Un omaggio per l’ultimo di Franco Biondi Santi

Il Brunello di Montalcino Riserva 2012 della Tenuta Greppo è l’ultimo vino firmato da Franco Biondi SantiRipercorrere le stanze e i corridoi della cantina della Tenuta Greppo, dove alla fine dell’Ottocento è nato il Brunello di Montalcino, crea sempre emozione. Biondi Santi è, e resta, uno dei pochi miti enoici del Belpaese. L’atmosfera è uguale a quella dei decenni passati, ma, a ben guardare, racconta il sito Winenews.it, si cominciano anche a vedere alcuni cambiamenti, portati dalla nuova proprietà, il gruppo francese EPI (Européenne dé Participations Industrielles) della famiglia Descours. Cambiamenti, tuttavia, mirati, e sempre con lo scopo di mantenere inalterata la coerenza della cifra dei vini a marchio Biondi Santi. Così accanto alle antiche vasche cubiche di cemento, cominciano a “fare capolino” tini in cemento grezzo a forma di tulipano, che convivono con i tronco conici di rovere, destinati alla fermentazione della Riserva. E poi ancora, tanti piccoli contenitori di acciaio dove si effettuano micro vinificazioni separate anche delle più piccole porzioni di vigneto, per “governare” una parcellizzazione spinta della vendemmia, conseguente al progetto di zonazione aziendale che è da poco partito. Un lavoro accurato di analisi, studio e scannerizzazione dei suoli (condotto, oltre che dallo staff interno, da una consulenza internazionale) che mette insieme agronomia, geologia e climatologia, come si conviene ad una zonazione senza compromessi, per sua essenza multidisciplinare.

Un intervento tutto all’insegna della modernità, ma decisamente in linea con la storia e la tradizione del Greppo. Anzi, proprio operato per amplificare al massimo quella storia e quella tradizione. Certo, Franco Biondi Santi conosceva i suoi vigneti come le sue tasche e non aveva bisogno di mappe o analisi del terreno. Ma oggi le decisioni tecniche sono frutto di un lavoro di team, servono informazioni il più dettagliate possibili per compiere le migliori scelte in nome della continuità. Già, perché l’attuale proprietà non ha proprio l’intenzione di stravolgere assolutamente nulla. Le cantine con la più antica tradizione, del resto, hanno “l’obbligo” di valorizzare il loro patrimonio storico, per rendersi sempre più immuni dal “morbo” dell’omologazione. Il Greppo, in questo senso, “è condannato” a valorizzarsi, e non soltanto a produrre vino. E il valore si crea dai vigneti che, per continuare a garantire espressioni originali di eccellenza assoluta, hanno bisogno di un’attenta e costante revisione delle loro potenzialità. L’amministratore delegato Giampiero Bertolini sta lavorando in questa direzione, conciliando la lunga tradizione del Greppo con un riposizionamento di mercato più consono al marchio.

Un processo che passa attraverso un piano di lungo respiro, con scelte rivolte più al prestigio del nome, che all’immediatezza del ritorno economico. Con un consolidamento anche del patrimonio vigneti: a settembre 2019, come già riportato da WineNews.it, 6 ettari di vigneto a Brunello sono stati acquisiti dalla confinante tenuta Poggio Landi (Bulgheroni Family Vineyards), sommandosi ai 26 ettari di vigna già di proprietà del Greppo, con l’obbiettivo di passare da una media di 90.000 bottiglie all’anno ad un potenziale produttivo complessivo di 110.000.

Non una rivoluzione, dunque, ma un’evoluzione, che ha come faro il mantenimento della coerenza stilistica dei vini e quindi della loro originalità. Che è stato constatato nel calice, in una degustazione in vista della prossima uscita (a primavera) del Brunello di Montalcino Riserva 2012 della Tenuta Greppo. L’ultimo vino firmato da Franco Biondi Santi, il “custode del Brunello”, a cui è stata dedicata l’etichetta (la sobria aggiunta di una strip sottile, con la semplice dizione “dedicato a Franco Biondi Santi”, coerente allo stile da lui stesso scelto quando celebrava bottiglie particolari, come quella del centenario nella Riserva 1982). Anche in questo caso l’azienda si è mossa in piena sintonia con lo stile e l’approccio della cantina, il cui legame con la famiglia Biondi Santi è rappresentato dal figlio di Franco, Jacopo, e dal nipote Tancredi.

“La natura riesce a creare cose belle, basta saper aspettare”, amava ricordare Franco Biondi Santi. E così è stato. La Riserva 2012 doveva essere in commercio già nel 2019, ma l’uscita è stata ritardata alla primavera di quest’anno, perché non era pronta. Ancora a qualche mese dal suo esordio commerciale il vino è semplicemente straordinario. Spiazzante per freschezza e complessità aromatica, personalità, coerenza stilistica e finezza gustativa. Un Sangiovese di quelli sussurrati, articolatissimo, a dir poco elegante ma deciso e con tutte le sue belle durezze, in perfetto accordo con il suo artefice.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

4 agosto 2020

Civitella Paganico, brucia il bosco: fiamme visibili da Montalcino

Un maxi incendio boschivo si è scatenato questa mattina in località Tenuta di Bagnolo, nel Comune di Civitella Paganico, a non molti chilometri di distanza da Montalcino. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo le 12 rapidamente sospinte dal vento.

4 agosto 2020

Il libro sulla storia della Chiesa della Madonna delle Nevi

Un volume dedicato alla Chiesa della Madonna delle Nevi. Lo ha realizzato Giacomo Massoni e sarà presentato domani 5 agosto a Montisi (ore 12,15, Chiesa della Madonna delle Nevi). Si tratta del decimo numero della collana “Ad Loca Mariana” edita

31 luglio 2020

Fondi Covid, nuovi infissi per la scuola media di Montalcino

Nuovi infissi con apertura a vasistas (verso l’interno) per la scuola media di Montalcino, per garantire buona illuminazione e allo stesso tempo il ricambio d’aria. Il costo, di 17.610 euro più Iva, è in gran parte coperto dai contributi statali

29 luglio 2020

Bindocci vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena

Fabrizio Bindocci, presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, è stato eletto vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena insieme a Filippo Cresti. La massima carica sarà invece ricoperta da Nicola Ciuffi, imprenditore agricolo e allevatore della valdichiana senese, che

24 luglio 2020

Potatura e abbattimento alberi a Montisi e Castelnuovo dell’Abate

Potatura di sette lecci e quattro tigli e abbattimento di un cedro secco a Montisi, abbattimento di due grossi pini e sette tigli in Via delle Scuole a Castelnuovo dell’Abate: sono le operazioni di cui se ne occuperà una ditta

24 luglio 2020

Sei Toscana: “Serve intervento statale sulla Tari per aiutare le attività”

“Aiutiamo le attività commerciali e produttive dei nostri territori che sono state chiuse forzatamente per il lockdown, il Governo impegni risorse per farsi carico di una quota parte del pagamento della Tari”: è l’appello lanciato dal presidente di Sei Toscana,

10 agosto 2020

Argiano e Calici di Stelle

Degustare i pregiati vini di Montalcino nella notte di San Lorenzo, affacciati su una delle piazze più belle del mondo. Succederà il 10 agosto a Siena, in Piazza del Campo, dove Siena Experience Italian Hub in collaborazione con Cuoconté di

8 agosto 2020

Calici di Stelle alla Fattoria dei Barbi

L’8 agosto la Fattoria dei Barbi festeggia “Calidi di Stelle” con una “Notte Bianca sotto le Stelle” all’insegna di una suggestiva cena incantata monocolore (dal dress code al menù, tutto rigorosamente bianco), candele e atmosfera, musica di sottofondo, calici di

5 agosto 2020

Montisi festeggia il patrono

Montisi celebra il patrono, la Madonna delle Nevi. Mercoledì 5 agosto il corteo storico onorerà il patrono del paese alla presenza del vescovo e, alle 12.15, appuntamento alla Chiesa della Madonna delle Nevi per la presentazione del numero 10 della