Ezio Rivella: “ecco come Montalcino è diventata ricca”

Ezio RivellaFondato nel 1893, L’Enologo è il mensile che rappresenta la voce della categoria ed è l’organo ufficiale di stampa dell’Assoenologi. La copertina della rivista del mese di novembre è dedicata ad Ezio Rivella, eletto a Matera “Personaggio dell’Anno” dagli Enologi Italiani guidati da Riccardo Cotarella. Rivella è uno degli uomini più importanti della storia del vino italiano e per Montalcino in particolar modo. Non si esagera, forse, a dire che da noi lo sviluppo del Brunello ha la fase “pre” e “post” Rivella. Parliamo d’altronde di uno dei primi enologi-manager di sempre, che partito dal suo Piemonte, ha creato dal niente, negli anni ottanta, con la famiglia italoamericana Mariani, l’epopea di Castello Banfi. Da lì è iniziato il successo commerciale del Brunello di Montalcino nel mondo e un’altra storia, per tutti. Sfogliando la rivista, troviamo una lunga intervista (4 pagine) effettuata dal presidente di Assoenologi Cotarella a Rivella.

Una parte importante è dedicata proprio a Montalcino ed è interessante leggerla per capire questo territorio a che punto era fino a pochi decenni fa e dove è arrivato adesso: “capitai a Montalcino agli inizi degli anni ‘70 per scrivere un articolo per ‘Civiltà del Bere’ - dice Rivella - di questo vino di cui si iniziava a favoleggiare ma era pressapoco inesistente sul mercato. Rimasi sorpreso dalla scarsità dei vigneti esistenti; un territorio completamente abbandonato, tutto sassi e rovi, terreni tutti in vendita, a prezzi bassissimi”. Rivella allora iniziò a pensare a un progetto che lui stesso ha definito “molto futurista” e che per realizzarlo servivano tanti soldi. Ma il caso e il destino ci hanno messo del suo: era il 1977 quando durante una cena, Rivella e John Mariani della Banfi iniziano a mettere il primo mattone di una storia che ha fatto epoca. Mariani voleva entrare nella produzione del vino in Italia, Rivella aveva l’idea e l’aveva per Montalcino. Una felice coincidenza. Parte la sfida, con il progetto che mantenne sempre le sue peculiarità iniziali: dalla regola che ogni etichetta deve avere la sua vigna fino alla dimensione adeguata per l’economicità della gestione. E poi l’attenzione per i servizi agli ospiti e le porte aperte ai visitatori, qualità e attenzione al mercato. Le intuizioni del manager piemontese e ovviamente gli investimenti e la fiducia riposta in lui dall’azienda Banfi, furono vincenti.

Nel settembre del 1984 fu inaugurata la cantina di Montalcino alla presenza, tra gli altri, dell’ambasciatore Usa Maxwell Rab. “Erano gli anni bui delle Brigate Rosse - ricorda Rivella a L’Enologo - l’immagine dell’Italia all’estero era ai minimi; nessun operatore avrebbe deciso di investire da noi. Io invece avevo portato 200 milioni di dollari a Montalcino, zona depressa, allora gli ultimi posti nella economia della Provincia di Siena”. Il resto è storia, Rivella è stato nominato Cavaliere del Lavoro, presidente degli enologi mondiali (primo italiano alla guida dell’Union des Œnologues), e tra i primi a portare nel settore una visione manageriale ed imprenditoriale della figura dell’enologo. Fu presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino dal 2010 al 2012 e il suo segno è ancora oggi molto tangibile. Anche se la sua personalità, in Italia e a Montalcino, non è mai stata celebrata quanto meriterebbe.

“La ricaduta economica dell’investimento Banfi a Montalcino è stata veramente di vasta portata ed ha il grande merito di aver portato il Brunello di Montalcino nel mondo. Tutti gli altri produttori hanno capito presto quale era la via da seguire, ma senza la locomotiva Banfi non avrebbero fatto il percorso così velocemente. La Banfi ha fatto da modello in tema di organizzazione, ospitalità, ricevimento dei visitatori, soluzioni tecnologiche e commercializzazione. Montalcino è passato da area depressa a Comune più ricco della Provincia”. Parola di Ezio Rivella. E quando si leggono le cifre record degli ettari di vigneto o che a Montalcino c’è la strada con le case più care del Belpaese… Beh, niente è avvenuto per caso.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

13 dicembre 2019

Dal Comune 22.000 euro per le attività natalizie

È di 22.000 euro la cifra stanziata dal Comune di Montalcino da destinare alle Pro Loco del territorio per le attività natalizie 2019. Nello specifico 13.000 euro andranno a Montalcino, 2.500 euro a San Giovanni d’Asso, 2.400 euro a Torrenieri,

13 dicembre 2019

Cambio nella Commissione per il paesaggio di Montalcino

Cambio nella Commissione per il paesaggio di Montalcino, ente che si occupa dell’autorizzazione paesaggistica (di competenza della Regione, che può tuttavia delegarla ai Comuni). L’ingegnere Luciano Solfanelli (di Chianciano Terme) e l’architetto Lorena Di Girolamo (di Firenze) vanno a sostituire

13 dicembre 2019

San Giovanni d’Asso, il 19 dicembre stop all’erogazione di acqua

Lavori di manutenzione programmata nel Comune di Montalcino. Il 19 dicembre (ore 8.30-17) i tecnici di Acquedotto del Fiora effettueranno un intervento in Via della Stazione, a San Giovanni d’Asso, determinando la temporanea sospensione dell’erogazione di acqua alle utenze situate

12 dicembre 2019

Il Brunello al top nelle liste dei ristoranti di Pechino

Il Brunello di Montalcino è tra le denominazioni più presenti nelle liste dei ristoranti di Pechino. Lo rivela un approfondimento di WineNews sui dati dello studio MiBD “Wines in Beijing Restaurants”, che rivela un quadro sfaccettato ed interessante nei 158

12 dicembre 2019

Un “rinforzo” per la Polizia Municipale di Montalcino

Un “rinforzo” per la Polizia Municipale di Montalcino. Il Comune di Montalcino ha assegnato un incarico per prestazione occasionale a Carlo Terzuoli, dipendente della Provincia di Siena e originario di Abbadia San Salvatore. Il contratto partirà il 16 dicembre e

11 dicembre 2019

Il costo delle luminarie del Natale a Montalcino

È di 18.000 euro (Iva inclusa) il costo per le luminarie di Natale nel Comune di Montalcino, affidate quest’anno ad una ditta pistoiese che svolgerà il servizio anche nel 2020, allo stesso prezzo. È quanto si apprende da una determina

15 dicembre 2019 16:00

San Giovanni d’Asso per Telethon

Importante iniziativa in arrivo a San Giovanni d’Asso e in programma per il prossimo weekend. Per i 30 anni della Fondazione Telethon è stato promosso l’evento “Fammi un regalo”, in cui sarà possibile acquistare dei cuori di cioccolata (in tre

14 dicembre 2019

“DuoVa” e beneficenza a S.Angelo

Una serata per ricordare e fare del bene e in cui non mancherà la musica, l’allegria e la buona cucina locale. Sabato 14 dicembre, alle ore 20.30, al Circolo Ricreativo di Sant’Angelo in Colle è in programma la cena di

14 dicembre 2019

A cena con il Montisi calcio

A cena con l’associazione sportiva Montisi. Sabato 14 dicembre, alle ore 20, nei locali dell’associazione, l’A.s. Montisi invita tutti i montisani e non, simpatizzanti e atleti a partecipare alla consueta cena degli auguri. Una serata per stare insieme ma che