Brunello, zonazione e non solo: il pensiero di Ferrini

Carlo Ferrini, uno dei più grandi enologi italiani e produttore di Brunello di MontalcinoEleganza, eleganza, eleganza: è il concetto chiave che guida la mano ed il pensiero enoico di Carlo Ferrini, uno dei più grandi enologi italiani, “Winemaker of the Year” per “Wine Enthusiast nel 2008”, firma di tanti grandi vini italiani, tra cui il Brunello di Montalcino Casanova di Neri 2001 al n. 1 della “Top 100 di WineSpectator”, consulente di tante realtà di primo piano dal Trentino alla Sicilia, e da qualche tempo produttore di vino “in proprio”, in due territori lontani, ma molto simili sotto tanti aspetti, come Montalcino, uno dei più importanti d’Italia e del mondo, con Podere Giodo (nome che è omaggio ai genitori, Giovanna e Donatello, 6 ettari di vigna che guardano l’Amiata, con gli 8 cloni selezionati da Ferrini, per una produzione di 10.000 bottiglie tra Brunello di Montalcino e Igt Toscana), e Alberelli di Giodo, sull’Etna, stella sempre più luminosa del vino di Sicilia (da cui nascono 6-7.000 bottiglie da 1,5 ettari di vigna, vinificate nella cantina di Pietradolce, ndr). Due progetti nati “perchè girando tra le vigne prima o poi ti innamori e hai voglia di fermarti per fare qualcosa di tuo. E per me è un modo anche per omaggiare i miei genitori, nati poverissimi, perchè possedere vigna in questi territori è un motivo di grande orgoglio, ma anche un lavoro in prospettiva insieme a mia figlia Bianca, 28 anni, che dopo tante esperienze nel mondo dal prossimo anno entrerà in azienda. Con un obiettivo chiaro: non voglio fare il vino più buono del mondo, ma un vino che dia grande godimento a chi lo beve”.

E proprio dal parallelismo tra questi due territori parte il viaggio di Winenews.it nel “Ferrini-pensiero”: “innanzitutto entrambi sono territori basati sul monovitigno, il Sangiovese a Montalcino ed il Nerello Mascalese sull’Etna (che dà il meglio sul versante Nord, che è fondamentale, sottolinea Ferrini), che è una cosa che mi affascina moltissimo. Ho fatto blend su blend nella mia carriera, ma penso che l’eleganza e la sensualità che si possono raggiungere con alcuni vitigni in purezza, e ci metto anche il Nebbiolo, siano qualcosa di unico. E poi entrambi i territori - continua Ferrini - hanno una storia comune: dapprima poche famiglie e cantine (come Biondi Santi o Cinelli Colombini, per citarne alcune a Montalcino, o Franchetti, Benanti e Cambria, sull’Etna, per fare degli esempi, ndr) che hanno dato il via, poi l’arrivo di altri produttori dai territori vicini (come Antinori o Frescobaldi a Montalcino, o le grandi famiglie del vino siciliano sull’Etna, dai Planeta ai Tasca d’Almerita, dai Rallo ai Cusumano, a Firriato, solo per citare alcuni nomi), da altre Regioni e, soprattutto nel caso di Montalcino, anche dall’estero (con la famiglia italo americana Mariani e Castello Banfi su tutti), che hanno contribuito in maniera fondamentale alla crescita enologica e anche commerciale di questi due territori. E anche sull’Etna, per avere ancora più respiro internazionale, sarebbe auspicabile che arrivassero anche grandi famiglie italiane - come fatto di recente da Gaja - o straniere”.

Territori che hanno dinamiche e tempistiche simili, dunque, con qualche anno di vantaggio da parte di Montalcino sull’Etna, e che in comune hanno anche un costante dibattito su una zonazione, di fatto, mai compiuta. E sulla quale Ferrini, da buon fiorentino, parla senza peli sulla lingua. “In generale, quando si parla di zonazione, c’è sempre la paura che si vada a classificare, a dire che questa zona è migliore di quella. Io credo che piuttosto si deve ragionare in ottica di “caratterizzazione”, e di dire che una certa zona di un territorio dà vini con caratteristiche specifiche e diverse rispetto ad un’altra. Che è una grande opportunità per tutti, perchè non è detto, poi, che la zona che può essere considerata in qualche modo “la migliore”, sia poi quella più apprezzata dal mercato. Perchè c’è chi magari ha voglia di vini che vanno degustati, di stare davanti alla bottiglia anche due ore per coglierne le evoluzioni e le sfumature, e chi ha voglia di godersi un grande vino in maniera più disinvolta. Quindi sarebbe un bene poter identificare le zone seguendo parametrici scientifici, dall’esposizione all’altitudine per esempio, per poter dire che da una certa sottozona vengono vini magari più profumati ed eleganti, e da un’altra più austeri e strutturati. Io credo sarebbe un’opportunità per tutti. Anzi, visto che la viticoltura italiana di qualità, in fondo, è giovane, e figlia degli anni 90 del secolo scorso, aggiungo che approfittando di questa gioventù avremmo potuto e dovuto guardare con più apertura e attenzione ad esperienze di successo in questo senso, e non penso solo a Bordeaux o alla Borgogna, ma anche a Barolo. Certo è che le cose vanno impostate bene: parlare di zonazioni che seguono i confini comunali, invece che scientifici, cosa di cui si parla nel caso dell’Etna (ma anche del Chianti Classico, sottolinea Ferrini) secondo me è un errore, non ha senso, e forse fa più confusione che altro. Sull’Etna poi, spero ci sia una inversione di rotta: in 5 anni si è passati da 500 a 1.000 ettari, e magari si consente di piantare vigneti giovani dove si deve spianare il terreno, ma si lasciano fuori vigne centenarie, che sono un patrimonio inestimabile, perchè sono di poco al di fuori della Doc, o magari ad un altitudine più alta di quanto il disciplinare preveda. Per me non ha senso, mentre lo avrebbe quello di mettere un freno ai nuovi vigneti, e trovare il mondo di includere queste vigne vecchissime che sono un patrimonio. Ed è anche per questo che per esempio, il vino che faccio sull’Etna dall’ettaro e mezzo diviso in otto appezzamenti diversi, anche a 900-1.000 metri di altitudine, con vigne centenarie, prefillossera, io lo imbottiglio tutto come Doc Sicilia, anche se alcuni vigneti sono nella Doc Etna e altri no, perchè voglio fare il vino che piace a me, e vendere la qualità del vino. E soprattutto voglio fare un’etichetta per ogni azienda. Certo è che sull’Etna ti innamori, e quando vedi vigne di 80-100 anni, che magari producono 2 grappoli per pianta, la curiosità diventa irresistibile”.

In ogni caso, quello dell’Etna è un percorso “in fieri”, come lo è stato quello del Brunello di Montalcino, “che secondo me sta raggiungendo quasi la perfezione. Dal mio punto di vista il Consorzio è stato bravissimo nel difendere sempre il monovitigno, e dopo anni in cui si puntava su vini robusti, oggi la viticoltura si è evoluta, si sta raggiungendo il giusto equilibrio tra quantità di uva e pianta, per esempio, e questo consente poi di creare vini di grande eleganza in cantina. Cosa che sull’Etna, devo dire, è più semplice, perchè il Nerello Mascalese se vinificato come si deve è di suo un vitigno che esprime grandi profumi e grande beva”.

Ma con uno come Ferrini, che l’evoluzione del vino italiano l’ha vissuta dagli anni 80, “da quando ho avuto la fortuna di partecipare ad uno dei progetti più belli della viticoltura italiana, Chianti Classico 2000, dove già si parlava di zonazione, che poi si è arenata e di cui, come ho detto, oggi si è tornati a parlare ma in maniera per me sbagliata”, le riflessioni vanno oltre i due territori in cui ha fatto approdo. E spaziano, per esempio, sull’evoluzione della critica enologica: “secondo me negli anni è molto migliorata in generale, c’è più conoscenza, si assaggiano molti più vini, e questo è un bene. Quello che personalmente dispiace è vedere tutta questa grande frammentazione, e aver assistito alle tante divisioni che ci sono state negli anni (come quella tra Gambero Rosso e Slow Food o tra Ais e Bibenda, per esempio), e sogno che le cose magari un domani si ricompongano. Ma una cosa fa riflettere: mi sembra impossibile che tra i tanti vini che vengono premiati dalle tante guide nazionali, non ci sia mai un gruppo di 20-30 etichette che mette tutti d’accordo”.

E in quarant’anni di carriera ai massimi livelli, se dovesse scegliere un insegnamento che ha imparato e da trasmettere, Ferrini dice “la modestia. Ho imparato a parlare e ad esprimermi solo su quello che conosco bene. Non solo nel vino. E penso che se tutti facessimo così, le cose andrebbero meglio, in ogni campo”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

13 dicembre 2019

Dal Comune 22.000 euro per le attività natalizie

È di 22.000 euro la cifra stanziata dal Comune di Montalcino da destinare alle Pro Loco del territorio per le attività natalizie 2019. Nello specifico 13.000 euro andranno a Montalcino, 2.500 euro a San Giovanni d’Asso, 2.400 euro a Torrenieri,

13 dicembre 2019

Cambio nella Commissione per il paesaggio di Montalcino

Cambio nella Commissione per il paesaggio di Montalcino, ente che si occupa dell’autorizzazione paesaggistica (di competenza della Regione, che può tuttavia delegarla ai Comuni). L’ingegnere Luciano Solfanelli (di Chianciano Terme) e l’architetto Lorena Di Girolamo (di Firenze) vanno a sostituire

13 dicembre 2019

San Giovanni d’Asso, il 19 dicembre stop all’erogazione di acqua

Lavori di manutenzione programmata nel Comune di Montalcino. Il 19 dicembre (ore 8.30-17) i tecnici di Acquedotto del Fiora effettueranno un intervento in Via della Stazione, a San Giovanni d’Asso, determinando la temporanea sospensione dell’erogazione di acqua alle utenze situate

12 dicembre 2019

Il Brunello al top nelle liste dei ristoranti di Pechino

Il Brunello di Montalcino è tra le denominazioni più presenti nelle liste dei ristoranti di Pechino. Lo rivela un approfondimento di WineNews sui dati dello studio MiBD “Wines in Beijing Restaurants”, che rivela un quadro sfaccettato ed interessante nei 158

12 dicembre 2019

Un “rinforzo” per la Polizia Municipale di Montalcino

Un “rinforzo” per la Polizia Municipale di Montalcino. Il Comune di Montalcino ha assegnato un incarico per prestazione occasionale a Carlo Terzuoli, dipendente della Provincia di Siena e originario di Abbadia San Salvatore. Il contratto partirà il 16 dicembre e

11 dicembre 2019

Il costo delle luminarie del Natale a Montalcino

È di 18.000 euro (Iva inclusa) il costo per le luminarie di Natale nel Comune di Montalcino, affidate quest’anno ad una ditta pistoiese che svolgerà il servizio anche nel 2020, allo stesso prezzo. È quanto si apprende da una determina

15 dicembre 2019 16:00

San Giovanni d’Asso per Telethon

Importante iniziativa in arrivo a San Giovanni d’Asso e in programma per il prossimo weekend. Per i 30 anni della Fondazione Telethon è stato promosso l’evento “Fammi un regalo”, in cui sarà possibile acquistare dei cuori di cioccolata (in tre

14 dicembre 2019

“DuoVa” e beneficenza a S.Angelo

Una serata per ricordare e fare del bene e in cui non mancherà la musica, l’allegria e la buona cucina locale. Sabato 14 dicembre, alle ore 20.30, al Circolo Ricreativo di Sant’Angelo in Colle è in programma la cena di

14 dicembre 2019

A cena con il Montisi calcio

A cena con l’associazione sportiva Montisi. Sabato 14 dicembre, alle ore 20, nei locali dell’associazione, l’A.s. Montisi invita tutti i montisani e non, simpatizzanti e atleti a partecipare alla consueta cena degli auguri. Una serata per stare insieme ma che