Taxi, mondo del vino: “sì, servono”

Una splendida veduta aerea di MontalcinoMa i taxi a Montalcino servono davvero? La risposta che ci arriva dal mondo del vino e dal settore dell’accoglienza, e quindi dalla parte fondamentale dell’economia cittadina, è affermativa. Dopo le segnalazioni dei giorni scorsi, abbiamo deciso di continuare a parlarne. In realtà lo facciamo da molti anni perché l’esigenza di questo servizio viene più volte riportata a galla soprattutto nei mesi di maggiore affluenza turistica. E i visitatori, lo dicono i numeri, sono in aumento, con il fenomeno della “destagionalizzazione” che si sta lentamente trasformando. Ovviamente a gennaio, ad esempio, di turisti in giro ce ne sono pochini. Ma i mesi di marzo e aprile hanno avuto una grande crescita e se il trend si confermerà probabilmente la stagione degli arrivi è destinata ad allungarsi. Gli ultimi dati a disposizione, riferiti al 2018, parlano di oltre 66.000 turisti che hanno soggiornato negli esercizi ricettivi di Montalcino (+22% rispetto al 2017). 156.000 le presenze, ovvero il numero di notti trascorse (+25,8%), e una permanenza media che è passata da 2,29 a 2,39 notti.

Il territorio di Montalcino è privo di collegamenti comodi, oppure non esistono proprio: basti pensare che per andare in Valdichiana non ci sono bus. Ed ora che è anche attiva una coppia di Frecciarossa dalla stazione di Chiusi ci sarebbe una ragione in più per sbloccare gli spostamenti in quella zona. A Montalcino c’è la “strada più costosa” d’Italia ma non c’è un taxi a disposizione. E lo stesso dicasi per tutta la Valdorcia. Montepulciano, altro territorio vasto e che ha visto impennare i numeri del turismo, ha recentemente pubblicato un bando per l’assegnazione di 5 licenze taxi.

A Montalcino sono attivi alcuni Ncc (non sappiamo quanti, non abbiamo trovato informazioni sul sito del Comune) ma il loro numero, specialmente in un certo periodo, probabilmente non è sufficiente. Tra l’altro lavorano benissimo, leggendo le recensioni sul web se ne trovano più di una interessante. Ma anche loro servirebbero in numero maggiore, come avremo modo di approfondire successivamente. I taxi comunque sono un’altra cosa e darebbero una grande mano per completare l’offerta. Abbiamo contattato alcune aziende importanti del territorio e persone che sono nel giro del settore della ristorazione e dell’accoglienza per fare una piccola indagine e rispondere alla domanda: “serve il taxi a Montalcino”? Ecco alcune opinioni che abbiamo raccolto.

Fabio Tasssi (imprenditore): “sì, c’è bisogno del taxi a Montalcino. A volte i clienti si devono fare accompagnare anche per andare al ristorante. E poi Montalcino non è un paese in cui ci si muove bene, le aziende non sanno come organizzarsi per dare un servizio di mobilità a un turista. Gli Ncc non bastano, il taxi sarebbe un servizio utile”.

Enrico Viglierchio (direttore generale Banfi): “sicuramente la presenza dei taxi non farebbe male. A Montalcino ci si può muovere solo con gli Ncc, servizi organizzati o con i mezzi propri. Molte volte capita che le persone vorrebbero muoversi per andare in un certo posto e un taxi sarebbe sicuramente a loro utile. E c’è pure chi non ha voglia di spostarsi con il proprio mezzo personale preferendo una soluzione alternativa. Dico che serve ma sono anche consapevole che per tanti mesi il lavoro a un taxista non mancherebbe ma per la bassa stagione la richiesta di taxi è quasi a zero. L’ideale sarebbe avere a disposizione un servizio stagionale”.

Andrea Machetti (ad Mastrojanni): “dico che bisogna prima vedere la mentalità di questo territorio e capire se è pronto. Ricordo che anni fa venne installata la navetta che dalla zona della Pineta ti portava in centro ma non funzionò. Del taxi ci sarebbe la necessità, non dico di no, i turisti arrivano e poi a volte non hanno voglia di guidare. Ecco, preferirei dire che “potrebbe” essere utile lasciando il punto interrogativo sulla questione…”

Giacomo Neri (proprietario Casanova di Neri): “se il taxi servirebbe a Montalcino? Assolutamente sì. Sia per i turisti ma anche per noi che viviamo sul territorio. Lo ritengo uno strumento di grande utilità anche semplicemente per andare a cena, ad esempio, a Sant’Angelo. Il taxi sarebbe utile per strutture, agriturismi, relais e pure per i montalcinesi”.

Azzurra Casini (direttrice comunicazione Rosewood Castiglion del Bosco): “Come azienda pensiamo che servirebbe un incremento degli Ncc piuttosto che l’introduzione dei taxi. Questo per la tipologia di turismo che privilegia la visita alle varie cantine e luoghi che si trovano anche fuori dal nostro territorio”.

Carlo Alberto Bindi (La Romita, Montisi): “abbiamo un agriturismo da 35 anni. Capita che i nostri ospiti quando sono qui ci chiedano un taxi per raggiungere le stazioni del treno, oppure lo scrivono anche nella mail di prenotazione. Certo, Montalcino è distante da Montisi anche se facciamo parte del Comune. I mezzi di collegamento non ci sono, prendiamo come riferimento territoriale la Valdichiana visto che in pochi chilometri si raggiunge l’autostrada. Sì, il taxi servirebbe ma andrebbe trovata una soluzione giusta”.

Parlando di Ncc abbiamo invece contattato Giorgio Dell’Artino, presidente di Azione Ncc, associazione nata per tutelare l’immagine e il lavoro della categoria. Meno di un anno fa aveva denunciato il fenomeno degli autisti abusivi. Allora, oltre ai taxi, avere più licenze per gli Ncc potrebbe essere una soluzione anche per eliminare questi casi? “Sicuramente aumentare il numero delle autorizzazioni aiuterebbe non poco. Sappiamo che gli hotel spesso hanno chiamato gli Ncc ma questi erano tutti occupati a fare il servizio. Ma allo stesso tempo servono più controlli che al momento non vediamo. Gli autisti abusivi secondo noi sono aumentati a Montalcino e presto un nostro legale incontrerà il Comune per spiegare le nostre ragioni. Serve un maggiore contrasto sull’abusivismo e questo anche per aumentare la sicurezza dei passeggeri”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

15 novembre 2019

Calcio, domenica in casa per Montalcino e Torrenieri

Undicesima giornata di campionato (Promozione Toscana girone C) per il Montalcino che si prepara ad ospitare domenica l’attuale fanalino di coda, il Forcoli Valdera 1921 fermo a cinque punti in classifica. Sei in meno del Montalcino che ancora orbita in

15 novembre 2019

Aste Bolaffi, tra i top lot anche il Brunello di Montalcino

Sono complessivamente 970 i lotti in catalogo per la prossima asta enoica firmata Aste Bolaffi, in collaborazione con Slow Food Editore, di scena il 21 novembre a Torino. Come riporta WineNews è la più ricca mai organizzata per quantità e

15 novembre 2019

“Libriamoci”, le letture degli studenti per il pianeta

“Dal bello della parola alla bellezza del nostro pianeta”. Oggi è la giornata di lettura nella scuola e con “Noi salveremo il pianeta” i ragazzi vogliono essere protagonisti e sensibilizzare le nuove generazioni alla lotta dei cambiamenti climatici. E questa

14 novembre 2019

Franceschelli: “non ci facciamo intimidire da chi ha follie criminali”

Il Presidente della Provincia, Silvio Franceschelli, lancia un appello: mercoledì 20 novembre davanti alla Prefettura ci sarà un presidio per ribadire le radici democratiche e antifasciste di questo territorio: “Siena e la sua Provincia, democratiche ed antifasciste, hanno profonde radici

14 novembre 2019

Guasti nei collegamenti di rete, disagi per prenotazioni al Cup

Dall’ufficio stampa dell’Azienda Usl Toscana Sud Est riceviamo e pubblichiamo: “nella mattina di oggi giovedì 14 novembre, a causa di un guasto nei collegamenti di rete si stanno verificando delle interruzioni nelle procedure di accettazione e prenotazione CUP in tutta

13 novembre 2019

Rapinò anche due banche del territorio di Montalcino: condannato

Come riporta La Nazione di Siena in edicola questa mattina, è stato condannato, con il rito abbreviato, a 4 anni e 1.400 euro di multa, l’uomo originario della Puglia che si fingeva arabo, ma in realtà è italianissimo, che aveva

22 novembre 2019

Cena olio novo nel Pianello

L’olio del Pianello…nel Pianello! Venerdì 22 novembre, alle ore 20.15, è in programma la cena dell’olio novo organizzata dal Quartiere per ringraziare tutti i quartieranti che hanno lavorato per la Sagra del Tordo. Prenotazioni nella bacheca della sede.

18 novembre 2019

Il 18 novembre assemblea nella Ruga

Lunedì 18 novembre, ore 21, assemblea generale nel Quartiere Ruga. Questi i temi all’ordine del giorno: resoconto della Sagra del Tordo; nomina commissione elettorale; varie.

17 novembre 2019

“Un Tartufo per la Pace”

Domenica 17 novembre a San Giovanni d’Asso l’assegnazione del premio internazionale “Un Tartufo per la Pace” che viene conferito ad organizzazioni o personaggi che si sono distinti per l’impegno nella difesa dei diritti fondamentali delle persone. Per il 2019 il