A Ocra le statue in pietra di John Cass

A Ocra le statue in pietra dello scultore scozzese John CassUna collezione di statue in pietra dell’artista scozzese John Cass sarà in esposizione dal 31 maggio al 26 giugno nel chiostro del convento di Sant’Agostino, a Montalcino. L’iniziativa, dal titolo “Ancient Energy”, è presentata dalla Scuola Permanente dell’Abitare con il patrocinio del Comune di Montalcino.

“All’inizio della lavorazione del blocco il risultato finale non è chiaro - spiega John Cass, nato in Scozia ma residente in Toscana, vicino Grosseto - Attraverso l’incisione sulla superficie della pietra di schemi generati dall’intuizione, un volto o un corpo cominciano ad emergere e si genera così una moltitudine di interazioni; prima di raggiungere, per quanto possibile, un senso di riposo inappuntabile.

Le sue opere sono generate a partire da forme grezze e spigolose che accolgono il gesto amorevole, attento e deciso dell’artista il quale, così facendo, trasferisce alla materia la propria energia vitale. Le sue sono forme scultoree a tutto tondo, volti che non sono necessariamente espressione diretta dell’essere umano ma che riportano a qualcosa che esiste prima e al di là di noi, che penetra profondamente nell’animo, ci trapassa per uscirne immutato ed espandersi nel tempo e nello spazio. Un sentimento universale ed eterno. Cass modella la pietra e la rende viva, essa stessa è veicolo di emozioni che divengono universali nel gesto dell’osservatore che vi posa lo sguardo.

La scultura ha la capacità intrinseca di essere nello spazio e di occuparne una parte, è una presenza che non può essere ignorata, un corpo libero che si lascia contemplare da ogni punto di vista. Ed è così che il chiostro dell’antico Monastero di Sant’Agostino sarà animato da statue che sembrano dialogare tra loro quasi fossero giunte a noi da un’altra epoca. La scultura, forma d’arte al di là del tempo e della storia, la cui indiscussa durabilità ne è la conservazione attraverso i secoli, è il mezzo espressivo che l’artista ha scelto per un compito così arduo.

L’atteggiamento che ne emerge è quella che John chiama “posizione giocosa”, una situazione nella quale tenacia, forza e ragionamento spaziale caratterizzano l’approccio corretto allo spettro di pericoli ed opportunità sconosciute che si trova ad affrontare.

John non predilige una pietra piuttosto che un’altra. Il rapporto che di volta in volta instaura con il materiale è unico poiché ogni scultura è un lavoro di ricerca spontanea che l’artista compie al fine di far gradualmente emergere la forma completa, l’opera finita, comunque espressione di un atto creativo soggettivo e irripetibile. Ed è così che la malleabilità, la durezza, la lucentezza di ogni singolo blocco, sia essa pietra calcarea, marmo di Carrara, pietra dolomitica od Onice, concorrono attivamente alla definizione della forma definendo, in qualche misura, la firma energetica dei movimenti applicati e, alla fine, il risultato che ne deriva. La lavorazione della pietra richiede uno sforzo per allineare il proprio atteggiamento alla materialità che la caratterizza, riconoscendo l’insormontabilità del proprio compito con consapevole leggerezza. La materia è viva, risponde alla mano di colui che le parla, sia esso un gesto carezzevole o uno forte, brutale.

Le opere non sono espressione di me. In effetti molte cose che la mia soggettività vorrebbe definire rappresentano un impedimento al flusso generativo. La pietra sembrava essere il mezzo ideale in quanto la sua resistenza fisica combinata con il complicato compito cognitivo di scolpire una forma senza un insieme di parametri guida e con un potenziale illimitato di possibili trasformazioni, fornisce una sfida che richiede l’impegno di ogni facoltà a mia disposizione.

Il flusso di movimenti che sembra scaturire direttamente dalla parte più recondita e primitiva della mente è un sentimento ancestrale, uno stato psicofisico di sospensione dal presente; qualcosa che permette all’artista di essere fortemente produttivo e che ne guida la gestualità. John sembra impegnato in una sfida costante, mentre scolpisce pare riconciliare il proprio essere con se stesso e la terra, allineandosi al flusso vitale dell’universo che permea ognuno di noi. La tecnica utilizzata è quella dell’intaglio libero, a dimostrazione della grande capacità dell’artista che, senza indugi e supportato dalla conoscenza delle caratteristiche tecniche e della risposta fisica dei materiali, lavora senza l’ausilio di disegni preparatori o strumenti di misura. Gli strumenti utilizzati sono scalpelli a mano, martelli, smerigliatrici angolari, martelli pneumatici e trapani.

Il 31 maggio, giorno di apertura della mostra, è previsto un incontro con l’artista (ore 19). Durante il vernissage sarà offerta una degustazione da parte dell’azienda Piombaia.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

19 settembre 2019

In Coppa Toscana arriva la prima vittoria per il Montalcino

Prima vittoria ufficiale per il Montalcino che nella gara di ieri tra le mura amiche, valevole per la Coppa Toscana, ha battuto per 3-0 l’Asta. Prestazione convincente per i biancoverdi che già nella prima mezz’ora erano in vantaggio di due

18 settembre 2019

Lavori in Via Castellana, per un mese cambia la viabilità

Visto che un’impresa deve effettuare dei lavori in un’abitazione in Via Castellana, a Montalcino, con l’ausilio di alcuni autocarri per caricare e scaricare del materiale edile, da oggi al 18 ottobre ogni lunedì, martedì e giovedì (orario 8.15-10.15 e 15-17)

18 settembre 2019

Tre giorni in Puglia con l’Auser di Montalcino

Nuovo viaggio dell’Auser di Montalcino, che a fine settembre organizza una tre giorni in Puglia, nella Valle d’Itria (27-29 settembre). La gita prevede visite a Polignano a Mare, Castellana Grotte, Alberobello, Ostuni, Conversano, Trani e Bari. La quota (200 euro,

17 settembre 2019

Rosewood Castiglion del Bosco, un autunno a caccia di tartufi

Rosewood Castiglion del Bosco, il resort toscano situato a Montalcino, fondato da Massimo e Chiara Ferragamo nel 2003, propone anche quest’anno un programma per vivere a pieno il fascino e l’incanto nel cuore della Toscana. L’autunno è un periodo magico per

17 settembre 2019

Vendemmia, aumentano le “squadre” ma i ragazzi dove sono?

Le stime della produzione di vino nella provincia di Siena e più in generale in tutta la Toscana fanno ben sperare. Con un 10% in più quello toscano è l’unico territorio d’Italia a registrare una crescita in quantità. Ma anche

16 settembre 2019

Asfaltature, guasti idrici, fibra ottica: da oggi cambia la viabilità

Bitumatura, riparazioni di un guasto idrico, fibra ottica. Iniziano oggi diversi lavori che cambieranno in parte la viabilità nel Comune di Montalcino. Si comincia dall’asfaltatura: i rifacimenti dell’asfalto riguarderanno Vicolo del Pino a Montalcino (da oggi e fino al termine

24 settembre 2019

Consiglio direttivo nel Borghetto

Il 24 settembre Consiglio direttivo nel Borghetto (ore 21.15). All’ordine del giorno lettura e approvazioni del verbale del Consiglio precedente, resoconto della Festa del Patrono, organizzazione della Cena Itinerante e della Sagra del Tordo, varie ed eventuali.

22 settembre 2019

Pensieri in Volo al Teatro degli Astrusi

Domenica 22 settembre al Teatro degli Astrusi di Montalcino (ore 17) si terrà la presentazione del libro “Pensieri in Volo” scritto dalla professoressa Maria Assunta Pisani. L’intero ricavato della vendita del libro sarà devoluto alla Residenza Sanitaria Assistita di Montalcino.

22 settembre 2019

A pranzo con l’Auser

Si rinnova “Domenica a pranzo con l’Auser”, evento che l’Auser Montalcino organizza negli spazi di Ocra. L’appuntamento è per il 22 settembre (ore 13). Per le prenotazioni (entro venerdì 20 settembre) rivolgersi a Lola (342 8044432) o Anna (338 2320339).