L’esempio di Montalcino per la politica del futuro

Fabio Pellegrini, ex consigliere comunale di Montalcino“Il libro nasce da un’esperienza originale, negli anni Sessanta. Ero entrato in consiglio comunale da indipendente, nella lista socialista. Montalcino era una delle aree più povere del mondo. In pochi anni passò da 10.000 a 5.000 abitanti, non c’era nessuna prospettiva di lavoro, i contadini erano scappati, attratti dall’industrializzazione. Rimase una miseria profonda nelle campagne. Di fronte a questo spopolamento c’era chi andava a cercare gli industriali per farli venire qui. La novità è stata quella di andare controcorrente, di proporre l’olio d’oliva ma soprattutto il Brunello: l’agricoltura come prospettiva. Ci davano per matti, nessuno ci credeva”. A parlare, alla Montalcinonews, è Fabio Pellegrini, ex consigliere comunale di Montalcino e autore del libro “Governo locale. Creatività con lo sguardo al futuro. L’esempio di Montalcino”, edito da Effigi e presentato il 3 maggio nella sala del Consiglio Comunale di Montalcino.

La parola chiave è creatività. Inventarsi soluzioni, assumersi delle responsabilità. “A Montalcino a quei tempi c’era una visione territoriale, un’ambizione implicita - continua Pellegrini - volevamo abbattere le mura di Siena, avere un’area di compensazione col Nord, aggregando i comuni a Sud di Siena per avere un peso maggiore. Facevamo i consigli comunali riuniti dei comuni della zona. Un tema che ora potrebbe essere la soluzione di tanti problemi. Ma quello che ci manca è il senso civico, lo sforzo di trasformare un insieme di abitanti in comunità. Pecchiamo anche a livello di Nazione”.

“Dietro a questo libro c’è la storia di un paese, del suo far fronte ad una crisi che poteva essere irreversibile, di una classe dirigente che riesce a risolvere l’emergenza”, racconta il giornalista e docente universitario Maurizio Boldrini, che ha moderato la giornata di presentazione. “A Montalcino si predicavano sì le ideologie, ma poi si andava dai mezzadri a spiegare perché dovevano farsi padroni delle loro terre e svilupparle. È grazie alla concretezza che qui ha attecchito il comunismo. Si parla di un atteggiamento pedagogico, il ragazzo colto che va dal contadino e dice: non vendere, cerca tu di diventare proprietario. Montalcino da un lato rappresenta il massimo dell’ideologia comunista, dall’altro il massimo del pragmatismo. Il benessere di questo paese ha le gambe lunghe. Quello che siamo oggi lo si deve a questo grande spirito che in questo libro è narrato. Il libro va letto lentamente, e vi si trovano molti dei perché e dei per come della Montalcino attuale”.

“Il libro non degenera mai in un autobiografismo eroico, non c’è enfasi o volontà di assumere il primo piano - interviene lo storico Roberto Barzanti - Fabio entrò nel consiglio comunale di Montalcino nel 1964, a 26 anni, da indipendente. Mi ricordo il suo intervento. Uno si potrebbe aspettare un discorso stizzito, venato di polemica, invece lui rivelò l’incapacità della sinistra di farsi governo, di avere l’accesso legittimato al potere in chiave nazionale”. Per Barzanti Montalcino è stato “un miracolo di un ceto dirigente politico, da Ilio Raffaelli ad Assunto Pignattai fino a Mario Bindi. Persone che avevano una grande capacità di dialogo”.

L’altro tema che espone l’ex sindaco di Siena è l’intercomunicabilità. “I comuni sono una grande forza ma non se ognuno agisce per se stesso o in opposizione. Non è un caso che uno dei pochi esiti positivi delle fusioni sia accaduto qui. C’è anche una radice gastronomica che non guasta (il riferimento è al tartufo e al Brunello, ndr). C’è una forte apertura, questo perché Montalcino si è sempre sentita una città, quasi una capitale mancata, un centro al confine tra il senese e la Maremma”.

Guarda il video:

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

22 luglio 2019

Acquedotto del Fiora, lavori di manutenzione in Via Donnoli

Il 25 luglio, dalle ore 8.30 alle ore 15, i tecnici di Acquedotto del Fiora effettueranno un intervento di manutenzione programmata sulla rete di distribuzione in Via Donnoli, a Montalcino, finalizzato all’allacciamento di nuove utenze, determinando la temporanea sospensione dell’erogazione

22 luglio 2019

Tiemme, il 24 luglio sciopero nazionale di 4 ore

Le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt Uil e Faisa-Cisal hanno programmato per mercoledì 24 luglio uno sciopero nazionale di 4 ore sulle problematiche riguardanti il settore dei trasporti che interesserà anche le sedi aziendali di Tiemme Spa di

19 luglio 2019

Ufficio stampa del Comune, c’è un “vincitore” provvisorio

Erano cinque, sono rimasti in quattro. Dei partecipanti al bando per l’ufficio stampa del Comune di Montalcino, Intrepido Servizi non ha presentato nei termini il soccorso istruttorio (richiesto dal Rup Barbara Riccarelli per integrare o correggere la domanda), a differenza

18 luglio 2019

Torneo di Apertura delle Cacce: ecco le date

Montalcino e i suoi Quartieri si preparano per l’edizione n.57 del Torneo di Apertura delle Cacce. Si parte venerdì 9 agosto quando (ore 19) si svelerà nel Loggiato del Palazzo Comunale Storico l’Opera che andrà al vincitore. Sabato 10 il

17 luglio 2019

Torna il concorso di pittura “Montisi En Plein Air”

Sull’onda del grande successo riscosso negli ultimi anni, anche nel 2019 torna in concomitanza con l’edizione n. 49 della Giostra di Simone il concorso amatoriale di pittura estemporanea “Montisi En Plein Air”. La manifestazione ha lo scopo di richiamare nel

17 luglio 2019

Il programma completo della Giostra di Simone

Montisi è pronta a vivere i giorni più sentiti dell’anno. Dal 27 luglio sarà un susseguirsi di mostre di pittura e ceramica, spettacoli medioevali, teatro e musica danza, che culmineranno il 4 agosto con il corteo storico, la gara fra

2 agosto 2019

Calici di Stelle a Montalcino

Dal 2 al 11 agosto torna anche in Toscana Calici di Stelle, con le cantine socie del Movimento Turismo del Vino Toscana si vestiranno a festa organizzando degustazioni sotto le stelle. Spettacoli, concerti, momenti di osservazione delle stelle guidati da

27 luglio 2019 16:30

La Ruga festeggia San Salvatore

Due giorni per festeggiare San Salvatore, il Santo protettore della Ruga. Il 27 luglio gara di tiro con l’arco al campo di tiro “Don Remo Rossi” (ore 16.30). A seguire merenda con “The Gusti Bus”. Il 28 luglio Santa Messa

27 luglio 2019 09:00

Festa del Beato Giovanni Colombini

I Colombini della Fattoria dei Barbi, celebri produttori di Brunello, sono la più antica famiglia documentata a Montalcino: nel 1352 Tommaso costruì il Castello di Poggio alle Mura e dopo pochi anni il Beato Giovanni predicò nella chiesa di S. Agostino. Per ricordare sei secoli