Banfi soffia 40 candeline all’Accademia Chigiana

Banfi soffia 40 candeline all’Accademia Chigiana“Nel mondo del vino 40 anni sono un battito d’ali, ma in questo periodo Banfi ha realizzato un percorso importante, partendo da zero a Montalcino e in Piemonte e costituendo due realtà vitivinicole che sono poi diventate un modello in Italia e nel mondo”. A parlare è Enrico Viglierchio, direttore generale di Banfi, l’azienda che ha spento le quaranta candeline ieri pomeriggio nella splendida cornice dell’Accademia Chigiana, la prestigiosa istituzione musicale nel centro storico di Siena aperta nel 1932 dal Conte Guido Chigi Saracini. È la prima di una serie di iniziative (il 5 giugno tappa a Roma, poi Zurigo, Firenze, Milano, Mosca, Berlino, New York, Hong Kong, Londra) per celebrare le intuizioni, le sfide e i traguardi raggiunti dalla famiglia Mariani-May.

Al secondo piano di Palazzo Chigi Saracini è stata allestita una degustazione a banchi d’assaggio, un itinerario che ripercorre la storia di Banfi dal 1978 ad oggi. Quattro decadi raccolte in tre sale: i vini che hanno segnato i primi anni nel Salotto Salvador Rosa (Banfi Brut, Principessa Gavia, San Angelo, Fontanelle, Rosso di Montalcino, Brunello di Montalcino, Summus, Poggio all’Oro e Florus), i vini dei due decenni successivi nel Salotto Banfi soffia 40 candeline all’Accademia ChigianaMagistrato delle Contrade (Tener, Le Rime, Serena, L’Ardì, Col di Sasso, Centine, Chianti Classico Riserva, Excelsus e Rosa Regale nel periodo 1988-1998; Cuvèe Aurora, Cuvèe Aurosa Rosè, Fumaio, Chianti Superiore, Cum Laude, Belnero, La Lus e Brunello Pam nel periodo 1998-2008) e le etichette più significative dell’ultima decade nel Salotto Ceccolino (Bepop, La Pettegola, Cost’è, Stilnovo, L’Altra, Aska, Fonte alla Selva, Gran Selezione, Rosso di Montalcino PAM e Brunello Riserva Pam). Una sorpresa, invece, attende i visitatori nell’ultima stanza, il Salotto Peruzzi. Un’etichetta speciale, a tiratura limitata (2.000 bottiglie), assemblaggio di diverse varietà di uve a bacca rossa (Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah) per esprimere quarant’anni di storia ed esperienza Banfi a Montalcino in maniera decisamente innovativa.

“Banfi nasce a Montalcino, in Provincia di Siena. Per questo i festeggiamenti non potevano che partire da Siena, in un luogo meraviglioso come l’Accademia Chigiana che per la prima volta apre ad un evento privato di questo tipo”, spiega Viglierchio alla Montalcinonews, col sottofondo della musica classica che arriva dalla sala concerti. “Abbiamo ricostruito quella che è l’evoluzione di Banfi, in una cornice che rappresenta la storia e la cultura di questo territorio”.

Banfi soffia 40 candeline all’Accademia Chigiana“Nella nostra nuova filosofia c’è l’intenzione di aprirsi a tutti gli utenti - commenta Angelo Armiento, direttore amministrativo dell’Accademia Chigiana - e lo scorso 20 marzo abbiamo creato un nuovo spazio, Chigiana Art Cafè, per promuovere eventi che coinvolgono le eccellenze del territorio e creare un collegamento diretto coi grandi produttori. Chi si ferma ad ascoltare la musica di sottofondo si ferma anche a prendere un bicchiere di vino per gustare in ogni suo aspetto la bellezza qui presente”.

“Banfi è un progetto fortemente voluto da John ed Harry Mariani, importatori di vino negli Usa che ad un certo punto sono voluti tornare nel loro Paese d’origine - continua Viglierchio -. Scelgono Montalcino perché girando per l’Italia intravedono qui un grosso potenziale, un territorio unico da un punto di vista sia viticolo-enologico sia storico-culturale. Hanno costantemente lavorato e investito su questo territorio e voluto che l’azienda rimanesse un’azienda familiare. Tutto il percorso di ricerca e innovazione ha sempre avuto come baricentro l’azienda di Montalcino”.

Banfi soffia 40 candeline all’Accademia ChigianaUna linea del tempo scandisce tutti i momenti storici dell’azienda, dalla fondazione di Villa Banfi nel 1978 alla nascita di Sanguis Jovis - Alta Scuola del Sangiovese nel 2017, passando per l’inizio dei progetti di zonazione e selezione clonale sul Sangiovese (1980-1982), l’acquisto dell’emblema di Banfi, il Castello di Poggio alle Mura (1983), la nascita della Fondazione Banfi (1986), l’inaugurazione del Museo della Bottiglia e del Vetro (1992), l’apertura del Festival Jazz&Wine (1998), il riconoscimento della Certificazione Etica (2005) e il Bilancio di Sostenibilità (2015). Quarant’anni sono passati. Dove sarà Banfi tra altri quaranta? “Sicuramente non sarà un’azienda stravolta - risponde Viglierchio - abbiamo progetti in corso mirati su Montalcino e sulla Toscana che continueremo a portare avanti, perché la proprietà crede fortemente nell’italianità del vino e sul legame vino-territorio”.

Focus: Quaranta, vino celebrativo in edizione limitata

Banfi soffia 40 candeline all’Accademia ChigianaUn vino che esprime quarant’anni di storia ed esperienza Banfi a Montalcino in maniera decisamente innovativa, un assemblaggio di diverse varietà di uve a bacca rossa selezionate nei nostri migliori vigneti montalcinesi, provenienti da vendemmie diverse e complementari tra loro. Un equilibrio perfetto di Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot e Syrah vi guideranno attraverso un viaggio emozionale che ripercorre le annate più significative della storia di Banfi, assemblate armoniosamente in questa espressione unica del terroir montalcinese. Un vino celebrativo prodotto in edizione limitata che riflette perfettamente la ricerca dell’eccellenza che ci ha da sempre contraddistinti, fatta di attenzione ai dettagli, tecniche innovative e nuove filosofie, con il fine ultimo di produrre la migliore qualità possibile. Un’orchestra di potenza, complessità ed eleganza.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

21 gennaio 2019

Brunelli e Pacenti al Forum nazionale vitivinicolo 2019

Migliorare la viticoltura italiana attraverso la ricerca, puntando sulle nuove tecnologie di “genome editing”. Questo il tema al centro del Forum nazionale vitivinicolo 2019, organizzato il 23 gennaio all’Auditorium di Sant’Apollonia a Firenze da Cia-Agricoltori Italiani, per la prima volta

21 gennaio 2019

Il contributo del Comune di Montalcino alla Brunello Crossing

Il Comune di Montalcino ha concesso all’associazione sportiva dilettantistica Montalcino Trail, organizzatrice della Brunello Crossing (9-10 febbraio), il patrocinio dell’evento, un contributo di 5.000 euro, l’utilizzo gratuito dei locali della palestra e del Teatro degli Astrusi e il suolo pubblico

21 gennaio 2019

Montalcino, neve in arrivo: domani scuole chiuse

Arriva la neve. Si sapeva da giorni, ormai guardare le previsioni meteo nel telefonino è molto più di un hobby, ma soprattutto ci sono i bollettini ufficiali. E la Regione Toscana indica criticità di colore “giallo” per oggi ma si

21 gennaio 2019

La cerimonia di commemorazione per Giuseppe Savastano ed Euro Tarsili

Oggi ricorre il trentasettesimo anniversario del sacrificio dei Carabinieri Giuseppe Savastano ed Euro Tarsilli, decorati di Croce al Valor Militare, caduti il 21 gennaio 1982 per mano terrorista. Nell’occasione, presso la Chiesa dei Santi Giusto e Donato di Monteroni d’Arbia

21 gennaio 2019

Il Montalcino sogna, il Torrenieri conferma il 2° posto

Il “sogno playoff” è sempre più concreto. Con un rotondo 3-0 il Montalcino, decimato dagli infortuni (out Pecchi, Signorini, Gugliotta e Salvestroni, recuperati in extremis Di Marco e Bandini), asfalta il Dicomano e sale al settimo posto, a -2 dagli

18 gennaio 2019

Sangiovese Purosangue, a Roma 15 cantine di Montalcino

Questo weekend (19 e 20 gennaio) torna al Radisson Blu Hotel a Roma Sangiovese Purosangue, l’evento interamente dedicato a uno dei vitigni italiani di riferimento, promosso dall’Associazione EnoClub Siena, con oltre 60 aziende ai banchi di assaggio (di cui 15

14 febbraio 2019 08:00

San Valentino in Val d’Orcia

Una cena a lume di candela, un brindisi a base di bollicine in camera, vini, profumi, leggende e wellness: tutto quello che serve per rendere un San Valentino indimenticabile nella proposta di Donatella Cinelli Colombini, che per la festa degli

9 febbraio 2019

Una notte all’opera

In attesa del debutto, il 19 gennaio al Teatro degli Astrusi con lo spettacolo “Saranno famosi”, è già in calendario il secondo evento di “Solo Belcanto d’inverno”, che si terrà il 9 febbraio agli Astrusi Off (ore 21.15) e vedrà

26 gennaio 2019

“La Divina” è pop agli Astrusi

Nuovo appuntamento al Teatro degli Astrusi di Montalcino. Sabato 26 gennaio, ore 21.15, andrà in scena “La Divina”, di Alessandro Fullin (anche regista e attore). Nel cast, Tiziana Catalano, Sergio Cavallaro, Simone Faraon, Paolo Mazzini, Mario Contenti, Ivan Fornaro. Coreografie