Maturità, via il tema di storia: “grave notizia”

Maturità, via il tema di storia. Una notizia gravissima, spiega lo storico Bruno BonucciOrmai la linea è chiara da tempo. Sono diversi anni che governi di ogni colore mettono mano al format dell’esame di Stato, o “esame di maturità”, semplificandone le modalità di svolgimento (con un evidente risultato: tutti promossi). L’ultima è arrivata il 4 ottobre, con una circolare del Miur su proposta della Commissione guidata dal linguista Luca Serianni. Nel 2019 viene confermata l’assenza dell’alternanza scuola lavoro all’esame orale, i test Invalsi non sono obbligatori ai fini dell’ammissione e viene dato più valore al percorso scolastico, con i crediti formativi che passano da 25 a 40. In pratica il triennio peserà per il 40% sul voto finale, contro il 60% dell’esame di maturità. Fin qui tutto come previsto dal pacchetto “Buona Scuola” del Governo precedente.

Le novità maggiori arrivano dalle prove scritte. Sparisce la terza prova, il “quizzone” introdotto nel 1997 dal ministro Berlinguer che univa 4-5 discipline, mentre restano la prima prova (italiano) e la seconda prova, che varranno ognuna 20 punti (altri 20 arriveranno dall’orale). Nella prima prova, quella di italiano, non c’è più il tema di argomento storico. “Non viene cancellato l’approfondimento storico, che è fondamentale e che rientra nelle altre tipologie”, ha affermato a Repubblica il linguista Serianni. Ma la precisazione non è bastata a far scattare le polemiche.

“Sono esterrefatto, è una notizia gravissima. Hanno deciso che dobbiamo perdere la coscienza della nostra esistenza, che non dobbiamo sapere da dove veniamo”, commenta alla Montalcinonews Bruno Bonucci, già professore di storia e filosofia al Liceo Giulio Cesare di Roma. “Non capisco che vento soffi, è una perdita enorme. Non è possibile che il parlamento italiano approvi una legge che preveda la cancellazione della prova di storia dagli elaborati di maturità. Ma come si fa?”. Il tema storico, spiega Bonucci, non era tra i più gettonati. “Era difficile, questo è vero, ma non è giusto che si faccia di tutto per abbassare il tono della preparazione degli alunni”.

Durissima la presa di posizione del Coordinamento della Giunta centrale per gli studi storici e delle Società degli storici (Cusgr, Sis, Sisem, Sisi, Sismed, Sissco). “La scomparsa della tradizionale traccia di storia dalle tipologie previste per l’esame di maturità sembra seguire un percorso di marginalizzazione della storia nel curriculum scolastico, già iniziato con la diminuzione delle ore d’insegnamento negli istituti professionali. Si tratta di un’immotivata novità che riduce di fatto la rilevanza della Storia come disciplina di studio in grado di orientare i giovani nelle loro scelte culturali e di vita (…) e accelera un processo già in atto di riduzione del significato dell’esperienza del passato come patrimonio di conoscenze per la costruzione del futuro. Questa scelta è stata fatta senza che né il Ministero, né la preposta Commissione abbiano mai consultato gli storici, gli insegnanti e gli studenti, nelle scuole e nel mondo accademico (…). Chiediamo con fermezza una rapida revisione del Documento della commissione Serianni e proponiamo al competente Ministro un incontro immediato per illustrare le ragioni e le modalità mediante le quali emendarlo”.

Polemico il commento del giornalista Vittorio Sgarbi. “Mi domando perché a questo punto non si elimini la scuola tout court - scrive in un editoriale su Libero - visto che le materie fondamentali sono state declassate a perdita di tempo. Se la pubblica istruzione è diventata pubblica distruzione conviene chiudere qualsiasi istituto scolastico, almeno ci avanzeremo i soldi per pagare il reddito di cittadinanza”.

 

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

15 ottobre 2018

Il bando per gestire iniziative relative ai gemellaggi di Montalcino

Sono aperti i termini per la presentazione delle proposte di soggetti appartenenti al Terzo Settore interessati ad organizzare iniziative relative ai due gemellaggi del Comune di Montalcino, quelli con i Comuni di Hautvillers e Purbach. Le proposte dovranno pervenire entro

15 ottobre 2018

Altro tentato furto al bancomat di Castelnuovo dell’Abate

A poco più di un anno di distanza, quando il bancomat di Castelnuovo dell’Abate fu preso letteralmente a picconate, il borgo a due passi da Sant’Antimo deve fare i conti con un altro tentato furto. È successo nella notte tra

15 ottobre 2018

Fuga di gas bloccata dai Vigili a Torrenieri

Venerdì scorso i Vigili del Fuoco del Comando di Siena sono intervenuti a Torrenieri, a seguito di una perdita di gas da un deposito di GPL dovuta ad una errata manovra di un mezzo meccanico che, mentre stava eseguendo alcuni

14 ottobre 2018

Olimpiadi Giovanili, Fabrizzi eliminato nel mixed team

News dall’Argentina dove Federico Fabrizzi, il sedicenne di San Quirico tesserato per gli Arcieri Montalcino, sta partecipando, unico in maglia azzurra, alle Olimpiadi Giovanili. Nella prima giornata del tiro con l’arco sulle settantadue frecce di ranking round, Fabrizzi ha concluso

13 ottobre 2018

Si rinchiude in camera e tenta di bucarsi, la madre chiama i carabinieri

Aveva paura, perché il sesto senso delle madri, soprattutto nei confronti dei figli, sbaglia poche volte. E allora la signora non ci ha pensato due volte a chiamare i Carabinieri di Montalcino quando ha visto il suo ragazzo rinchiudersi in

12 ottobre 2018

Il miglior assaggio di vino per Massobrio e Gatto è un Brunello

Nel supplemento “Liberi Tutti” in edicola questa mattina sul Corriere della Sera, si parla del libro “Vino. Assaggi memorabili di quel giorno e di quell’ora”, scritto da Paolo Massobrio e Marco Gatti (Cairo Editore). Nell’articolo di Luciano Ferraro si parla

23 ottobre 2018

Visitare Montisi con l’Auser

Auser Montalcino il 23 ottobre organizza l’edizione n. 6 di “Conoscenza del territorio”. In programma la visita a Montisi con le seguenti tappe: Grancia con teatro, Contrada della Torre, Chiesa di Santa Flora e Lucila, Chiesa del Santissimo Sacramento e

21 ottobre 2018

“Colori di note” agli Astrusi

Le foto (inedite) della vita di Montalcino, dai paesaggi ai tramonti, dai cortei agli arcieri nei loro Campi di Tiro, accompagnate da tre musicisti e da un coro di bambini. Tutto questo è “Colori di note”, l’ultimo evento prima della

20 ottobre 2018

Borse di studio “Franceschelli”

Premiare gli studenti più meritevoli e ricordare una persona tanto cara a Montalcino. È questo il senso dell’iniziativa della Confraternita del Santuario della Madonna del Soccorso, che per il 13° anno di fila ha stanziato tre borse di studio (di