Wedding in Terre di Siena, Montalcino fuori dai “top 6”

Cresce il wedding nelle Terre di Siena ma Montalcino è fuori dalla top fiveTorniamo a parlare di wedding a Montalcino. Dopo la nostra inchiesta pubblicata nei giorni scorsi, che ha suscitato un certo interesse tra gli addetti ai lavori e non, arrivano altri numeri utili per approfondire ancora una volta questo fenomeno che genera ricadute economiche positive per il territorio. D’altronde, nelle Terre di Siena, il fatturato totale stimato ammonta a circa 38,4 milioni di euro, il 24% del mercato regionale, con 36mila arrivi e 148.300 presenze. Questa è la fotografia sul wedding che emerge dalla ricerca effettuata dal Centro Studi Turistici di Firenze per conto di Toscana Promozione (e riportata da Confcommercio Siena). Questi dati saranno al centro dell’incontro promosso da Confcommercio che si terrà il 12 dicembre a Siena, in strada di Cerchiaia, con l’iniziativa “Wedding, How to do in Terre di Siena”. L’obiettivo è quello di mettere in connessione albergatori, gestori di strutture ricettive e ristoratori con chi fa wedding planner. E quindi dare forza alla filiera locale.

Secondo i dati rilevati dal Centro Studi Turistici, nelle Terre di Siena la media degli invitati per ogni evento wedding è di 43,3 con 51.450 euro di spesa media. Le top destination sono Castelnuovo Berardenga, Pienza, Chiusdino, Monteriggioni, Siena, San Gimignano: insieme costituiscono il 50,7% del mercato del territorio senese. L’evento tipo è per il 35,6% in villa, per il 67,6% si svolge in estate con settembre che è il mese preferito. Nel 38,9% il rito è simbolico mentre il 56,6% è la quota di eventi organizzati da wedding planner.

Abbiamo contattato il Centro Studi Turistici di Firenze (che ringraziamo per la gentilezza e la disponibilità) per chiedere se ci fossero dati su Montalcino. Ma in questo caso, a differenza dell’intero territorio senese, ci viene detto che un’analisi dettagliata non è stata fatta “poiché il fenomeno, sebbene presente, non ha ancora assunto una rilevanza tale da giustificare un’indagine ad hoc. Ad ogni modo, possiamo affermare che la destinazione goda dell’appeal esercitato da 2/3 location di pregio che richiamano coppie con una capacità di spesa piuttosto elevata”. Uno scenario che rispecchia quanto scritto su queste colonne la scorsa settimana. Fuori dalla “top five” senese, Montalcino avrebbe comunque tutte le potenzialità per invertire la tendenza ed arrivare nei primi posti. Ma dovrà crederci e voltare pagina.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

2 aprile 2020

Castiglion del Bosco devolve parte del ricavato del suo Brunello 2015

In occasione della Pasqua Castiglion del Bosco, una delle più grandi e storiche tenute di Montalcino, devolverà parte del ricavato della vendita del suo Brunello di Montalcino 2015 al fondo di solidarietà istituito dalla Regione Toscana. Un gesto concreto e

2 aprile 2020

Da Villa I Cipressi un aiuto alla Protezione Civile

Anche da parte del mondo del vino continua ad esserci attenzione per quanto riguarda questo difficile momento legato all’emergenza Covid-19. L’azienda agricola Villa I Cipressi di Montalcino ha deciso di fare la propria parte decidendo di donare il 5% di

2 aprile 2020

Il Presidente Rossi: “per il turismo ci aspettiamo interventi nazionali”

“Da noi il turismo rappresenta una percentuale forte del Pil, intorno al 12%, poi c’è tutto un mondo che si muove intorno”. Così il presidente della Regione Toscana a “24 Mattino” su Radio 24 aggiungendo poi come questa situazione per

1 aprile 2020

Medico di famiglia, assistiti del dottor Mandarini assegnati al dottor Marzi

Per prevenire e contenere gli effetti del Coronavirus e tutelare la salute dei cittadini, evitando di spostarsi dalle proprie abitazioni e di rimanere senza medico, in attesa di effettuare una nuova scelta, la Società della Salute senese comunica che da

1 aprile 2020

Trasporti pubblici, la Regione invita a non buttare gli abbonamenti di marzo

Conservare l’abbonamento del mese di marzo, in attesa che vengano definite possibili misure compensative. L’indicazione della Regione Toscana è rivolta a tutti gli abbonati del trasporto pubblico regionale, sia esso su ferro, gomma o via mare. “Stiamo lavorando da tempo

31 marzo 2020

La Regione Toscana proroga il rischio incendi fino al 15 aprile

Oggi doveva scadere il divieto di abbruciamento ma la Regione Toscana ha deciso di prorogare la finestra a rischio incendi fino al prossimo 15 aprile. Fino a questa data sarà perciò vietato l’abbruciamento dei residui vegetali.

8 marzo 2020

Pranzo di pesce nel Travaglio

L’8 marzo, in occasione della Festa della donna, il Quartiere Travaglio organizza un pranzo a base di pesce (ore 12.30). Prenotazioni in bacheca entro e non oltre il 5 marzo.

8 marzo 2020

L’8 marzo nei Quartieri

Sono tanti gli appuntamenti in occasione della Festa della Donna a Montalcino promossi dai Quartieri: domenica 8 marzo, ore 13, pranzo nel Pianello (prenotazioni entro il 6 alle ore 12 presso la bacheca), mentre la sera l’appuntamento è nel Borghetto

7 marzo 2020

A cena nella Ruga coi sapori italiani

La Ruga promuove un appuntamento a tema, una cena che è un viaggio gastronomico con piatti che omaggiano le varie regioni d’Italia. Si terrà sabato 7 marzo, alle ore 20, nella sede di Vicolo del Pino. Prenotazioni entro il 6