Le linee guida del Comune e il futuro di Montalcino

Le linee guida del Comune e il futuro di MontalcinoUna profonda riorganizzazione del personale, una regia che coordini le associazioni del territorio, meno tasse grazie ai risparmi della fusione, il recupero delle aree industriali dismesse, il passaggio dell’area ecologica dall’Osticcio a Pian dell’Asso, la manutenzione straordinaria di tutti i cimiteri, le scuole allo Spuntone, il restauro della Fortezza, il sogno di veder riaperto il Loggiato del Sansovino, la videosorveglianza integrale del territorio, un albo per evitare di fare ogni volta bandi per le manutenzioni, un trasporto pubblico con nuove rotte sino all’Autostrada del Sole e la Valdichiana, un ostello e una rotatoria a Torrenieri, l’Agrario, il distretto rurale e la ferro-ciclovia a San Giovanni d’Asso, gli impianti sportivi e la Torre della Grancia a Montisi, un sentiero che colleghi Castelnuovo dell’Abate con Sant’Antimo. Sono solo alcuni dei punti inseriti nel Documento Unico di Programmazione (Dup) del Comune di Montalcino, un testo che ogni amministrazione comunale deve comporre per legge ogni anno, e che il Consiglio Comunale ha approvato lo scorso 30 luglio.

Il Dup è uno strumento estremamente importante, contiene le linee guida e i piani del Comune e anticipa il bilancio di previsione di fine anno. Si compone di due parti: la sezione strategica ha una fascia temporale che coincide col mandato amministrativo e individua il programma di governo, mentre la sezione operativa, con un orizzonte temporale pari a quello del bilancio di previsione, contiene i programmi operativi che l’ente intende realizzare nel triennio 2020-22.

L’azione si distinguerà in una fase ordinaria, implementando i servizi essenziali (sociale, sanitario, trasporti) e migliorando manutenzioni, arredo urbano e decoro, e una fase programmatica e progettuale, per far crescere il territorio in una logica di sistema, col principio del comune unitario senza distinzione tra Capoluogo, Municipio e ogni altra località che avrà il proprio ruolo specifico in una visione complessiva.

Tra le linee guida troviamo “una buona gestione delle risorse finanziarie e del costo dei servizi erogati con l’obiettivo di continuare a ridurre le tariffe ed implementare i servizi (…). La revisione delle spese e delle procedure, unitamente ai vantaggi economici della fusione, consentono di guardare agli investimenti eccezionali nei prossimi 10 anni, con serenità ed ambizione, sia nelle opere pubbliche che nei servizi (sanità, trasporto pubblico con nuove rotte anche sino all’Autostrada del Sole e la Valdichiana, volontariato, etc..). Importante sarà utilizzare i risparmi stabili della fusione per la riduzione del costo delle tariffe e delle tasse mantenendo un equilibrio di entrate ed operando equità sociale, attenti verso i meno abbienti, all’infanzia (gli asili, le mense ed i trasporti scolastici dove siamo già intervenuti, etc..), alle politiche sulla casa per i giovani e le famiglie, alle residenze sociali ed agli anziani. Attualmente alcune tariffe sono differenziate tra le zone originarie della fusione e previa una verifica, queste saranno unificate nell’arco degli anni secondo criteri di equità sociale e territoriale, anche in considerazioni dei diversi livelli di sviluppo del territorio”.

Tra gli obiettivi, si legge ancora nel Dup, c’è una profonda riorganizzazione del personale. La domanda sul Comune è sovradimensionata rispetto al suo livello demografico, al punto che in alcuni uffici (come urbanistica, SUAP e edilizia) “la pressione è insostenibile e le istanze da evadere sono superiori a quelle complessive di tutti i comuni dell’Amiata-Valdorcia messi assieme”.

Un accenno anche alle realtà associative del territorio (6 Pro Loco, 7 enti del volontariato sociale, 8 associazioni sportive e una miriade di associazioni culturali e di categoria), che “sono un’indiscussa ricchezza da sostenere ma al contempo necessitano di coordinamento, scongiurando il dispendio di energie ed una duplicazione delle iniziative. S’impone la regia dell’ente, per mettere a sistema tutte le risorse, con la Consulta di Settore, come effettuato sino ad oggi, ma d’ora in poi in modo più strutturato e definito”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

17 febbraio 2020

Calcio, sconfitte dolorose per Montalcino e Torrenieri

Finite le ambizioni di alta classifica o di playoff, adesso l’obiettivo rimasto è uno solo ma assolutamente da non fallire: la salvezza. Clamorosa sconfitta ieri per il Montalcino che in vantaggio di due reti alla fine del primo tempo esce

17 febbraio 2020

Montalcino, due interventi di manutenzione di Acquedotto del Fiora

Due interventi di manutenzione programmata sulla rete idrica di Montalcino. Si inizia mercoledì 19 febbraio dalle ore 8.30 alle ore 16.30, quando i tecnici di Acquedotto del Fiora saranno al lavoro a Sant’Angelo Scalo, determinando la temporanea sospensione del flusso

14 febbraio 2020

L’Osteria Perillà rende omaggio a Benvenuto Brunello

Per Benvenuto Brunello, che si svolgerà a Montalcino dal 20 al 24 febbraio, l’Osteria Perillà di Rocca d’Orcia, il primo ristorante stellato nelle vicinanze di Montalcino, interrompe il suo periodo di chiusura per rendere omaggio al grande rosso di Toscana.

14 febbraio 2020

Calcio, match delicati per Montalcino e Torrenieri

Sul campo di Uopini, il Montalcino (domenica 16 febbraio, ore 15) affronta la quarta forza del campionato, il San Donato, che al momento vanta il secondo attacco del torneo. Match non semplice ma per allontanare lo “spauracchio” della zona playout

14 febbraio 2020

Brunello Crossing al via con 18 nazionalità rappresentate

Ci siamo, questo weekend ormai in arrivo è quello della quarta edizione della Brunello Crossing. Un evento che richiama a Montalcino oltre 1.500 runners e amanti delle passeggiate, una vetrina anche per il territorio e i suoi prodotti enogastronomici oltre

12 febbraio 2020

Trekking a Montalcino in occasione di Benvenuto Brunello

In occasione di Benvenuto Brunello “In Rainbows Treks” e la guida turistica Edoardo Bidini organizzano un trekking di 7 chilometri a Montalcino, con partenza dal centro storico (ore 9.30), breve visita della città e camminata tra i filari dei vigneti,

23 febbraio 2020

“L’Inedito”: teatro a Torrenieri

Domenica 23 febbraio, alle ore 17.30, il Nuovo Teatro della Val d’Orcia di Torrenieri ospita la lezione-spettacolo di improvvisazione teatrale “L’Inedito“ della compagnia “Quinta di Copertina”, una produzione Cooperativa Mestieri del Palco, consulenza registica a cura di Stefano de Luca.

22 febbraio 2020 16:00

Il carnevale nella Ruga

La Ruga organizza il carnevale per i bambini sabato 22 febbraio alle ore 16 con gli appuntamenti che proseguiranno anche martedì 25 febbraio in Piazza del Popolo con il tradizionale “si brucia costolone”. Mercoledì 26 febbraio, infine, la merenda di

22 febbraio 2020

Francigena in Maschera

Il 22 febbraio torna per il quarto anno consecutivo “Francigena in Maschera”, la festa carnevalesca che ogni anno riunisce a Torrenieri un numero sempre crescente di bambini, ma che diverte anche i più grandi. Piace il “Neno” che ricorda le