Cantine aperte alle scuole, l’Alberghiero di Ladispoli a Castello Banfi

Alberghiero di Ladispoli in visita alla Castello Banfi Nota in tutto il mondo per il famoso Brunello di Montalcino, la tenuta vitivinicola toscana di Castello Banfi, adagiata tra i fiumi Orcia e Ombrone, nasce nel 1978 per iniziativa dei fratelli italo-americani John e Harry Mariani. Da Teodolinda Banfi a Cristina Mariani, la storia della famiglia si intreccia, fin dagli esordi, con quella dell’Italia. E, ad ispirare la filosofia delle Cantine Banfi, una sintesi fra passato, presente e futuro ben condensata nella riflessione di Jean Léon Jaurès “la tradizione non consiste nel mantenere le ceneri, ma nel mantenere viva una fiamma”
Lo scorso 17 novembre a varcare le porte dell’antico maniero medievale di Montalcino, venuti per visitare le cantine di Castello Banfi, sono stati gli studenti dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli, accompagnati dai docenti Michele Comito, Renato d’Aloia, Michele Limotta e Pamela Pierotti.
Qui i ragazzi hanno potuto comprendere quali siano stati i fattori indispensabili che hanno fatto la fortuna della cantina: un microclima ideale (alto indice di insolazione ed elevata ventilazione), un’invidiabile ricchezza del suolo e una straordinaria capacità imprenditoriale, basata da sempre sull’impiego responsabile delle risorse e sulla tutela della biodiversità. Il nome del brand è legato alla prima donna laica giunta da Milano a Roma per varcare le porte del Vaticano, come governante del Cardinale Arcivescovo Achille Ratti, destinato a diventare, nel 1922, Papa Pio XI. Grande esperta di cucina e profonda conoscitrice di vini, sarà lei ad avvicinare il nipote Giovanni F. Mariani Sr. al mondo enogastronomico di più alto livello. Fu poi la volta di John e Harry e quindi di James e Cristina. E’ quest’ultima a coordinare in prima persona le attività di Banfi fra Italia e Usa, curando in modo particolare la ricerca dell’eccellenza e riuscendo ad ottenere per il marchio (prima cantina al mondo) le certificazioni di Qualità, Gestione Ambientale e Responsabilità Sociale (ISO 9001, ISO 14001 e SA 8000).
A fare da sfondo alla nascita e alla crescita dell’azienda (in cui lavorano circa 200 operai fra interni ed esterni), il suggestivo Castello trecentesco di Poggio alle Mura (oggi Castello Banfi) ed il suo borgo rurale. Nel 1979, ad un solo anno di distanza dalla fondazione di Castello Banfi a Montalcino, viene acquistata la storica cantina piemontese Bruzzone, oggi Banfi Piemonte. L’amore per la Toscana ha recentemente avvicinato Banfi a nuovi territori, tra i più vocati della regione: Bolgheri, Maremma e Chianti.
“Il nostro rapporto con le Cantine Banfi - ha sottolineato il professor D’Aloia - è iniziato tre anni fa. Per un Istituto Professionale Alberghiero, è essenziale la conoscenza delle realtà produttive. Un mese fa eravamo in Umbria, alle Cantine Lungarotti. Continua il nostro viaggio alla scoperta del successo italiano in Europa e nel mondo”.
Entusiasti gli allievi della scuola di Ladispoli che hanno potuto osservare da vicino i processi della vinificazione e i segreti dell’eccellenza vitivinicola avvalendosi, durante la visita, di strutture architettoniche sorprendenti e innovative, come il ponte sopraelevato che domina e attraversa l’intera area della lavorazione del vino. A colpirli, in particolare, la spiegazione della filosofia alla base del successo dei prodotti Banfi: dalla scelta delle uve (rigorosamente raccolte a mano) alla selezione degli acini, fino alla fermentazione in tini compositi (realizzati in legno e acciaio), che consentono una gestione ottimale delle temperature. Del resto, alla scelta dei legni l’azienda Banfi dedica da sempre un’attenta ricerca: il rovere francese proviene dai boschi di Alliers, Nevers, Fontainebleu, Tronçais e viene poi fatto stagionare nella tenuta del Castello. Assemblate le barriques, comincia la tostatura, per un periodo - spiegano alla Banfi - più lungo rispetto alle consuete tempistiche seguite, per ottenere risultati di maggiore uniformità. Non solo vino, però, a Castello Banfi, dove si producono anche raffinati oli extravergine, confetture e salse. C’è poi il Museo della Bottiglia e del Vetro, che espone antichi contenitori e recipienti, caraffe, bicchieri, vasi e balsamari datati dal V secolo a. C. ad oggi. Nel suo genere, una delle più vaste collezioni private del mondo.
E anche Le Cantine Banfi sono state ospitate all’Expo 2015 di Milano, all’interno del Padiglione Vino. “Abbiamo partecipato attraverso il Consorzio del Brunello di Montalcino, con una postazione di erogazione di vino e un’altra con Vinitaly, per cui avevamo due postazioni di erogazione - ha precisato Lorella Carresi, Responsabile Pubbliche Relazioni e Communication Manager dell’Azienda Banfi - Abbiamo partecipato anche attraverso alcuni eventi. Uno degli ultimi: due serate con degustazioni, con Merano Gourmet’s International”.
“Banfi è una realtà sempre in movimento, sempre in fermento, non ci fermiamo mai. - ha aggiunto Lorella Carresi - Sono recenti le acquisizioni di vigneti a Bolgheri, in Maremma e di un’azienda del Chianti. Per noi sono importanti soprattutto i progetti di medio-lungo termine, come l’uscita di nuove etichette nel 2016, di cui non possiamo ovviamente anticipare altro”.
Una realtà, quella dell’Azienda Banfi, sempre attenta anche al mondo delle scuole e della formazione. Del resto la Banfi, attraverso la famiglia Mariani, è partner della Cornell University di Ithaca, nello Stato di New York. Si è laureato qui John Mariani, proclamato “Uomo dell’anno” italoamericano nel 2001, dalla Fondazione Sons of Italy, che premia coloro che si sono distinti particolarmente nel loro ambito di attività. “Banfi, sin dalla sua nascita - ha ricordato Lorella Carresi - si è sempre dedicata all’educazione e alla formazione sul vino, rivolgendosi ai consumatori, ai professionisti del settore e agli studenti. Insegnare la storia e le tappe della vinificazione significa gettare le basi per un consumo consapevole”. E a chi, in Cantina, si ostina a chiedere dove riescano a trovare le energie necessarie per portare avanti tutte queste attività, la risposta arriva sicura: “E’ la forza di questi luoghi a guidare la nostra esperienza”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

22 luglio 2019

Acquedotto del Fiora, lavori di manutenzione in Via Donnoli

Il 25 luglio, dalle ore 8.30 alle ore 15, i tecnici di Acquedotto del Fiora effettueranno un intervento di manutenzione programmata sulla rete di distribuzione in Via Donnoli, a Montalcino, finalizzato all’allacciamento di nuove utenze, determinando la temporanea sospensione dell’erogazione

22 luglio 2019

Tiemme, il 24 luglio sciopero nazionale di 4 ore

Le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil e Faisa-Cisal hanno programmato per mercoledì 24 luglio uno sciopero nazionale di 4 ore sulle problematiche riguardanti il settore dei trasporti che interesserà anche le sedi aziendali di Tiemme Spa di

19 luglio 2019

Ufficio stampa del Comune, c’è un “vincitore” provvisorio

Erano cinque, sono rimasti in quattro. Dei partecipanti al bando per l’ufficio stampa del Comune di Montalcino, Intrepido Servizi non ha presentato nei termini il soccorso istruttorio (richiesto dal Rup Barbara Riccarelli per integrare o correggere la domanda), a differenza

18 luglio 2019

Torneo di Apertura delle Cacce: ecco le date

Montalcino e i suoi Quartieri si preparano per l’edizione n.57 del Torneo di Apertura delle Cacce. Si parte venerdì 9 agosto quando (ore 19) si svelerà nel Loggiato del Palazzo Comunale Storico l’Opera che andrà al vincitore. Sabato 10 il

17 luglio 2019

Torna il concorso di pittura “Montisi En Plein Air”

Sull’onda del grande successo riscosso negli ultimi anni, anche nel 2019 torna in concomitanza con l’edizione n. 49 della Giostra di Simone il concorso amatoriale di pittura estemporanea “Montisi En Plein Air”. La manifestazione ha lo scopo di richiamare nel

17 luglio 2019

Il programma completo della Giostra di Simone

Montisi è pronta a vivere i giorni più sentiti dell’anno. Dal 27 luglio sarà un susseguirsi di mostre di pittura e ceramica, spettacoli medioevali, teatro e musica danza, che culmineranno il 4 agosto con il corteo storico, la gara fra

2 agosto 2019

Calici di Stelle a Montalcino

Dal 2 al 11 agosto torna anche in Toscana Calici di Stelle, con le cantine socie del Movimento Turismo del Vino Toscana si vestiranno a festa organizzando degustazioni sotto le stelle. Spettacoli, concerti, momenti di osservazione delle stelle guidati da

27 luglio 2019 16:30

La Ruga festeggia San Salvatore

Due giorni per festeggiare San Salvatore, il Santo protettore della Ruga. Il 27 luglio gara di tiro con l’arco al campo di tiro “Don Remo Rossi” (ore 16.30). A seguire merenda con “The Gusti Bus”. Il 28 luglio Santa Messa

27 luglio 2019 09:00

Festa del Beato Giovanni Colombini

I Colombini della Fattoria dei Barbi, celebri produttori di Brunello, sono la più antica famiglia documentata a Montalcino: nel 1352 Tommaso costruì il Castello di Poggio alle Mura e dopo pochi anni il Beato Giovanni predicò nella chiesa di S. Agostino. Per ricordare sei secoli