Brunch Pasquale a Castiglion del Bosco

Castiglion del BoscoRosewood Castiglion del Bosco, resort situato a Montalcino, in Toscana, fondato da Massimo e Chiara Ferragamo nel 2003 e, dal gennaio 2015, all’interno della prestigiosa collezione Rosewood Hotels&Resorts, riapre il 13 aprile e per domenica 16 organizza uno speciale brunch pasquale aperto al pubblico, anche ai non residenti nel Resort.
Il brunch di Pasqua, novità imperdibile per i palati fini e gli amanti del buono e del bello senza limiti, sarà ricco, interattivo e pieno di delizie dolci e salate, un’ampia selezione del meglio della cucina toscana e italiana.
Il tutto al Ristorante Campo del Drago, nel cuore del borgo, elegante e accogliente, con una terrazza dall’affaccio mozzafiato sulle valli circostanti della Val d’Orcia, per creare un’atmosfera intima e informale.
Il brunch sarà incentrato sulle preparazioni tipiche Pasquali, interpretate con maestria dallo Chef Enrico Figliuolo, responsabile della ristorazione a Rosewood Castiglion del Bosco.
I protagonisti saranno i formaggi biologici, i salumi prodotti con i maiali della fattoria interna al resort, le carni come la bistecca e l’agnello pasquale e le altre specialità crude preparate al momento. Inoltre le verdure di stagione dell’Orto biologico a pochi passi dal ristorante: carciofi, asparagi, fave presenti nel percorso delle insalate, le uova ripiene, le tradizionali torte salate e la panzanella toscana.
Dalla cucina i ravioli maremmani, la pappa al pomodoro e il risotto con il pecorino e i carciofi. Gli ospiti, potranno eccezionalmente accedere in cucina per prendere i piatti caldi, dove lo chef li aspetterà con le carni e ancora verdure per tutti i gusti.
Per chiudere: la selezione dei dolci dello chef pasticciere, la tipica colomba pasquale accompagnata dal vin santo che per l’occasione si trasforma in zabaione, e tante piccole dolcezze, oltre al cioccolato in un angolo dedicato.
In questo percorso e trionfo di bontà una nota d’eccezione: saranno presenti 3 produttori locali di eccellenza: un’occasione golosa e speciale per conoscere chi produce prodotti toscani di massima qualità e lasciarsi affascinare dalla passione che da sempre anima il loro mestiere.
Simone Fracassi, proprietario della Macelleria Fracassi che selezionerà le carni. Grande artigiano della norcineria toscana, e profondo conoscitore e ambasciatore di quella tradizione della qualità di cui molti parlano ma pochi ne comprendono la vera essenza. Podere il Casale, fattoria biodinamica situata nei pressi di Pienza, nella toscana del sud, in provincia di Siena, che fornirà tutti i formaggi. Nel caseificio della fattoria vengono prodotti formaggi di pecora (pecorini) e di capra (caprini), ricotta, feta e quark che potranno essere degustati per il brunch pasquale. Vestri, che gestirà l’angolo del cioccolato.
Da oltre trent’anni l’azienda porta avanti una grande tradizione di cioccolateria che si basa sulla peculiarità del prodotto nella sfida del gusto. Vestri trasforma il prezioso frutto centroamericano, il vero Tesoro del Nuovo Mondo, in creazioni uniche, che giocano sull’estrema qualità produttiva e sulla delicatezza finale.
Il brunch avrà inizio alle 12.30 fino alle 15.00.
Prezzo: € 75 pp, acqua e caffè inclusi. Metà prezzo per i bambini fino a 12 anni.
Per informazioni e prenotazioni: cdelbosco@rosewoodhotels.com - +39 0577 1913001.
Prima o dopo, immancabile una visita nella cantina di Castiglion del Bosco con degustazione dei suoi vini (prenotazione consigliata).
I tour e le degustazioni proposte non sono solo una visita in cantina, ma un vero e proprio viaggio attraverso la toscana più bella dove il paesaggio naturale incontaminato, la tradizione, la cultura e l’artigianalità incontrano l’attenzione al dettaglio e l’eleganza.
La scelta è ampia: dalla Wine Experience (tour del vigneto, visita della cantina e degustazione), a una degustazione guidata di più vini in abbinamento a una selezione di diversi formaggi italiani, fino a una verticale di Brunello, una straordinaria degustazione di sette pregevoli annate di Brunello di Montalcino Castiglion del Bosco.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




nuvoloso Montalcino
Temperatura ore 12: 13°
Precipitazioni (mm): 0

dati a cura di 3BMeteo

7 dicembre 2017

Montalcino, occhio all’Amiata. Altro scontro diretto per il Torrenieri

Meno tre al giro di boa. Il girone F di Prima Categoria giunge nel weekend alla 13° giornata. Il Montalcino, dopo il pareggio a reti bianche col Manciano, torna a giocare al “Soccorso Saloni” dove arriva l’Amiata, che è settimo

6 dicembre 2017

Il Comune acquista 250 copie del libro di Magini

L’Archivio Storico Comunale di Montalcino conserva una preziosissima mole di documenti sulla storia della comunità locale non abbastanza conosciuti e valorizzati. Nel corso degli anni diversi studiosi hanno incentrato le loro ricerche su vari periodi storici, specialmente su quello che

6 dicembre 2017

Tenuta Piccini, una bottiglia di Natale della Robur nella Cantina del Brunello

Da un po’ di tempo Tenuta Piccini, storica realtà toscana da 16 milioni di bottiglie vendute e un fatturato superiore ai 60 milioni di euro, proprietaria a Montalcino di Villa al Cortile (12 ettari tutti a Brunello), ha deciso di

5 dicembre 2017

Open day all’Istituto Professionale Agrario di Montalcino

Arriva, per la prima volta, l’open day all’Istituto Professionale Agrario di Montalcino. Un modo per conoscere la scuola e il suo staff oltre che un’opportunità per tutti i giovani che frequentano l’ultimo anno delle medie di chiarirsi un po’ le

5 dicembre 2017

Nuova pavimentazione in pietra per centro storico Montisi

Il Comune di Montalcino punta sulla riqualificazione del centro storico di Montisi. Investimento in arrivo per la realizzazione di una nuova pavimentazione in pietra in via Umberto I°, nel cuore del paese. L’intervento, previsto nel programma triennale e nel relativo

4 dicembre 2017

Il Borghetto e i volantini in Piazza del Popolo

Una serie di volantini incollati a terra, a formare il numero 30, è apparsa nella notte tra sabato e domenica scorsa in Piazza del Popolo, nel cuore di Montalcino. Non è stato certo difficile collegare il fatto ai responsabili. Trenta

15 dicembre 2017

Cena degli auguri Avis

L’Avis Montalcino organizza la tradizionale cena degli auguri per ringraziare i donatori di sangue per i loro preziosi gesti. Venerdì 15 dicembre (ore 20), al ristorante “Locanda Sant’Antimo” di Castelnuovo dell’Abate, cena a base di pesce (a richiesta è possibile

15 dicembre 2017

Cena con “il re della Catalana”

Venerdì 15 dicembre la Drogheria Franci propone una serata con Riccardo Artizzu di Viareggio, “il re della Catalana”. Il menu propone: gambero di fondale fritto e crocchette di baccalà, carpaccio di ombrina, tartara di sugarello, filetto di triglia, scampo e

10 dicembre 2017

Calcio, Montalcino-Amiata

Meno tre al giro di boa. Il girone F di Prima Categoria giunge nel weekend alla 13° giornata. Il Montalcino capolista, dopo il pareggio a reti bianche col Manciano, torna a giocare al “Soccorso Saloni” dove arriva l’Amiata, che è