Il turista se ne va e Montalcino “chiude”

Montalcino prima della pioggiaE’già iniziato l’inverno a Montalcino. Dopo la Sagra del Tordo le attività cominciano ad andare in ferie e non c’è nulla di nuovo in tutto questo. Con l’avvicinarsi del Natale ci sarà “uno sprint” per poi, con tutta probabilità, richiudere le saracinesche dopo l’Epifania. Tutto legittimo, chiaro. Ma perché la città appena si abbassano le temperature sembra “addormentarsi”? Di opinioni se ne sentono molte. “Si vede che non c’è bisogno di lavorare e quanto guadagnato in estate basta e avanza”, ci dice una signora che incontriamo per il corso. Allo stesso tempo è vero che con la fine delle feste della città (Sagra del Tordo in primis) mancano iniziative di grande richiamo e ciò spinge in tanti a chiudere le porte con il doppio giro e a riposarsi. Però c’è chi sostiene che bisognerebbe pure ritornare a vivere il centro storico, cosa che in molti non fanno più per varie ragioni. Si lavora prevalentemente con i turisti a Montalcino, sono loro che consumano e acquistano “e ci si dimentica di quelli che ci vivono tutto l’anno”, esclama un signore al mercato. Abbiamo sentito più di una voce pensarla così.

Ma la verità dove sta? In un mix di tutte questi punti di vista probabilmente. Secondo Fabio Borghi della Confcommercio, “andrebbero creati eventi di spessore per richiamare la gente. Anche nei paesi limitrofi ne vengono organizzati tanti ma sarebbe utile coordinarsi per farne meno ma di qualità e in grado di attirare i visitatori soprattutto in questo periodo dell’anno. E’vero anche che bisognerebbe riscoprire il valore del residente, perché sono loro la nostra ricchezza. Il Comune ci aveva comunque pensato con un regolamento sull’arredo urbano che consente di installare strutture coperte e riscaldate”. Ma non se ne sono viste in realtà. Centro storico semi-vuoto, dunque. E il problema si rivela più ostico nei riguardi di coloro che l’affitto lo pagano tutto l’anno. Anche perché non è che a luglio si paga meno che a gennaio. Ma il giro di affari, ovviamente, non è lo stesso. Sono una minoranza, è vero, chi non ha un fondo proprio. Ciò non risolve comunque la questione che è delicata non solo per Montalcino ma anche per le tante frazioni. Intanto nuove attività all’orizzonte non se ne vedono. Anzi una sì, un negozio che sostituirà un ristorante che recentemente ha cessato l’attività.

C’è chi si chiede se un negozio può decidere di chiudere quando e per quanto vuole. Abbiamo girato la domanda a Borghi. “C’è l’obbligo di apertura per due giorni alla settimana ma d’inverno è la stagione dove solitamente si ristrutturano i locali e in caso di chiusura per questi motivi l’obbligo viene a mancare”. Probabilmente non cambierà molto anche in futuro. Però sarebbe bello che cittadini, commercianti, istituzioni e associazioni si ritrovassero, magari in un incontro pubblico, per parlarne e discuterne tutti insieme. E chissà che una soluzione non venga trovata così come nuove idee.

Un pensiero su “Il turista se ne va e Montalcino “chiude”

  1. I residenti ( nativi o non) non vivono volentieri il centro anche perchè, alcuni commercianti, non hanno cura e pazienza. E capitato di entrare in negozi dove i proprietari non hanno nemmeno la grazia di guardarti in faccia ( credetemi è capitato piu volte). Bene, chi vive qui qualche mese all’anno, come me, ha deciso di andare a Buonconvento a far spese. Almeno qui un sorriso e cortesia, sono quasi sempre di casa.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

15 ottobre 2018

Il bando per gestire iniziative relative ai gemellaggi di Montalcino

Sono aperti i termini per la presentazione delle proposte di soggetti appartenenti al Terzo Settore interessati ad organizzare iniziative relative ai due gemellaggi del Comune di Montalcino, quelli con i Comuni di Hautvillers e Purbach. Le proposte dovranno pervenire entro

15 ottobre 2018

Altro tentato furto al bancomat di Castelnuovo dell’Abate

A poco più di un anno di distanza, quando il bancomat di Castelnuovo dell’Abate fu preso letteralmente a picconate, il borgo a due passi da Sant’Antimo deve fare i conti con un altro tentato furto. È successo nella notte tra

15 ottobre 2018

Fuga di gas bloccata dai Vigili a Torrenieri

Venerdì scorso i Vigili del Fuoco del Comando di Siena sono intervenuti a Torrenieri, a seguito di una perdita di gas da un deposito di GPL dovuta ad una errata manovra di un mezzo meccanico che, mentre stava eseguendo alcuni

14 ottobre 2018

Olimpiadi Giovanili, Fabrizzi eliminato nel mixed team

News dall’Argentina dove Federico Fabrizzi, il sedicenne di San Quirico tesserato per gli Arcieri Montalcino, sta partecipando, unico in maglia azzurra, alle Olimpiadi Giovanili. Nella prima giornata del tiro con l’arco sulle settantadue frecce di ranking round, Fabrizzi ha concluso

13 ottobre 2018

Si rinchiude in camera e tenta di bucarsi, la madre chiama i carabinieri

Aveva paura, perché il sesto senso delle madri, soprattutto nei confronti dei figli, sbaglia poche volte. E allora la signora non ci ha pensato due volte a chiamare i Carabinieri di Montalcino quando ha visto il suo ragazzo rinchiudersi in

12 ottobre 2018

Il miglior assaggio di vino per Massobrio e Gatto è un Brunello

Nel supplemento “Liberi Tutti” in edicola questa mattina sul Corriere della Sera, si parla del libro “Vino. Assaggi memorabili di quel giorno e di quell’ora”, scritto da Paolo Massobrio e Marco Gatti (Cairo Editore). Nell’articolo di Luciano Ferraro si parla

23 ottobre 2018

Visitare Montisi con l’Auser

Auser Montalcino il 23 ottobre organizza l’edizione n. 6 di “Conoscenza del territorio”. In programma la visita a Montisi con le seguenti tappe: Grancia con teatro, Contrada della Torre, Chiesa di Santa Flora e Lucila, Chiesa del Santissimo Sacramento e

21 ottobre 2018

“Colori di note” agli Astrusi

Le foto (inedite) della vita di Montalcino, dai paesaggi ai tramonti, dai cortei agli arcieri nei loro Campi di Tiro, accompagnate da tre musicisti e da un coro di bambini. Tutto questo è “Colori di note”, l’ultimo evento prima della

20 ottobre 2018

Borse di studio “Franceschelli”

Premiare gli studenti più meritevoli e ricordare una persona tanto cara a Montalcino. È questo il senso dell’iniziativa della Confraternita del Santuario della Madonna del Soccorso, che per il 13° anno di fila ha stanziato tre borse di studio (di