I premiati del concorso “Roberto Franci”

Il vincitore del primo premio, Sebastiano Milluzzo, grazie al suo miele di timoIl timo in testa, seguito da girasole, tiglio (pari merito) e eucalipto. È questo il podio disegnato dalla giuria di massimi esperti degustatori del “Roberto Franci”, lo storico concorso nazionale che si tiene da trentasei anni all’interno della “Settimana del Miele” (8-10 settembre), tra le più importanti kermesse del mondo dell’apicoltura in Italia. A ritirare il primo premio Sebastiano Milluzzo dell’omonima Azienda Agricola, col miele di timo. “Arrivo da Canicattini Bagni - spiega Milluzzo - un piccolo Comune sui monti Iblei, unico posto in cui si produce questa varietà. Il primo posto è una bella soddisfazione che mi stimola a migliorare sempre di più, lo dedico alla mia famiglia che ha creduto in me e anche all’Asga che ha organizzato questo evento”.

Secondo posto per L’ape e L’arnia di Giulio Iacovanelli (Chieti)Secondo posto ex aequo per il miele di tiglio dell’Apicoltura Zipoli di Balarini Ancilla (Crema) e il miele di girasole di L’ape e L’arnia di Giulio Iacovanelli (Chieti), che ha anche conquistato la medaglia di bronzo con il miele di eucalipto. “Di solito la produzione è maggiore - racconta Iacovanelli - invece quest’anno ha avuto un calo del 70%. Però la qualità è nettamente superiore e non capisco il motivo, perché in genere, se si produce di meno, il prodotto risulta peggiore”. Per Iacovanelli Montalcino è quasi una seconda casa. “La prima volta che venni avevo 18 anni. Ho condiviso diverse partecipazioni col compianto Roberto Franci (ideatore della “Settimana del Miele”, ndr), adesso erano sette anni che mancavo. Spero di partecipare anche nelle prossime edizioni”.

Premiati anche i vincitori delle singole varietà di miele prodotte in tutta Italia. Miglior coriandolo per Adi Apicoltura (Chieti), mentre Masoero Alfredo (Torino) vince col rododendro e col millefiori, Apicoltura Luca Finocchio (Chieti) spicca per l’acacia e L’ape e L’arnia (Chieti) fa il poker con sulla e agrumi. C’è spazio anche per Montalcino nella lista dei riconoscimenti. Dario Ciacci (Villa i Cipressi) ha ricevuto l’attestato per aver prodotto il miglior miele di castagno. “Ci fa piacere - sottolinea Ciacci - è stata un’annata più difficile anche se per il castagno, a quota più elevata e con più umidità, è andata meglio. Siamo contenti di esserci, di rappresentare Montalcino. Dobbiamo resistere a questo momento duro e trovare la forza per andare avanti, sperando che il clima nei prossimi anni sia più favorevole”.

Dario Ciacci (Villa i Cipressi), premiato per aver prodotto il miglior miele di castagnoE proprio le avversità al mondo delle api sono state al centro del convegno della “Settimana del Miele”, dove sono stati forniti dati impietosi sulla situazione apistica italiana. Quest’anno la resa sarà del 30% rispetto alla media nazionale, con raccolti prossimi allo zero in territori da sempre più vocati della Penisola. Ecco spiegato allora il ristretto numero di partecipanti al concorso (85), numero praticamente dimezzato rispetto alle edizioni precedenti. Ma proprio questa tenacia, questa voglia di non mollare, rappresenta la fiammella di speranza per un futuro migliore.

C’era attesa anche per il “Miele del sindaco”, premio nato proprio a Montalcino e promosso da Le Città del Miele che, a differenza del “Roberto Franci”, non è un riconoscimento di qualità ma di identità territoriale. La tipologia che quest’anno più di altri si è legata con il territorio di origine è il miele di ciliegio canino (meglio noto come miele di marasca), proveniente dalla città di Sacile (Friuli Venezia Giulia), considerata il “giardino della serenissima” dai tempi dei Dogi. Si tratta di un miele raro, dal sapore classico e dal profumo della marmellata di ciliegie, difficilmente reperibile al di fuori della zona del Carso. Il premio consiste in un attestato sia all’apicoltore che lo ha prodotto, sia alla città, visto che a vincere è idealmente la cittadinanza.

Guarda il video:

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




poche nubi Montalcino
Temperatura ore 18: 21°
Precipitazioni (mm): 0

dati a cura di 3BMeteo

22 settembre 2017

Nuovo incendio a Montisi, bosco in fiamme

Una spiacevole sorpresa nel primo pomeriggio di ieri a Montisi. Un incendio, a pochi chilometri dal centro abitato, nella zona denominata “San Rocco”, ha riacceso la paura dopo il precedente estivo nel mese di luglio. Per fortuna non ci sono

21 settembre 2017

E’ un Montalcino vincente anche in Coppa Toscana

Non si ferma la striscia vincente di risultati da parte del Montalcino. Dopo l’esordio convincente in campionato, il turno infrasettimanale di Coppa Toscana regala un altro 4-1 per i biancoverdi questa volta contro la Fontebelverde. Eppure le cose si erano

21 settembre 2017

“Sanguis Jovis”, lunedì parte la Summer School sul Sangiovese

Ai nastri di partenza la prima “Summer School” dedicata al Sangiovese, il vitigno simbolo di Montalcino. Si chiama “Sanguis Jovis” il progetto ideato dalla Fondazione Banfi che ha già riscontrato un discreto interesse da parte dei neolaureati e degli addetti

21 settembre 2017

Asta vini, circa 1400 euro dal Brunello per beneficenza

Come avevamo scritto ieri su queste pagine, l’asta benefica di sabato 16 settembre, nel Giardino dell’Orticultura di Firenze, a favore dell’Associazione Tumori Toscana (A.T.T.), ha raccolto ben 5.400 euro. A partecipare alla lodevole iniziativa anche nove aziende di Montalcino: Banfi,

21 settembre 2017

Il Comune di Montalcino assume autista collaboratore

Come vi avevamo anticipato il Comune di Montalcino ha varato un piano per le assunzioni. La prima figura ricercata è un collaboratore professionale autista, categoria B3, con patente “D” pubblica per il servizio scuolabus ed altre attività attinenti alla categoria.

20 settembre 2017

Ecco la nuova Proloco di San Giovanni d’Asso

Martedì 12 Settembre 2017, nei locali della Proloco di San Giovanni d’Asso, si sono svolte le elezioni del nuovo consiglio direttivo ed il collegio dei revisori dei conti. Sono stati eletti nel consiglio:  Bartoli David, Cosseddu Angelo, Guidotti Gabriele, Mangiavacchi

1 ottobre 2017 09:00

Seminari in biblioteca a Montalcino

L’Auser di Montalcino organizza una serie di conferenze dal titolo “Inferno, Paradiso e Cucchiai. Lo sai che con le tue percezioni crei la tua realtà?” tenute da Giovanni Maccioni. L’appuntamento è nei giorni 1, 7, 8 e 15 ottobre, a

29 settembre 2017

“Il posticino cheto” in scena a teatro

Torna protagonista il teatro a Montalcino. Venerdì 29 settembre alle ore 21.30, appuntamento agli “Astrusi” con la Compagnia del Paiolo che presenta la commedia in due atti dal titolo “Il posticino cheto”, per la regia di Giada Guidotti e le

26 settembre 2017

Il Giro delle chiese con l’Auser

Martedì 26 settembre l’Auser di Montalcino organizza il quarto appuntamento sul territorio, una gita denominata “Giro delle chiese”. La passeggiata, condotta dalla guida Mario Pianigiani, si articolerà in un percorso alla scoperta delle antiche chiese officianti, sconsacrate o addirittura scomparse attraverso