Il Brunello al centro del mercato: ultimi rumors

Cinema, architettura e vino alla Cantina di MontalcinoIl Barolo, i vini di Bolgheri e il Brunello di Montalcino. Guardando le classifiche dedicate ai fine wine, i prezzi delle bottiglie, i giudizi della critica internazionale e nazionale, ed anche la capacità di attrarre investimenti in vigneti e cantine, non è un azzardo dire che è questa, negli ultimi anni, la triade dei territori “blue chips” del vino italiano. Lo testimoniano anche i valori fondiari, arrivati a livelli di grande importanza: secondo le stime WineNews, nel Barolo si parla di oltre 1,2 milioni di euro ad ettaro, cifra che triplica nei cru più prestigiosi; a Bolgheri, in pochi anni, si è arrivati ai 500.000 euro ad ettaro; a Montalcino un ettaro a Brunello quota sui 900.000 euro a valori di mercato (diversi dalle stime del Crea, per esempio, che calcola una forbice tra i 250.000 ed i 700.000 euro ad ettaro). Ed il 2020, con ogni probabilità, vedrà proprio Montalcino al centro delle cronache, sia dal punto di vista enoico che sul fronte del “mergers & acquisitions” di aziende e cantine. Grazie ad un fascino che sembra immune ai mutamenti delle mode del mercato, e all’attenzione dei media e del mercato che calamiteranno, inevitabilmente, due grandi annate, come è già stata giudicata la 2015, che sta per arrivare sul mercato, definita come una delle migliori annate di sempre per il Brunello, e come la 2016, che, a detta di tanti, potrebbe essere ancora superiore per qualità.

Veduta aerea di MontalcinoDai rumors raccolti dal sito Winenews.it, infatti, sono tante le realtà del territorio che stanno attirando l’interesse degli investitori, con tante offerte già sul piatto, e con in gioco player di primissimo piano. Compresi grandi nomi del vino di Francia, che andrebbero dai grandi gruppi del lusso a nomi icona di territori come Bordeaux, che, anche sulla scia dell’investimento degli anni scorsi da parte della famiglia Descours (che con il Gruppo Epi ha acquisito la “culla” del Brunello, la Tenuta Greppo di Biondi Santi) avrebbero messo gli occhi sia su realtà di primo piano, anche per dimensioni, del territorio, che su piccole griffe di assoluto prestigio. Non ci sarà da stupirsi, dunque, se dal territorio arriveranno, nelle prossime settimane, tante notizie, anche clamorose, di passaggi di mano o di nuove partnership imprenditoriali nella proprietà di marchi e cantine.

Intanto, non mancano affari ufficialmente in corso, come quello che vede avvicinarsi una nuova proprietà per la Cantina di Montalcino (oggi di proprietà della Cantina Leonardo da Vinci Sca), realtà peculiare per più motivi. Non solo perchè è l’unica cooperativa vinicola presente a Montalcino (con una produzione sulle 280-300.000 bottiglie tra Rosso di Montalcino e Brunello di Montalcino), ma anche perchè, pur non avendo ettari di vigna di proprietà, è una cantina moderna sia nella forma (fa parte del circuito “Toscana Wine Architecture” , che riunisce 14 grandi cantine d’autore della Regione, e per la sua ristrutturazione, negli anni scorsi, sono stati investiti 15 milioni di euro) che, nella sostanza, tra attrezzature e strumenti per la vinificazione, e presenta un “plus” non da poco, ovvero “Montalcino” nel proprio nome sociale. Un affare che, stando ai rumors, potrebbe aggirarsi su un valore intorno ai 20 milioni di euro, e che è solo una “spia” dell’interesse fortissimo che c’è su Montalcino e sulla collina del Brunello.

“Montalcino ed il suo Brunello si confermano grandi attrattori di investimenti - commenta, a Winenews.it , uno dei massimi esperti del settore mergers & acquisitions in Italia, Lorenzo Tersi, alla guida di LT Wine & Food Advisory - ed è un dato di fatto confermato dagli addetti ai lavori che, in questo momento, in particolare ci sia un grande interesse da parte di player nazionali ed internazionali, inclusi i francesi, a mettere radici nel territorio attraverso l’acquisizione di cantine o l’ingresso nel capitale della proprietà di realtà grandi e piccole, ma sempre di grande ed assoluto prestigio mondiale”.

Tutti elementi che lasciano immaginare un 2020 davvero ricco di notizie in arrivo dalla terra del Brunello.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

2 aprile 2020

Castiglion del Bosco devolve parte del ricavato del suo Brunello 2015

In occasione della Pasqua Castiglion del Bosco, una delle più grandi e storiche tenute di Montalcino, devolverà parte del ricavato della vendita del suo Brunello di Montalcino 2015 al fondo di solidarietà istituito dalla Regione Toscana. Un gesto concreto e

2 aprile 2020

Da Villa I Cipressi un aiuto alla Protezione Civile

Anche da parte del mondo del vino continua ad esserci attenzione per quanto riguarda questo difficile momento legato all’emergenza Covid-19. L’azienda agricola Villa I Cipressi di Montalcino ha deciso di fare la propria parte decidendo di donare il 5% di

2 aprile 2020

Il Presidente Rossi: “per il turismo ci aspettiamo interventi nazionali”

“Da noi il turismo rappresenta una percentuale forte del Pil, intorno al 12%, poi c’è tutto un mondo che si muove intorno”. Così il presidente della Regione Toscana a “24 Mattino” su Radio 24 aggiungendo poi come questa situazione per

1 aprile 2020

Medico di famiglia, assistiti del dottor Mandarini assegnati al dottor Marzi

Per prevenire e contenere gli effetti del Coronavirus e tutelare la salute dei cittadini, evitando di spostarsi dalle proprie abitazioni e di rimanere senza medico, in attesa di effettuare una nuova scelta, la Società della Salute senese comunica che da

1 aprile 2020

Trasporti pubblici, la Regione invita a non buttare gli abbonamenti di marzo

Conservare l’abbonamento del mese di marzo, in attesa che vengano definite possibili misure compensative. L’indicazione della Regione Toscana è rivolta a tutti gli abbonati del trasporto pubblico regionale, sia esso su ferro, gomma o via mare. “Stiamo lavorando da tempo

31 marzo 2020

La Regione Toscana proroga il rischio incendi fino al 15 aprile

Oggi doveva scadere il divieto di abbruciamento ma la Regione Toscana ha deciso di prorogare la finestra a rischio incendi fino al prossimo 15 aprile. Fino a questa data sarà perciò vietato l’abbruciamento dei residui vegetali.

8 marzo 2020

Pranzo di pesce nel Travaglio

L’8 marzo, in occasione della Festa della donna, il Quartiere Travaglio organizza un pranzo a base di pesce (ore 12.30). Prenotazioni in bacheca entro e non oltre il 5 marzo.

8 marzo 2020

L’8 marzo nei Quartieri

Sono tanti gli appuntamenti in occasione della Festa della Donna a Montalcino promossi dai Quartieri: domenica 8 marzo, ore 13, pranzo nel Pianello (prenotazioni entro il 6 alle ore 12 presso la bacheca), mentre la sera l’appuntamento è nel Borghetto

7 marzo 2020

A cena nella Ruga coi sapori italiani

La Ruga promuove un appuntamento a tema, una cena che è un viaggio gastronomico con piatti che omaggiano le varie regioni d’Italia. Si terrà sabato 7 marzo, alle ore 20, nella sede di Vicolo del Pino. Prenotazioni entro il 6