Raffaelli: Montalcino torni ad avere un ospedale

Ilio Raffaelli, storico sindaco di Montalcino Il nocciolo della questione è nel titolo. “Quello che fu l’Ospedale di Santa Maria della Croce di Montalcino torni ad esserlo, consono alla bisogna”. Si chiama così la nuova pubblicazione di Ilio Raffaelli, che da primo cittadino di Montalcino fu uno dei protagonisti del “Rinascimento” della città, uno sviluppo economico e sociale senza precedenti basato su agroalimentare, cultura, turismo e tradizione. Durante il suo ventennio, dal 1960 al 1968 e poi dal 1970 al 1980, Montalcino si mostrò al mondo per la sua lungimiranza in alcuni settori chiave: dal vino (primo Consorzio di Tutela e prima Docg riconosciuta) all’istruzione (prima scuola elementare a tempo pieno d’Italia, nel 1970), fino alla sanità, con l’Ospedale Santa Maria della Croce che nel 1964, dopo quattro anni di lavori e una spesa di 100 miliardi di lire, contava 105 posti letto e ben tredici reparti: chirurgia, ostetricia, ginecologia, medicina, cardiologia, oculistica, otoiatria, radiologia, odontoiatrica, analisi cliniche, cure fisiche, ortopedia e pediatria.

La nuova pubblicazione di Raffaelli: Quello che fu l’Ospedale di Santa Maria della Croce di Montalcino torni ad esserlo, consono alla bisognaIl calvario dell’ospedale cominciò nel 1969, proseguì con la “strategia del carciofo” (tagliare una foglia per volta) e si concluse nel 1997 con la chiusura e la conseguente nascita del Presidio funzionale. Si arriva così all’attualità, con un plesso di 10.000 metri quadrati “inutilizzato al 90%”, spiega Raffaelli nel suo opuscolo di circa 20 pagine. “Oggi, per raggiungere l’Ospedale Le Scotte di Siena con una propria automobile, si impiegano anche due ore di tempo fra passaggi a livello, tre, e la regolamentazione del traffico nei centri abitati - sottolinea l’ex sindaco di Montalcino - la Cassia, se si esclude la circonvallazione di Monteroni d’Arbia e il tratto Galluzzi-San Quirico d’Orcia, è rimasta tal quale quella che venne asfaltata nel 1934. Se poi si deve arrivare con i mezzi pubblici di trasporto, allora si impiega una giornata. Anche per raggiungere l’ospedale di Montepulciano, 80 km di distanza, non si impiega meno tempo. Così è per l’ospedale di Abbadia San Salvatore. Rimane difficile capire il perché di questa scelta del servizio sanitario nei confronti del nostro territorio”. E per fortuna, aggiunge, che ci sono le Misericordie di Montalcino e Torrenieri, le cui ambulanze per il trasporto dei malati sono guidate al 90% da volontari. “Ringraziamoli e auguriamoci che questo volontariato continui”.

Il ragionamento di Raffaelli è il seguente: il Comune di Montalcino conta quasi 6.000 abitanti, a cui si aggiungono il grande flusso di turisti e le centinaia di lavoratori dal sud di Siena e dal nord di Grosseto. La zona insomma non è deserta, è viva e vegeta. È uno snodo cruciale della Toscana meridionale. “I poteri lontani - scrive Raffaelli - ottennero la chiusura del nostro ospedale. Nei fatti, assecondati da poteri locali. Perché? Ritorni il Santa Maria della Croce a essere ospedale come l’opinione pubblica, giustamente, rivendica”.

Attenzione, quella dell’ex sindaco non è un’operazione nostalgica. “Consono alla bisogna”, infatti, significa auspicare non certo a un ritorno dell’ospedale che fu, in tutte le sue funzioni (sarebbe francamente impossibile), ma ad un suo utilizzo attivo. A una struttura interconnessa col territorio, in linea con le esigenze dei cittadini.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

18 settembre 2019

Lavori in Via Castellana, per un mese cambia la viabilità

Visto che un’impresa deve effettuare dei lavori in un’abitazione in Via Castellana, a Montalcino, con l’ausilio di alcuni autocarri per caricare e scaricare del materiale edile, da oggi al 18 ottobre ogni lunedì, martedì e giovedì (orario 8.15-10.15 e 15-17)

18 settembre 2019

Tre giorni in Puglia con l’Auser di Montalcino

Nuovo viaggio dell’Auser di Montalcino, che a fine settembre organizza una tre giorni in Puglia, nella Valle d’Itria (27-29 settembre). La gita prevede visite a Polignano a Mare, Castellana Grotte, Alberobello, Ostuni, Conversano, Trani e Bari. La quota (200 euro,

17 settembre 2019

Rosewood Castiglion del Bosco, un autunno a caccia di tartufi

Rosewood Castiglion del Bosco, il resort toscano situato a Montalcino, fondato da Massimo e Chiara Ferragamo nel 2003, propone anche quest’anno un programma per vivere a pieno il fascino e l’incanto nel cuore della Toscana. L’autunno è un periodo magico per

17 settembre 2019

Vendemmia, aumentano le “squadre” ma i ragazzi dove sono?

Le stime della produzione di vino nella provincia di Siena e più in generale in tutta la Toscana fanno ben sperare. Con un 10% in più quello toscano è l’unico territorio d’Italia a registrare una crescita in quantità. Ma anche

16 settembre 2019

Asfaltature, guasti idrici, fibra ottica: da oggi cambia la viabilità

Bitumatura, riparazioni di un guasto idrico, fibra ottica. Iniziano oggi diversi lavori che cambieranno in parte la viabilità nel Comune di Montalcino. Si comincia dall’asfaltatura: i rifacimenti dell’asfalto riguarderanno Vicolo del Pino a Montalcino (da oggi e fino al termine

16 settembre 2019

Calcio, solo un pari per il Montalcino. Torrenieri esordio ok

Appuntamento rimandato con la prima vittoria stagionale. Il Montalcino non brilla e all’esordio tra le mura amiche non va oltre lo 0-0 contro il Gambassi. Poche le emozioni, ad eccezione di una traversa del solito Pecchi. I ragazzi di Corbucci

24 settembre 2019

Consiglio direttivo nel Borghetto

Il 24 settembre Consiglio direttivo nel Borghetto (ore 21.15). All’ordine del giorno lettura e approvazioni del verbale del Consiglio precedente, resoconto della Festa del Patrono, organizzazione della Cena Itinerante e della Sagra del Tordo, varie ed eventuali.

22 settembre 2019

Pensieri in Volo al Teatro degli Astrusi

Domenica 22 settembre al Teatro degli Astrusi di Montalcino (ore 17) si terrà la presentazione del libro “Pensieri in Volo” scritto dalla professoressa Maria Assunta Pisani. L’intero ricavato della vendita del libro sarà devoluto alla Residenza Sanitaria Assistita di Montalcino.

22 settembre 2019

A pranzo con l’Auser

Si rinnova “Domenica a pranzo con l’Auser”, evento che l’Auser Montalcino organizza negli spazi di Ocra. L’appuntamento è per il 22 settembre (ore 13). Per le prenotazioni (entro venerdì 20 settembre) rivolgersi a Lola (342 8044432) o Anna (338 2320339).