La Via Francigena in sella a un cavallo

IppoVia Francigena, il progetto per percorrere il tratto toscano della Via Francigena in sella a un cavalloPercorrere il tratto toscano della Via Francigena in sella a un cavallo, per diversificare ulteriormente l’offerta turistica dell’antico itinerario di Sigerico. È l’idea alla base del progetto della Regione Toscana in collaborazione con l’Università di Firenze (approvato nei giorni scorsi dalla giunta comunale di Montalcino) denominato “IppoVia Francigena”, che prevede l’individuazione di un percorso equestre, con relative fermate per cavalli e cavalieri, e l’installazione della segnaletica a spese della Regione (nessun onere ricadrà sui Comuni interessati).

Lo studio, realizzato dal Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali, ipotizza 18 tappe di non più di 35 chilometri ciascuna con punti sosta e varianti. Una di queste, per esempio, partendo da Buonconvento aggirerà Torrenieri per evitare lunghe tratte di asfalto, staccandosi dal percorso pedestre prima di arrivare a Torrenieri e, seguendo strade vicinali segnate da vari percorsi escursionistici, terminerà a San Quirico d’Orcia. La tappa Buonconvento-San Quirico d’Orcia, di 26 km, prevede quattro punti sosta ma nessuno nel territorio comunale di Montalcino, anche se si tratta di idee che possono essere soggette a revisione.

6 pensieri su “La Via Francigena in sella a un cavallo

  1. Sono anni che si parla in questo paese di ippovie, buoni propositi, ecco solo quello, in realtà la maggior parte sono tutte ormai asfaltate o cementate e spesso fatte da un gruppo universitario che si mettono al computer con Google Maps o altre applicazioni analoghe e disegnano, punto, punto, punto ,punto queste “ippovie”.
    Partiamo da un dato, le ippovie sono percorsi adatte solo o quasi a cavalieri e cavalli esperti, per chi non lo è il secondo giorno o massimo il terzo rimane a letto.
    Altro dato, oggi il mondo dei trekking è cambiato, solo pochissimi portano i propri cavalli per farsi 600 km, domanda spontanea, ma dì che turismo state parlando ?.
    Poi senza contare la sicurezza, la pulizia, la gestione tabellare, dei percorsi le proprietà che nel frattempo vengono vendute a privati o tra privati e chiudono i passaggi, che si fa si blocca l’ippovia? , per forza !
    Ecco perché nel 2017 ho creato e ideato il primo e unico Consorzio Ippostrade Europee ® in rete di impresa, per offrire ai maneggi o in partenariato e a tutti i turisti la possibilità di gustare il territorio a passo lento”slow”, con una.formula unica nel suo genere e che sta funzionando bene.
    Se volete potete contattarmi, o se avete voglia di guardare il nostro sito web. http://Www.Ippostrade.com potrete capire un minimo di quello che faccio.
    Sono sicuro che se fate entrare questo vostro progetto nel Consorzio Ippostrade Europee ® si potrà veramente e seriamente parlare di organizzazione turistica in rete, avendo fatto io il corso come progettista di rete.

    • Ciao Lorenzo scusa ma non è corretto farsi pubblicità denigrando il lavoro di altri….. del quale non mi pare tu ne sappia molto…. tante supposizioni, per far capire che i tuoi giri a margherita sono l’unico modo per farsi un weekend slow. Il progetto della via Francigena è molto complesso e sicuramente più impegnativo dei creare percorsi a Margherita. Anche io ho un piccolo progetto che si chiama Equi Autostrada d’Italia e serve per tracciare percorsi in autonomia attraverso una app e condividerli con gli altri ma di certo non sminuisco il lavoro di altri progetti dei quali probabilmente non ne conosco i particolari

  2. Buongiorno mo chiamo Elisa e vado a cavallo da circa 35 anni, la mia specializzazione è quella.di fare trekking di molti giorni ovviamente a cavallo trovando e sperimentando nuovi tracciati, ogni anno.percorro sbariate centinaia
    Di chilometri, su e giu per l italia con il mio cavallo maremmano, razza tipicamente toscana
    Vorrei rendermi disponibile per provare questa nuova ippovia, e fare una relazione dettagliata
    Della effettiva fattibilità.
    Nel caso siate interessanti a questa mia proposta, vi lascio il mio recapito telefonico
    328/8061985
    Grazie per l attenzione
    Elisa Montecchi

  3. Salve io ho una proprietà nel comune di Montalcino tra Buonconvento e torrenieri dalla quale passa proprio la via francigena. Ho anche dei cavalli e sarei interessata. Il mio recapito 3290355559

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

2 aprile 2020

Castiglion del Bosco devolve parte del ricavato del suo Brunello 2015

In occasione della Pasqua Castiglion del Bosco, una delle più grandi e storiche tenute di Montalcino, devolverà parte del ricavato della vendita del suo Brunello di Montalcino 2015 al fondo di solidarietà istituito dalla Regione Toscana. Un gesto concreto e

2 aprile 2020

Da Villa I Cipressi un aiuto alla Protezione Civile

Anche da parte del mondo del vino continua ad esserci attenzione per quanto riguarda questo difficile momento legato all’emergenza Covid-19. L’azienda agricola Villa I Cipressi di Montalcino ha deciso di fare la propria parte decidendo di donare il 5% di

2 aprile 2020

Il Presidente Rossi: “per il turismo ci aspettiamo interventi nazionali”

“Da noi il turismo rappresenta una percentuale forte del Pil, intorno al 12%, poi c’è tutto un mondo che si muove intorno”. Così il presidente della Regione Toscana a “24 Mattino” su Radio 24 aggiungendo poi come questa situazione per

1 aprile 2020

Medico di famiglia, assistiti del dottor Mandarini assegnati al dottor Marzi

Per prevenire e contenere gli effetti del Coronavirus e tutelare la salute dei cittadini, evitando di spostarsi dalle proprie abitazioni e di rimanere senza medico, in attesa di effettuare una nuova scelta, la Società della Salute senese comunica che da

1 aprile 2020

Trasporti pubblici, la Regione invita a non buttare gli abbonamenti di marzo

Conservare l’abbonamento del mese di marzo, in attesa che vengano definite possibili misure compensative. L’indicazione della Regione Toscana è rivolta a tutti gli abbonati del trasporto pubblico regionale, sia esso su ferro, gomma o via mare. “Stiamo lavorando da tempo

31 marzo 2020

La Regione Toscana proroga il rischio incendi fino al 15 aprile

Oggi doveva scadere il divieto di abbruciamento ma la Regione Toscana ha deciso di prorogare la finestra a rischio incendi fino al prossimo 15 aprile. Fino a questa data sarà perciò vietato l’abbruciamento dei residui vegetali.

8 marzo 2020

Pranzo di pesce nel Travaglio

L’8 marzo, in occasione della Festa della donna, il Quartiere Travaglio organizza un pranzo a base di pesce (ore 12.30). Prenotazioni in bacheca entro e non oltre il 5 marzo.

8 marzo 2020

L’8 marzo nei Quartieri

Sono tanti gli appuntamenti in occasione della Festa della Donna a Montalcino promossi dai Quartieri: domenica 8 marzo, ore 13, pranzo nel Pianello (prenotazioni entro il 6 alle ore 12 presso la bacheca), mentre la sera l’appuntamento è nel Borghetto

7 marzo 2020

A cena nella Ruga coi sapori italiani

La Ruga promuove un appuntamento a tema, una cena che è un viaggio gastronomico con piatti che omaggiano le varie regioni d’Italia. Si terrà sabato 7 marzo, alle ore 20, nella sede di Vicolo del Pino. Prenotazioni entro il 6