Il dottor Roberto Talenti va in pensione

Il dottor Roberto TalentiPer certi versi si chiude una pagina importante della vita di molte persone. Perché il medico di famiglia è quasi come se fosse un parente aggiuntivo: sarà perché ci conosce come pochi altri, sarà perché spesso affidiamo a lui, oltre alla nostra salute, anche qualche timore che non riusciamo a scacciare via. Il medico è un punto di riferimento, sappiamo che su questa figura possiamo sempre contare. E sappiamo anche che, quando appenderà il camice bianco al “chiodo”, un minuto dopo ci mancherà. E così è successo anche a Montalcino. Già, perché il dottor Roberto Talenti è andato in pensione. Dopo anni e anni di visite, consigli, chilometri tra un ambulatorio e l’altro, ricette e viaggi nelle case dei pazienti dopo aver ricevuto una telefonata improvvisa, anche per lui è arrivato il momento del meritato riposo. Dalla fine di maggio Talenti è in pensione e tanta gente ha voluto sottolineare il legame che ha avuto in questi anni con lui. Ci hanno contattato più persone per raccontarcelo. E allora noi il dottor Talenti lo abbiamo invitato in redazione per fare due chiacchiere e lui, questa volta in abiti “casual”, ha accettato volentieri di venire a farci visita. Il suo posto è stato preso dal dottor Bernardino Mandarini, senese, che però sarà a Montalcino provvisoriamente. Prossimamente arriverà un concorso e, probabilmente ad ottobre, avverrà la nomina del titolare.

“Come mi sento? Mi sembra di essere in ferie - spiega sorridente Roberto Talenti - adesso andrò un po’ al mare, farò il nonno, aiuterò in famiglia. Questo lavoro ti lascia un po’ di cose in sospeso e ora cercherò di recuperare”. Era gli inizi degli anni ‘80 quando Talenti iniziò il suo percorso a Montalcino, prima come guardia medica ed effettuando le sostituzioni. Poi l’incarico di medico di famiglia con il massimale raggiunto (1.500 pazienti) poco dopo che la metà del decennio era superata conservandolo fino a pochi giorni fa. Laureato a Siena, Talenti a 68 anni saluta i suoi pazienti. Ha capito che era il momento giusto per staccare la spina in un mestiere particolare che richiede attenzione, pazienza e concentrazione. “Per me è sempre stato un impiego di tipo sociale - continua Talenti - mi sono considerato un “medico di campagna” ponendomi come un amico per cercare di risolvere i problemi. La popolazione sta invecchiando, l’età media cresce ma bisogna considerare come ci si arriva, per gli anziani bisognerebbe fare di più. I giovani in generale vengono meno, è vero, ma sempre più spesso chiedono consigli, un aiuto per le loro insicurezze. Ho viaggiato da un ambulatorio all’altro: Montalcino, Castelnuovo dell’Abate, Sant’Angelo Scalo, Sant’Angelo in Colle e Camigliano. La professione sta un po’ sta cambiando, diventa tutto più centralizzato e anche questo è importante, ma così forse si perde il contatto umano. E io ho sempre cercato di privilegiare i rapporti diretti, quando mi telefonavano per una visita a casa partivo subito”.

L’ambizione di diventare dottori non manca a tanti ragazzi. Quale consiglio si sente di dare alle nuove generazioni? “Non bisogna farlo per il fascino del camice bianco ma perché ci si crede. Quali sono i requisiti per questa professione? La conoscenza, ma questa ce l’hanno tutti, poi ci vuole disponibilità, saper ascoltare e capire la gente, comunicare bene con loro”. Fare il medico vuol dire essere sempre pronto, partire presto e tornare tardi la sera a casa. Ma le gratificazioni non mancano. “Ho visto crescere bambini che poi sono diventati adulti, fare il medico di famiglia ti consente di essere presente in modo positivo nella vita degli altri. Ho passato una parte, bella, della mia vita a fare il medico. Adesso un po’ mi dispiace ma è giusto così. Ai miei pazienti dico che sono sempre nella mia mente e nel mio cuore, gli auguro il meglio per il futuro”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

19 settembre 2019

In Coppa Toscana arriva la prima vittoria per il Montalcino

Prima vittoria ufficiale per il Montalcino che nella gara di ieri tra le mura amiche, valevole per la Coppa Toscana, ha battuto per 3-0 l’Asta. Prestazione convincente per i biancoverdi che già nella prima mezz’ora erano in vantaggio di due

18 settembre 2019

Lavori in Via Castellana, per un mese cambia la viabilità

Visto che un’impresa deve effettuare dei lavori in un’abitazione in Via Castellana, a Montalcino, con l’ausilio di alcuni autocarri per caricare e scaricare del materiale edile, da oggi al 18 ottobre ogni lunedì, martedì e giovedì (orario 8.15-10.15 e 15-17)

18 settembre 2019

Tre giorni in Puglia con l’Auser di Montalcino

Nuovo viaggio dell’Auser di Montalcino, che a fine settembre organizza una tre giorni in Puglia, nella Valle d’Itria (27-29 settembre). La gita prevede visite a Polignano a Mare, Castellana Grotte, Alberobello, Ostuni, Conversano, Trani e Bari. La quota (200 euro,

17 settembre 2019

Rosewood Castiglion del Bosco, un autunno a caccia di tartufi

Rosewood Castiglion del Bosco, il resort toscano situato a Montalcino, fondato da Massimo e Chiara Ferragamo nel 2003, propone anche quest’anno un programma per vivere a pieno il fascino e l’incanto nel cuore della Toscana. L’autunno è un periodo magico per

17 settembre 2019

Vendemmia, aumentano le “squadre” ma i ragazzi dove sono?

Le stime della produzione di vino nella provincia di Siena e più in generale in tutta la Toscana fanno ben sperare. Con un 10% in più quello toscano è l’unico territorio d’Italia a registrare una crescita in quantità. Ma anche

16 settembre 2019

Asfaltature, guasti idrici, fibra ottica: da oggi cambia la viabilità

Bitumatura, riparazioni di un guasto idrico, fibra ottica. Iniziano oggi diversi lavori che cambieranno in parte la viabilità nel Comune di Montalcino. Si comincia dall’asfaltatura: i rifacimenti dell’asfalto riguarderanno Vicolo del Pino a Montalcino (da oggi e fino al termine

24 settembre 2019

Consiglio direttivo nel Borghetto

Il 24 settembre Consiglio direttivo nel Borghetto (ore 21.15). All’ordine del giorno lettura e approvazioni del verbale del Consiglio precedente, resoconto della Festa del Patrono, organizzazione della Cena Itinerante e della Sagra del Tordo, varie ed eventuali.

22 settembre 2019

Pensieri in Volo al Teatro degli Astrusi

Domenica 22 settembre al Teatro degli Astrusi di Montalcino (ore 17) si terrà la presentazione del libro “Pensieri in Volo” scritto dalla professoressa Maria Assunta Pisani. L’intero ricavato della vendita del libro sarà devoluto alla Residenza Sanitaria Assistita di Montalcino.

22 settembre 2019

A pranzo con l’Auser

Si rinnova “Domenica a pranzo con l’Auser”, evento che l’Auser Montalcino organizza negli spazi di Ocra. L’appuntamento è per il 22 settembre (ore 13). Per le prenotazioni (entro venerdì 20 settembre) rivolgersi a Lola (342 8044432) o Anna (338 2320339).