I 100 anni di Federico Fellini, amico di Montalcino

Federico Fellini alla Fattoria dei Barbi“Un giorno, verso la fine degli anni Settanta, chiamò Mario Guidotti e mi disse: ho qui con me Fellini e sua moglie, volevo portarli a Montalcino. La casa è aperta, risposi io. Cominciò, così, una simpatica amicizia”. La “Signora del Brunello”, Francesca Colombini Cinelli, condivide con la Montalcinonews il suo ricordo di Federico Fellini, uno dei più grandi registi della storia del cinema, che il 20 gennaio avrebbe compiuto 100 anni. “Passava le acque a Chianciano, mentre per il vino sceglieva il Brunello”, spiega Donna Francesca, mentre scorre davanti a sé alcuni scatti dell’epoca. Dove si nota un Fellini disteso, lontano dagli stress di Cinecittà. “Veniva qui d’estate per rilassarsi, non parlava mai di lavoro. Scherzava con le persone, si divertiva col cane, scendeva in cantina e se c’erano delle ragazzette in giro si metteva a offrire vino, a spiegare cos’era il Brunello. Curiosava in caseificio per vedere come si faceva il formaggio. Era ghiotto di pecorino secco, di zabaione e di donzelline. Apprezzava molto Montalcino, il Brunello gli piaceva tanto e avevamo cura che non mancasse mai nella sua cantina, a Roma. Giulietta Masina, oltre che una bravissima attrice, era un’ottima cuoca. Si faceva dare le ricette. Erano molto legati. Quando Fellini cominciò a star male lei era disperata, quasi si spense. Tant’è che lui disse: Giulietta non piangere, si muore tutti”.

Federico Fellini alla Fattoria dei BarbiFellini ricevette proprio alla Fattoria dei Barbi il premio Nastro d’Argento, per il film “La città delle donne”. “Si tratta in realtà di vacanze forzate - scherzò coi giornalisti - la verità è che sono disoccupato. Ho cinque sceneggiature pronte, cinque diversi soggetti di film già definiti che da mesi non riescono a trovare un finanziatore”. Siamo nell’estate del 1981, Montalcino sta conoscendo un fermento incredibile con l’inizio del Festival dell’Attore e la nascita del premio letterario e giornalistico “Barbi Colombini”, istituito da Francesca Cinelli Colombini. “Volevo un premio d’elite - ricorda - che valorizzasse il territorio e che portasse a Montalcino persone di primo piano. Giulietta Masina disse: parteciperei volentieri, se lo fate io ci sto”. Assieme a loro, nella prima commissione del premio, c’erano giornalisti e scrittori come Mario Guidotti (addetto stampa di Pertini), Leone Piccioni, John Earle (corrispondente del Times), Massimo Alberini, il norvegese Trulls Ohra, Geno Pampaloni, Ugo Ronfani, Bino Sanminiatelli e il presidente dell’Enoteca Giulietta Masina, moglie di Federico Fellini, alla Fattoria dei BarbiItaliana Luciano Mencaraglia. Ma altri personaggi illustri si aggiunsero nel tempo tra membri della giuria e premiati. Come Mario Luzi, Enzo Biagi, Mario Rigoni Stern, Sergio Zavoli, Rosetta Loy, Susanna Tamaro, Sebastiano Vassalli, Raffaele La Capria e Gianni Brera, che abituato ai vini piemontesi cominciò a bere anche il Brunello. “Una giuria apposita sceglieva il vincitore del premio più importante, quello letterario - continua Francesca Colombini Cinelli - però c’era una clausola: il premio (1,5 milioni di lire tra denaro e bottiglie di vino) doveva essere ritirato a Montalcino. Ricordo che Brera una volta chiamò Indro Montanelli, dicendogli che avevano scelto lui. Accettò, ma non sarebbe venuto. E io risposi che il premio non gli si dava”.

L’ultimo a ricevere il riconoscimento è stato Giorgio Bocca, nel 1998. “Con mio marito stavo sistemando il patrimonio per i miei figli - sottolinea - e Donatella, che curava le corrispondenze relative al premio, decise di proseguirlo cambiando tutto, a partire dal nome (Premio Casato Prime Donne, ndr) e successivamente anche la giuria, interamente al femminile”.

Federico Fellini alla Fattoria dei Barbi (a destra Francesca Colombini Cinelli)Di aneddoti, parlando con Donna Francesca, spuntano a bizzeffe. Per esempio quando regalò a Pertini una pipa realizzata da un montalcinese e un Brunello 1896, del suo anno di nascita (“era meglio se aveva qualche anno meno”, scherzò l’allora presidente della Repubblica). O quando arrivò Ugo Tognazzi all’improvviso, affamato, e con le mani acciuffò del prosciutto e se le infilò direttamente in bocca. Con Tognazzi ci ricolleghiamo al Festival dell’Attore, che portò a Montalcino personaggi come Eduardo De Filippo, Marcello Mastroianni e Giorgio Albertazzi, e ai diversi registi che scelsero questo territorio per i loro film, in primis Franco Zeffirelli. “Perché - conclude Francesca Colombini Cinelli - non fare un lavoro di recupero dei vecchi film girati qui, e proiettarli d’estate in una rassegna cinematografica?”.

Focus: i vincitori del Premio “Barbi Colombini”

1981 - Gian Antonio Cibotti
1982 - Massimo Grillandi
1983 - Alfredo Cattabiani
1984 - Romano Bilenchi
1985 - Mario Luzi
1986 - Manlio Cancogni
1987 - Mario Tobino
1988 - Carlo Laurenzi
1989 - Mario Rigoni Stern
1990 - Rosetta Loy
1991 - Raffaele La Capria
1992 - Jean D’Ormesson
1993 - Gina Lagorio
1994 - Alessandro Parronchi
1995 - Sebastiano Vassalli
1996 - Enzo Biagi
1997 - Susanna Tamaro
1998 - Giorgio Bocca

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

4 agosto 2020

Civitella Paganico, brucia il bosco: fiamme visibili da Montalcino

Un maxi incendio boschivo si è scatenato questa mattina in località Tenuta di Bagnolo, nel Comune di Civitella Paganico, a non molti chilometri di distanza da Montalcino. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo le 12 rapidamente sospinte dal vento.

4 agosto 2020

Il libro sulla storia della Chiesa della Madonna delle Nevi

Un volume dedicato alla Chiesa della Madonna delle Nevi. Lo ha realizzato Giacomo Massoni e sarà presentato domani 5 agosto a Montisi (ore 12,15, Chiesa della Madonna delle Nevi). Si tratta del decimo numero della collana “Ad Loca Mariana” edita

31 luglio 2020

Fondi Covid, nuovi infissi per la scuola media di Montalcino

Nuovi infissi con apertura a vasistas (verso l’interno) per la scuola media di Montalcino, per garantire buona illuminazione e allo stesso tempo il ricambio d’aria. Il costo, di 17.610 euro più Iva, è in gran parte coperto dai contributi statali

29 luglio 2020

Bindocci vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena

Fabrizio Bindocci, presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, è stato eletto vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena insieme a Filippo Cresti. La massima carica sarà invece ricoperta da Nicola Ciuffi, imprenditore agricolo e allevatore della valdichiana senese, che

24 luglio 2020

Potatura e abbattimento alberi a Montisi e Castelnuovo dell’Abate

Potatura di sette lecci e quattro tigli e abbattimento di un cedro secco a Montisi, abbattimento di due grossi pini e sette tigli in Via delle Scuole a Castelnuovo dell’Abate: sono le operazioni di cui se ne occuperà una ditta

24 luglio 2020

Sei Toscana: “Serve intervento statale sulla Tari per aiutare le attività”

“Aiutiamo le attività commerciali e produttive dei nostri territori che sono state chiuse forzatamente per il lockdown, il Governo impegni risorse per farsi carico di una quota parte del pagamento della Tari”: è l’appello lanciato dal presidente di Sei Toscana,

10 agosto 2020

Argiano e Calici di Stelle

Degustare i pregiati vini di Montalcino nella notte di San Lorenzo, affacciati su una delle piazze più belle del mondo. Succederà il 10 agosto a Siena, in Piazza del Campo, dove Siena Experience Italian Hub in collaborazione con Cuoconté di

8 agosto 2020

Calici di Stelle alla Fattoria dei Barbi

L’8 agosto la Fattoria dei Barbi festeggia “Calidi di Stelle” con una “Notte Bianca sotto le Stelle” all’insegna di una suggestiva cena incantata monocolore (dal dress code al menù, tutto rigorosamente bianco), candele e atmosfera, musica di sottofondo, calici di

5 agosto 2020

Montisi festeggia il patrono

Montisi celebra il patrono, la Madonna delle Nevi. Mercoledì 5 agosto il corteo storico onorerà il patrono del paese alla presenza del vescovo e, alle 12.15, appuntamento alla Chiesa della Madonna delle Nevi per la presentazione del numero 10 della