Torrenieri tra passato e futuro: parla Bonucci

Torrenieri tra passato e futuro: la presentazione del nuovo libro di Bruno Bonucci“Il libro è il risultato di un mio lavoro del 1998 come allegato a un quindicennale montalcinese, “La Piazza”. Adesso la Proloco di Torrenieri ha ripreso in mano quel lavoro con l’aiuto preziosissimo del professor Raffaele Giannetti e i disegni dell’architetto Antichi”. A parlare, in visita alla Montalcinonews, è lo storico Bruno Bonucci, che il 25 novembre all’Etoile di Torrenieri ha presentato la sua nuova pubblicazione dedicata al borgo che gli ha dato i natali, Torrenieri, alla presenza dello stesso Giannetti e dei professori Mario Ascheri e Ugo Sani.

Dopo una corposa introduzione di Giannetti sull’onomastica di Torrenieri, il libro si struttura in due parti. Nella prima parte “c’è un’immaginaria ricostruzione della Francigena - spiega Bonucci - questa strada che collegava Roma al Nord Europa. Torrenieri è la “mansione”, cioè la fermata della Via Francigena, e diventerà in età moderna borgo della Via Regia Romana Postale, avendo a che fare con la stazione della posta del Granduca”. Bonucci si basa su uno Stato d’anime trovato nell’archivio vescovile, appartenente alla parrocchia di Torrenieri, che illumina sulla situazione del borgo nel XVII secolo. “Il parroco che compila lo Stato d’anime descrive con attenzione i luoghi, indica le locande aperte. Esisteva un ospedale, l’Ospedale di Sant’Antonio, che il Granduca aveva suggerito ai torrenieresi di rinnovare. Loro si impegnarono a fondo ma alla fine il Granduca lo affidò a un magnate senese, il Guglielmi, privatizzandolo. Un fatto che avrà suscitato forti reazioni nei cittadini”.

Torrenieri tra passato e futuro: il nuovo libro di Bruno BonucciDal Cartolaio della Repubblica di Siena, documento del XIII secolo, Bonucci risale poi alla confinazione di Torrenieri. “I mensuratores con un notaio piazzano i cippi della confinazione, cominciando dall’Asso, a sud-ovest di Torrenieri, risalendo i poggi fino alla Francigena, all’altezza del Galluzzino, per poi raggiungere Castel Verdelli. Poi fanno il giro dell’altra metà del territorio, fino ai confini che sono grossomodo quelli dell’odierno Comune di Montalcino”.

Il libro contiene gli indici analitici, con i nomi di persone e luoghi utilissimi per permettere un’agevole consultazione. “Mi sembra di aver riportato diverse indicazioni utili, sarei molto felice se qualche giovane di Torrenieri avesse voglia di lavorarci sopra”, sottolinea Bonucci.

Torrenieri tra passato e futuro: la presentazione del nuovo libro di Bruno BonucciMa vedendo la Torrenieri del passato, com’è la situazione attuale? Le potenzialità sono sfruttate fino in fondo? “Sono cambiati i luoghi, la mentalità, il sistema produttivo. Il territorio di Montalcino si è dilatato e Torrenieri si è ritrovato al centro, in una posizione più strategica. Prima i borghi del Comune erano tutti a ponente: Sant’Angelo, Castelnuovo dell’Abate… Ora non più e in questo senso potrebbe essere positivo. Poi c’è la ferrovia, che è quasi abbandonata ma è stata utilizzata anche bene in certe occasioni. C’è un altro itinerario interessante che univa Sinalunga alla Maremma, passando per Torrenieri e Montalcino. La Traversa dei Monti era la Regia Provinciale del Granduca, che iniziava a Sinalunga e raggiungeva l’Osteria dei Cannicci, vicino Paganico. Questa situazione può essere sfruttata. Peccato che il rinnovo della via abbia portato il traffico fuori dal paese. Certo, era opportunissima la circonvallazione di Torrenieri, ma ha nascosto Torrenieri a chi passa. Probabilmente con un altro percorso il borgo poteva essere tenuto in vista. Pensavo a una cosa: il percorso attuale della Cassia da Torrenieri a Buonconvento, quello rifatto, ricalca perfettamente l’antica Via Francigena, che non aveva le curve. Le curve di Torrenieri, dove i torrenieresi andavano a far l’amore, dove passavano le Mille Miglia, la Milano-Taranto e il Giro della Toscana, erano il frutto dell’asfaltatura della Via Cassia. La Via Francigena era tutta dritta, fino al Galluzzino. Comunque, tornando alla domanda: forse mi sono dedicato un po’ troppo alle cose del passato, e ho dimenticato per grave colpa il futuro. Chiudo così, senza darti risposte”.

Guarda il video:

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

15 ottobre 2019

I numeri della Granfondo: 1.100 al via (video)

L’attesa della partenza e le biciclette al via. La passione di uno sport e di un evento, la Granfondo del Brunello e della Val d’Orcia, capace di portare sul territorio oltre 1.100 persone. Nel video che abbiamo realizzato ci sono

14 ottobre 2019

Francigena Ultramarathon: in 350 a Torrenieri

Il weekend che è appena andato in archivio è stato anche quello della World Francigena Ultramarathon che ha percorso l’antico itinerario di “Sigerico”. Una manifestazione che si pone l’obiettivo di far conoscere il territorio e quindi anche le sue bellezze

14 ottobre 2019

Il Consorzio del Brunello accoglie enotecari italiani e francesi

Prosegue la collaborazione storica tra il Consorzio del Brunello e Vinarius: l’associazione delle enoteche italiane in questi giorni è a Montalcino per uno stage formativo dei suoi associati, che quest’anno sarà ancora più speciale. Da aprile, infatti, insieme all’Associazione Enotecari

14 ottobre 2019

Montalcino, esonerato Corbucci. A breve il nome del sostituto

L’avventura di Luca Corbucci a Montalcino è arrivata al capolinea. La società biancoverde, alla luce delle difficoltà incontrate in questo avvio di stagione, ha deciso di sollevare dall’incarico l’ex tecnico del Badesse. “Come spesso avviene in questi casi, paga la

14 ottobre 2019

Montacino finisce di nuovo sul Tg2 Weekend

“Non si può citare Montalcino senza pensare subito al vino che ormai identifica questo territorio”. Comincia così il servizio Rai dedicato a Montalcino e mandato in onda nel Tg2 Weekend del 12 ottobre, a tre settimane esatte dalla visita alla

12 ottobre 2019

Una pedalata nobile in cantina con le Lady Bike

La Granfondo del Brunello e della Val d’Orcia è partita e già da stamattina ha iniziato ad animare Montalcino. Una comitiva di circa trenta persone, in attesa della “classicissima” di domani, che spegne 30 candeline, hanno aderito al progetto delle

20 ottobre 2019

La Passeggiata in Rosa a Montalcino

Per il terzo anno le Hop Hope organizzano la “Passeggiata in Rosa” che andrà alla scoperta delle mura di Montalcino. Un percorso di 7 km aperto a tutti, facile, con ritrovo domenica 20 ottobre (ore 14.30) al parcheggio sterrato dello

19 ottobre 2019

“I Quartieri per la storia” a Montalcino

Sabato 19 ottobre (ore 17.30), nel Complesso di Sant’Agostino, terzo appuntamento con “I Quartieri per la storia”, progetto che prevede la pubblicazione di una tesi di laurea inedita o di un nuovo lavoro di ricerca sulla storia di Montalcino, sostenuti

19 ottobre 2019

Cena nel Travaglio

Il 19 ottobre (ore 20) cena nel Quartiere Travaglio. Prenotazioni nella bacheca della società.