Tenute Silvio Nardi, Montalcino e l’Etruria

Tenute Silvio Nardi, Montalcino al centro dell’Etruria“Avevamo già notato da tempo questi due cippi, senza però approfondire la questione. Poi ci è venuto in mente di chiamare uno dei nostri vini con un nome etrusco, anche per via delle origini di Montalcino. Il professor Cappuccini, ordinario di Archeologia all’Università di Firenze, ci suggerì il nome di Turan, dea della primavera, della lievitazione del pane e della trasformazione dell’uva in vino. Gli chiesi di dare un’occhiata al cippo (l’altro è un falso, una riproduzione, ndr), disse che era autentico ed estremamente interessante nelle sue dimensioni. Parliamo di 1,40 metri, quando la normalità è 80-100 cm”. Silvia Nardi, presidente di Tenute Silvio Nardi, racconta alla Montalcinonews la scoperta di un cippo etrusco davanti alla chiesetta della proprietà di Casal del Bosco, a Montalcino. Il cippo è stato denunciato al Ministero dei Beni Culturali e “dobbiamo decidere dove posizionarlo”, aggiunge Nardi, che per l’occasione ha organizzato nella sua tenuta un piccolo incontro-dibattito curato dall’ingegnere Luciano Vagni, che dirigendo i lavori di consolidamento del Duomo di Perugia ha scoperto un preziosissimo strato etrusco.
“Le scoperte di Perugia sull’urbanistica dell’Etruria legata all’urbanistica del cielo ci conducono a Montalcino - spiega Vagni alla Montalcinonews - una zona sacra per eccellenza, circondata dall’Asso, dall’Orcia, dall’Ombrone e dal Serlate. Sembra di vedere il Tigri e l’Eufrate in Mesopotamia. Un microcosmo che rappresenta il polo celeste dell’Etruria. Murlo è una zona importantissima, ma il centro dei centri è qui, a Montalcino. Lo dimostra la pianta del cielo, come si può notare nel fegato di Piacenza, strumento usato per dialogare con il cielo”.
La riproduzione del cippo etrusco di Tenute Silvio NardiVagni, nel corso dell’incontro, ha parlato di tanti aspetti, come le affinità tra la civiltà etrusca e quella moderna. “3.000 anni ci separano dagli etruschi, un tempo relativamente modesto. Siamo ancora portatori della cultura etrusca ma hanno fatto di tutto per farcela dimenticare”. E poi l’elogio alla loro cultura (“Aristotele ha scritto che le donne etrusche erano di malaffare, perchè mangiavano con gli uomini. Questo fa capire la differenza tra la civiltà etrusca e la civiltà greca”) e le forme che davano alle città, come Perugia (la cui immagine vista dall’alto ricorda quella di un busto umano). A proposito di mappa etrusca, per Vagni la zona nevralgica cade su Montalcino, mentre il cippo ritrovato è il “fallo più imponente dell’Etruria, direi un fallo da rigore! Non conta però la dimensione, ma la posizione. Nelle necropoli si trovavano davanti alle trombe, simbolo di fertilità nel futuro, come se si potesse fecondare dopo la morte. E in effetti le nostre cellule fecondano la terra. Siamo degradabili, siamo parte di un immenso universo”.
Alla fine Vagni espone i progetti futuri e si apre a nuovi sostenitori. Un assist raccolto subito dal sindaco di Montalcino Silvio Franceschelli. “Ringrazio il professore - spiega il primo cittadino - e devo dire che stiamo pensando di fare un incontro al Museo Archeologico di Montalcino dove abbiamo alcuni reperti di un sito etrusco che sta proprio nel punto più alto del Comune, Poggio Civitella (“il più sacro in assoluto”, aggiunge Vagni). Abbiamo una carta archeologica che indica 100 siti archeologici nel nostro Comune. Quello che ha detto, professore, si riscontra con dati che siamo in possesso. Le scriverò una mail, se ci passa il suo materiale potrebbe nascere un gemellaggio”. Il dibattito si è aperto alle domande dei presenti, per poi chiudersi davanti ad un ricco buffet allestito da Tenute Silvio Nardi.
Tenute Silvio Nardi, il buffet ha chiuso il mini convegno su Montalcino e l’EtruriaLa giornata, così, ha raggiunto il suo scopo. Stuzzicare l’interesse verso un sentiero finora forse poco battuto. E chissà se, in futuro, arriveranno altri elementi che possano riscoprire il passato di Montalcino. “Non abbiamo ancora la certezza assoluta, ma il cippo etrusco era davanti alla chiesina che è orientata come i templi etruschi, Nord-Sud, anziché Est-Ovest come le chiese cristiane - conclude Emilia Nardi -. Chissà, andando avanti magari verranno fuori altre scoperte. Montalcino è già un’area turistica legata al vino ma può offrire qualcosa di più. In fondo il turista vuole sognare, andare indietro nel tempo, e possono crearsi opportunità per attirare più persone e creare ancora più ricchezza per il territorio”.

Guarda il video:

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

12 dicembre 2018

Il Brunello di Montalcino re della tavola a Eataly Boston

La cucina italiana riceve consensi in tutto il mondo. E se l’abbinamento è con il Brunello di Montalcino il successo è assicurato. A Eataly Boston (Usa) è andato in scena un evento che ha visto la collaborazione di Eataly e

12 dicembre 2018

International Wine Report, brilla il Brunello di Montalcino nella top 100

Nella “Top 100” dei vini del 2018 firmata dall’International Wine Report al primo posto troviamo il californiano Tor Cabernet Sauvignon Beckstoffer To Kalon 2016 ma a brillare particolarmente è il Brunello di Montalcino presente ben 5 volte (17 le etichette

11 dicembre 2018

Dal Comune 15.000 euro alle Misericordie del territorio

Il Comune di Montalcino ha concesso il coinvolgimento indiretto alle Misericordie di Montalcino e Torrenieri, stanziando un contributo di 15.000 euro (10.000 euro alla Venerabile Confraternita di Misericordia di Montalcino e 5.000 euro alla Venerabile Confraternita di Misericordia di Torrenieri).

11 dicembre 2018

Dati Ismea: crollo vini comuni, tra le Dop guida il Brunello

Il Brunello di Montalcino si conferma al vertice dei vini pregiati italiani, con un aumento del prezzo del +3,3% rispetto al 2017, mentre le quotazioni dei vini comuni registrano un calo sia dei bianchi (-21,1%) che dei rossi e dei

11 dicembre 2018

“Wine-Lister”, sul podio della Top 10 il Brunello de Il Marroneto

Il mercato dei fine wine cresce, nel mondo, e di conseguenza gli operatori che forniscono servizi specializzati per collezionisti e professionisti del vino investono sempre di più e allargano i propri orizzonti. È il caso del portale “Wine-Lister”, che grazie

11 dicembre 2018

Argiano festeggia a Firenze i venti anni del Solengo

Stasera, alla Trattoria Da Burde a Firenze, si svolgerà l’evento di celebrazione del ventesimo anniversario della nascita del Solengo, il “Supertuscan” della cantina Argiano concepito dalle mani sapienti di Giacomo Tachis. Nell’occasione saranno assaggiate alcune tra le migliori annate alla

22 dicembre 2018

“Lumen de Lumine” a Sant’Antimo

L’Arcidiocesi di Siena, Colle val d’Elsa e Montalcino, insieme alla comunità di Sant’Antimo, nell’attesa del Natale, sabato 22 dicembre alle ore 21 presso l’Abbazia, propone “Lumen de Lumine”, una riflessione sul tema della luce che anticiperà la liturgia in Nocte

16 dicembre 2018

Pranzo di Natale nella Ruga

Non mancano le iniziative natalizie nemmeno nel Quartiere Ruga. Domenica 16 dicembre, alle ore 13, è in programma il pranzo degli auguri in sede. Prenotazioni, entro il 14 dicembre, presso “Il Filo di Fumo” (da Guido).

15 dicembre 2018

Pupo legge Pinocchio

Sabato 15 dicembre terzo appuntamento della stagione teatrale di Montalcino. Al Teatro degli Astrusi arriva Enzo Ghinazzi (in arte Pupo), che prima incontrerà con Manfredi Rutelli il pubblico parlando di teatro nell’iniziativa ”Calici d’artista” (ore 18, bar del teatro, ingresso