L’Enoteca Dalmazio compie 30 anni

Annibale Parisi, Bruno Dalmazio (al centro) e Marco ParriRisalendo la Traversa dei Monti, dopo il distributore di benzina e prima dell’insegna che svela l’altitudine della cittadina, una lunga curva accoglie un locale diventato ormai punto di riferimento per abitanti e turisti, primo vero biglietto da visita di Montalcino. È l’Enoteca Bruno Dalmazio, che lo scorso mese ha festeggiato 30 anni di vita.

“Tutto iniziò nel 1988 - racconta alla Montalcinonews Dalmazio, fondatore e proprietario dell’enoteca, che conta sette dipendenti - si parla di preistoria, c’erano una cinquantina di aziende, la maggior parte dei produttori è arrivata negli ultimi 25 anni”. Dalmazio, napoletano, si trovò proiettato in Toscana per questioni di cuore. Sua moglie venne chiamata nella filiale di Montalcino del Monte dei Paschi, lui scelse di seguirla. “Cominciai facendo il vendemmiatore alla Annibale Parisi, Bruno Dalmazio (al centro) e Marco Parri in una foto del 1988Banfi - spiega - poi lavorai come ragioniere a Col d’Orcia. Fu lì che venni a conoscenza di un progetto, ideato da Annibale Parisi: mettere insieme piccoli artigiani per vendere i prodotti tipici fuori da Montalcino. Una società di produttori di salumi, formaggi, dolci, miele, vino. Il marchio era “Collina d’Italia”. Nell’ottobre 1988 rilevammo un’officina. Eravamo tre operativi: io, Annibale Parisi e Marco Parri. Coprivamo tutta la Toscana, più qualche cliente nel resto d’Italia. Vendevamo soprattutto alle gastronomie. Sembra strano, ma non ha funzionato perché ha avuto troppo successo. Un eccesso di domanda rispetto all’offerta, che i piccoli produttori non riuscivano a soddisfare”.

Al posto dell'Enoteca Dalmazio, una volta, c'era un'officina e una pompa della benzinaNel settembre 1990 Altesino acquistò parte della società, che dopo qualche anno abbandonò il mercato all’ingrosso per puntare forte sui negozi. “Ne aprimmo una decina in tutta Italia, tra i quali uno sul Naviglio e uno a Rozzano - ricorda Dalmazio - nel 1992 aprimmo il primo wine bar a Montalcino, ovvero l’attuale enoteca, ma non ebbe il successo sperato, forse perché i tempi non erano ancora maturi. La gente ci chiedeva cosa fosse… E pensare che oggi lo fanno tutti!”. Bruno decise di licenziarsi e di continuare nel mondo della distribuzione. Poi, nel 1998, Altesino cedette l’attività. “La comprai con un mio amico, io presi l’enoteca e lui il ristorante. Nel 2005 sono rimasto solo, dopo la crisi del 2008 mi sono buttato al 100% sul vino. Il 90% del fatturato del commercio all’ingrosso viene da lì”.

Il nuovo negozio di Bruno Dalmazio a Siena, in Via FiorentinaArriviamo poi alla storia recente. Nel 2017, durante Benvenuto Brunello, Dalmazio ha ricevuto insieme al ristorante Il Giglio il premio speciale Leccio d’Oro. L’anno scorso, a giugno, ha aperto un punto vendita a Siena, in Via Fiorentina, inaugurato ufficialmente il 15 dicembre. “È un punto di appoggio, uno sportello avanzato che conta 1.200 etichette (l’enoteca a Montalcino ne ha circa 4.000, ndr) - spiega - visto che da Siena in su eravamo poco presenti sul mercato. La logistica è ottima, ci sono parcheggi intorno ed è all’uscita della superstrada. Nasce per incrementare il commercio all’ingrosso, ma con mia meraviglia stiamo avendo un buon riscontro anche dalla gente del posto per gli acquisti al dettaglio. Se continua così dovrò assumere altro personale!”.

Trent’anni sono un periodo abbastanza lungo, un segmento temporale dove Bruno, dalla sua enoteca, ha visto la città trasformarsi radicalmente. “Montalcino era veramente bella, a misura d’uomo, me ne sono subito innamorato. Con lo sviluppo economico, di cui anch’io ho beneficiato, si è tuttavia perso un po’ quel fascino di piccolo paese che mi ha catturato al mio arrivo”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

22 marzo 2019

Rubano al distributore, scatta inseguimento lungo la Cassia

Questo pomeriggio (ore 16 circa) due rumeni a bordo di una Volvo si sono fermati a fare gasolio al distributore sulla Cassia di Buonconvento. Hanno chiesto alla titolare di controllare i livelli dell’olio e mentre uno di loro distraeva la

22 marzo 2019

Banfi partner di “ContaminAzione”, la cena dei grandi chef

Claudio Sadler, Daniel Canzian, Felice Lo Basso, Stefano Marzetti, Lionello Cera, Elio Sironi, Gaetano Trovato, Peter Brunel, Alessandro Buffolino e Roberto Tonola. Dieci grandi chef internazionali hanno messo a disposizione la loro arte, in una cena con un menù esclusivo

22 marzo 2019

A Montalcino la Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo

Il 2 aprile si svolgerà la Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo. Il Comune di Montalcino ha aderito e patrocinato l’iniziativa proposta dall’Associazione Autismo Siena - Piccolo Principe e il 2 aprile illuminerà di blu il Palazzo Comunale storico, oltre a

22 marzo 2019

Montalcino aderisce alla campagna “L’Orchidea Unicef”

Il Comune di Montalcino aderisce alla campagna nazionale di raccolta fondi “L’Orchidea Unicef: ogni bambino è vita” allestendo due postazioni, il 29 marzo ai Giardini dell’Impero (ore 8.30-13) e il 30 marzo in Piazza Nuova a Castelnuovo dell’Abate (ore 8.30-13).

22 marzo 2019

Calcio, il Montalcino va a Pontassieve: in palio punti pesanti per i playoff

Ventiseiesima giornata di campionato (Promozione Girone B) e per il Montalcino arriva un match da non fallire: dopo il brutto pareggio della scorsa settimana i biancoverdi domenica saranno ospiti del Pontassieve che si trova al quarto posto in classifica precedendo

22 marzo 2019

Treno Natura, dal Comune di Montalcino oltre 6.000 euro per il 2019

Tornerà anche quest’anno lo spettacolo del Treno Natura, iniziativa ormai considerata tra le preferite dai turisti che vanno alla scoperta dei nostri paesaggi e della natura di cui è ricca la provincia in cui viviamo. Il Comune di Montalcino parteciperà

30 marzo 2019

“Il Malato Immaginario” a Montisi

Doppia data per un unico spettacolo al Teatro della Grancia di Montisi. Sabato 30 marzo, alle ore 21.15 e domenica 31 marzo alle ore 18 l’appuntamento è con La “Compagnia teatrale da dù soldi” che presenta “Il Malato Immaginario” di

29 marzo 2019

Vernissage de “L’odore del rosso#2”

Il 29 marzo (ore 18), a Ocra Montalcino, si terrà un incontro/vernissage con gli artisti e i performers della mostra “L’odore del rosso#2”, primo appuntamento del 2019 di Officina Creativa dell’Abitare. Per l’occasione si terranno due performance ideate da Franco

24 marzo 2019

Festa del Marzuolo

San Giovanni d’Asso dedica il week end del 23 e 24 marzo alla festa del “Tartufo Marzuolo delle Crete Senesi”, arrivata quest’anno all’edizione n°17. Molti gli appuntamenti organizzati dalla Proloco di San Giovanni d’Asso e dall’Associazione Tartufai Senesi (in collaborazione