Siccità e irrigazione: parla il dg di Banfi Viglierchio

Enrico Viglierchio La siccità, la sostenibilità, gli strumenti di irrigazione. Sono alcuni degli argomenti toccati da Enrico Viglierchio, direttore generale di Banfi, nell’intervista rilasciata a Gambero Rosso. Per Montalcino si preannuncia una delle annate più siccitose mai affrontate. Anzi, “la più siccitosa che abbiamo visto - sostiene Viglierchio - simile alla 2012 e molto più asciutta della 2003 che è stata invece un’annata calda: da gennaio abbiamo avuto 180mm di precipitazioni, nella 2012 ne abbiamo avuto 250, considerando che Montalcino è una regione che varia dai 600 ai 700 mm. Per assurdo è meglio la siccità del caldo, perché in annate calde come la 2003, ricca di acqua fino a luglio e poi caldissima, si sono verificati blocchi totali di maturazione e fenomeni di disidratazione. Infatti molti Brunello 2003 sono vini con attacchi dolci al palato e chiusure amare legate a una non maturazione tannica. Hanno colori intensi ma non vivi, brillanti, dettati dalla pura e semplice concentrazione delle uve disidratate”.

Banfi ha intrapreso dal 2015 un percorso di sostenibilità (nel 2016 è stato pubblicato il primo bilancio) riguardo ogni area aziendale: la gestione delle risorse umane, ambientali ed economiche. Progetti che possono andare dalla riduzione di infortuni all’abbattimento nell’uso di prodotti fitosanitari, dall’abbassamento dei consumi elettrici (trovando partnership con fornitori che sfruttano energie da fonti alternative) fino al recupero e ricircolo dell’acqua, che è e sarà sempre di più uno dei punti critici anche in relazione al pazzo clima a cui stiamo assistendo. “La produzione di vino utilizza tanta acqua - spiega Viglierchio - per lavare i serbatoi, le macchine, le ceste per la raccolta. Parte del prezioso liquido quindi può essere riciclato, rendendolo addirittura potabile, anche se la normativa attualmente ne vieta l’utilizzo alimentare ma ne permette solo quello industriale: una normativa controversa visto che è consentito dissalare l’acqua del mare per renderla potabile ma non è possibile riutilizzare l’acqua di cantina. Questo progetto si concluderà nel 2017 e porterà a recuperare e a ridurre l’approvvigionamento da pozzo e/o acquedotto di un 30-35%”.

L’acqua, specialmente negli ultimi tempi, è preziosa anche per le viti. “Da sempre lavoriamo molto con l’irrigazione - continua il direttore generale di Banfi - un passo decisivo si è fatto tramite un sistema a rateo variabile: lungo i filari le condizioni del terreno cambiano molto e con esso cambia anche la necessità di approvvigionamento idrico della vite. Si è studiato un sistema, che entra in funzione dopo il terzo anno di vita della pianta, in grado di dosare l’irrigazione secondo 3 livelli diversi, attraverso 3 tubi. Da un lato si riduce l’uso dell’acqua, dall’altro migliora nettamente la qualità dell’uva”.

Da ottobre 2015 è consentita l’irrigazione di soccorso, pratica che in casa Banfi è stata sempre utilizzata. Per alcuni una pratica di forzatura, per altri un modo per venire incontro a Banfi o a chi ha vigne in terreni poco vocati.C’è un disciplinare che parla chiaro e il disciplinare è fatto dai produttori - risponde Viglierchio - noi abbiamo irrigato da sempre ma a chi ci criticava ho sempre risposto: le viti noi non le facciamo morire. Con un disciplinare di produzione che pone un tetto massimo di 80 quintali a ettaro, la forzatura a tutti gli effetti non esiste, nella viticoltura moderna è solo un aiuto alle vigne nei periodi di stress idrico come questo. Molte vigne, dopo il 2012, erano morte per la siccità, anche in zone vocatissime e ad altitudini elevate. L’irrigazione si usa sugli impianti nuovi e in condizioni estreme, anche perché oggi la ricerca della qualità ci spinge a non eccedere col suo utilizzo. Certo è che oltre un certo livello di stress idrico non penso sia saggio mettere a repentaglio un intero cru o una vigna o parte di essa per un concetto che appare oggi superato: mio nonno usava l’irrigazione come pratica di forzatura ma lui se non produceva almeno 300 quintali a ettaro non era contento”.

L’intervista integrale di Alessio Pietrobattista a Enrico Viglierchio è disponibile qui.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




nuvoloso Montalcino
Temperatura ore 12: 13°
Precipitazioni (mm): 0

dati a cura di 3BMeteo

7 dicembre 2017

Montalcino, occhio all’Amiata. Altro scontro diretto per il Torrenieri

Meno tre al giro di boa. Il girone F di Prima Categoria giunge nel weekend alla 13° giornata. Il Montalcino, dopo il pareggio a reti bianche col Manciano, torna a giocare al “Soccorso Saloni” dove arriva l’Amiata, che è settimo

6 dicembre 2017

Il Comune acquista 250 copie del libro di Magini

L’Archivio Storico Comunale di Montalcino conserva una preziosissima mole di documenti sulla storia della comunità locale non abbastanza conosciuti e valorizzati. Nel corso degli anni diversi studiosi hanno incentrato le loro ricerche su vari periodi storici, specialmente su quello che

6 dicembre 2017

Tenuta Piccini, una bottiglia di Natale della Robur nella Cantina del Brunello

Da un po’ di tempo Tenuta Piccini, storica realtà toscana da 16 milioni di bottiglie vendute e un fatturato superiore ai 60 milioni di euro, proprietaria a Montalcino di Villa al Cortile (12 ettari tutti a Brunello), ha deciso di

5 dicembre 2017

Open day all’Istituto Professionale Agrario di Montalcino

Arriva, per la prima volta, l’open day all’Istituto Professionale Agrario di Montalcino. Un modo per conoscere la scuola e il suo staff oltre che un’opportunità per tutti i giovani che frequentano l’ultimo anno delle medie di chiarirsi un po’ le

5 dicembre 2017

Nuova pavimentazione in pietra per centro storico Montisi

Il Comune di Montalcino punta sulla riqualificazione del centro storico di Montisi. Investimento in arrivo per la realizzazione di una nuova pavimentazione in pietra in via Umberto I°, nel cuore del paese. L’intervento, previsto nel programma triennale e nel relativo

4 dicembre 2017

Il Borghetto e i volantini in Piazza del Popolo

Una serie di volantini incollati a terra, a formare il numero 30, è apparsa nella notte tra sabato e domenica scorsa in Piazza del Popolo, nel cuore di Montalcino. Non è stato certo difficile collegare il fatto ai responsabili. Trenta

15 dicembre 2017

Cena degli auguri Avis

L’Avis Montalcino organizza la tradizionale cena degli auguri per ringraziare i donatori di sangue per i loro preziosi gesti. Venerdì 15 dicembre (ore 20), al ristorante “Locanda Sant’Antimo” di Castelnuovo dell’Abate, cena a base di pesce (a richiesta è possibile

15 dicembre 2017

Cena con “il re della Catalana”

Venerdì 15 dicembre la Drogheria Franci propone una serata con Riccardo Artizzu di Viareggio, “il re della Catalana”. Il menu propone: gambero di fondale fritto e crocchette di baccalà, carpaccio di ombrina, tartara di sugarello, filetto di triglia, scampo e

10 dicembre 2017

Calcio, Montalcino-Amiata

Meno tre al giro di boa. Il girone F di Prima Categoria giunge nel weekend alla 13° giornata. Il Montalcino capolista, dopo il pareggio a reti bianche col Manciano, torna a giocare al “Soccorso Saloni” dove arriva l’Amiata, che è