Avis Montalcino tra auguri, premi e riflessioni

Ettorre Riccucci premiato per le sue 50 donazioniSabato scorso si è tenuta la tradizionale cena degli auguri dell’Avis di Montalcino. Una serata di buona cucina, allegria e premiazioni ma anche di riflessioni. Presente anche Viro Pacconi, il presidente provinciale di Avis. Consegnate le due “medaglie d’oro” per le 50 donazioni a Ettore Riccucci ed Elvia Rabazzi. Premiato anche l’assessore comunale Christian Bovini che ha toccato il traguardo delle dieci donazioni. Lunedì poi l’Avis ha offerto gadget e merenda a tutti gli alunni della scuola elementare dopo i tradizionali canti della scuola a Sant’Egidio. La piazza si è riempita ed è stata anche una buona occasione per ricordare quanto è importante il gesto della donazione di sangue per le persone che sono in difficoltà. Quest’anno i donatori dell’Avis di Montalcino hanno effettuato 247 donazioni in tutto, tra Montalcino e i centri Usl convenzionati di Siena, Nottola e Castel del Piano. Numeri in linea con quelli dello scorso anno e che possono essere incrementati nelle prossime settimane che ci separano dal 2020. Venerdì 20 e 27 dicembre altre due sedute sono in programma… Perché non provare? 

Di seguito pubblichiamo i due interventi pronunciati durante la cena da parte del presidente della sezione Avis di Montalcino Barbara Pii. Crediamo siano utili per capire la situazione attuale e per riflettere su alcuni punti che in futuro dovranno necessariamente essere affrontati e magari risolti. Perché non deve esserci il rischio, ora e in seguito, di non poter più donare a Montalcino.

Elvia Rabazzi premiata per la sua cinquantesima donazione

“La nostra associazione è ben radicata sul nostro territorio, tant’è vero che nel 2022 festeggeremo i cinquant’anni dalla nascita dell’Avis Comunale di Montalcino che fu costituita da un piccolo gruppo di persone, e devo sottolineare che si trattava di belle persone. Sì perché i donatori di sangue sono proprio belle persone perché donano il proprio sangue in maniera anonima, non remunerata e consapevole. Sono belle persone anche se non possono donare ma mettono a disposizione il loro tempo per l’associazione e quindi per sensibilizzare alla donazione di sangue. Sono bellissime persone se sono donatori giovani o volontari giovani, perché non è facile nella società di oggi trovare giovani disposti a gesti del genere e ciò non è un problema solo della nostra realtà ma generalizzato in tutta Italia (la paura dell’ago, tatuaggi e piercing o frequenti viaggi all’estero che mettono “in quarantena” la donazione di sangue). Questa è una questione che ci deve far riflettere per trovare presto soluzioni, questione affrontata spesso negli incontri a livello provinciale. Io posso riportare la mia esperienza: sono entrata in Avis come donatrice di sangue a 18 anni, non perché fossi meglio di altri o più lungimirante, ma solo perché tutta la mia famiglia era già donatrice di sangue quindi per me è stato un gesto naturale e spontaneo. Quindi, cari amici donatori, il compito è anche nostro/vostro: trasmettere i valori della donazione ai nostri familiari e amici. Questa, credo sia una delle soluzioni possibili….”.

“L’altra riflessione riguarda invece la constatazione del fatto che avere una Unità di Raccolta Sangue, ovvero un luogo che giuridicamente è a gestione dell’associazione (come lo è la nostra Unità di Raccolta sangue all’interno del Presidio Ospedaliero di Montalcino), non è una ricchezza, non è un plus valore come si potrebbe immaginare, ma un logoramento delle energie stesse dell’associazione che invece avrebbe altre mission, una tra tutte, la sensibilizzazione alla donazione di sangue. Avere una UdR a gestione interamente privata, come è considerata l’Avis per l’Usl, significa occuparsi di apparati medici, di standardizzazioni, di procedure di qualità europee, burocrazia, responsabilità giudiziaria, tutto a scapito di altri obiettivi di competenza di una associazione di volontari che nella maggior parte dei casi fanno tutt’altro di mestiere. Noi dirigenza stiamo resistendo con le unghie e con i denti per non perdere la possibilità di donare a Montalcino, ovvero a chilometri di distanza dagli altri punti di prelievo dell’area, come Nottola, Castel del Piano o Siena”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

4 agosto 2020

Civitella Paganico, brucia il bosco: fiamme visibili da Montalcino

Un maxi incendio boschivo si è scatenato questa mattina in località Tenuta di Bagnolo, nel Comune di Civitella Paganico, a non molti chilometri di distanza da Montalcino. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo le 12 rapidamente sospinte dal vento.

4 agosto 2020

Il libro sulla storia della Chiesa della Madonna delle Nevi

Un volume dedicato alla Chiesa della Madonna delle Nevi. Lo ha realizzato Giacomo Massoni e sarà presentato domani 5 agosto a Montisi (ore 12,15, Chiesa della Madonna delle Nevi). Si tratta del decimo numero della collana “Ad Loca Mariana” edita

31 luglio 2020

Fondi Covid, nuovi infissi per la scuola media di Montalcino

Nuovi infissi con apertura a vasistas (verso l’interno) per la scuola media di Montalcino, per garantire buona illuminazione e allo stesso tempo il ricambio d’aria. Il costo, di 17.610 euro più Iva, è in gran parte coperto dai contributi statali

29 luglio 2020

Bindocci vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena

Fabrizio Bindocci, presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, è stato eletto vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena insieme a Filippo Cresti. La massima carica sarà invece ricoperta da Nicola Ciuffi, imprenditore agricolo e allevatore della valdichiana senese, che

24 luglio 2020

Potatura e abbattimento alberi a Montisi e Castelnuovo dell’Abate

Potatura di sette lecci e quattro tigli e abbattimento di un cedro secco a Montisi, abbattimento di due grossi pini e sette tigli in Via delle Scuole a Castelnuovo dell’Abate: sono le operazioni di cui se ne occuperà una ditta

24 luglio 2020

Sei Toscana: “Serve intervento statale sulla Tari per aiutare le attività”

“Aiutiamo le attività commerciali e produttive dei nostri territori che sono state chiuse forzatamente per il lockdown, il Governo impegni risorse per farsi carico di una quota parte del pagamento della Tari”: è l’appello lanciato dal presidente di Sei Toscana,

10 agosto 2020

Argiano e Calici di Stelle

Degustare i pregiati vini di Montalcino nella notte di San Lorenzo, affacciati su una delle piazze più belle del mondo. Succederà il 10 agosto a Siena, in Piazza del Campo, dove Siena Experience Italian Hub in collaborazione con Cuoconté di

8 agosto 2020

Calici di Stelle alla Fattoria dei Barbi

L’8 agosto la Fattoria dei Barbi festeggia “Calidi di Stelle” con una “Notte Bianca sotto le Stelle” all’insegna di una suggestiva cena incantata monocolore (dal dress code al menù, tutto rigorosamente bianco), candele e atmosfera, musica di sottofondo, calici di

5 agosto 2020

Montisi festeggia il patrono

Montisi celebra il patrono, la Madonna delle Nevi. Mercoledì 5 agosto il corteo storico onorerà il patrono del paese alla presenza del vescovo e, alle 12.15, appuntamento alla Chiesa della Madonna delle Nevi per la presentazione del numero 10 della