana,

10 agosto 2020

Argiano e Calici di Stelle

Degustare i pregiati vini di Montalcino nella notte di San Lorenzo, affacciati su una delle piazze più belle del mondo. Succederà il 10 agosto a Siena, in Piazza del Campo, dove Siena Experience Italian Hub in collaborazione con Cuoconté di

8 agosto 2020

Calici di Stelle alla Fattoria dei Barbi

L’8 agosto la Fattoria dei Barbi festeggia “Calidi di Stelle” con una “Notte Bianca sotto le Stelle” all’insegna di una suggestiva cena incantata monocolore (dal dress code al menù, tutto rigorosamente bianco), candele e atmosfera, musica di sottofondo, calici di

5 agosto 2020

Montisi festeggia il patrono

Montisi celebra il patrono, la Madonna delle Nevi. Mercoledì 5 agosto il corteo storico onorerà il patrono del paese alla presenza del vescovo e, alle 12.15, appuntamento alla Chiesa della Madonna delle Nevi per la presentazione del numero 10 della