Alla scoperta del San Sebastiano

Il San Sebastiano da Montalcino in prestito al LouvreDa Montalcino al Louvre di Parigi e al Castello Sforzesco di Milano. Parliamo del San Sebastiano, la statua custodita nel nostro Museo e che presto brillerà in uno dei simboli mondiali della cultura e di Parigi. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla statua di Andrea Della Robbia. Ringraziamo la storica dell’arte Maddalena Sanfilippo per la preziosa collaborazione: il contributo storico, ricco e dettagliato, che leggerete qui sotto porta la sua firma.

“Come comunicato da Montalcinonews qualche giorno fa, una delle opere più rappresentative del nostro Museo sarà concessa in prestito dal Comune di Montalcino al Louvre di Parigi, in occasione della mostra Il corpo e l’anima. Sculture italiane da Donatello a Michelangelo, che si terrà nella capitale francese dal 6 maggio al 17 agosto 2020, per poi essere trasferita al Castello Sforzesco di Milano dal 25 settembre al 10 gennaio 2021. In molti dunque avranno la possibilità di ammirare la statua in terracotta invetriata riferita all’attività dello scultore Andrea Della Robbia, datata al primo decennio del XVI secolo e proveniente, come molte delle opere più pregevoli conservate nel nostro Museo, dalla chiesa di San Francesco, ormai sconsacrata, ma a Montalcino, tra Medio Evo e Rinascimento, una delle più ricche di opere d’arte. A conferma della qualità della scultura sta il fatto che il candido San Sebastiano di Andrea Della Robbia anche in passato è andato in prestito in occasione di mostre organizzate da importante istituzioni. Andrea Della Robbia portò avanti tra fine Quattrocento e inizio Cinquecento l’attività dello zio Luca, fondatore della bottega, che attorno al 1440 mise a punto la tecnica della terracotta invetriata con cui sono realizzate le cosiddette ‘robbiane’. Tale tecnica consente di fornire una straordinaria resistenza nel tempo alla scultura policroma, permettendo la manifattura anche di vere e proprie pale d’altare; basti pensare alla pala in terracotta invetriata esposta al Museo di Montalcino proprio di fronte al San Sebastiano e proveniente dalla Cappella Posi, anch’essa in San Francesco. La statua raffigura il Santo martire Sebastiano. Vissuto tra terzo e quarto secolo d.C., Sebastiano fu un alto ufficiale dell’esercito romano al tempo dell’Impero di Diocleziano. L’imperatore, quando si accorse che Sebastiano proteggeva i cristiani dalle persecuzioni, lo condannò a morte: il soldato fu legato a un palo sul colle Palatino, denudato e trafitto da tante frecce in ogni parte del corpo; creduto morto, i soldati abbandonarono sul posto il corpo di San Sebastiano, che invece fu trovato dopo qualche giorno da Sant’Irene e risanato; l’imperatore ordinò dunque la flagellazione a morte del santo che fu eseguita nel 304, in seguito alla quale il corpo di Sebastiano fu gettato nella Cloaca Maxima. A causa delle ferite provocate dalle frecce sul suo corpo, a partire dal Medio Evo la protezione di San Sebastiano fu invocata in occasione di pestilenze e spesso fu commissionata un’opera d’arte che raffigurasse il santo come ex voto per invocare la salvezza o per ringraziare di essersi stati salvati dalla peste.

San Sebastiano è anche il protettore degli arcieri e a Montalcino il fatto non passa del tutto inosservato visto che è intitolato proprio a lui il premio per l’arciere che raggiunge la serie completa in occasione delle gare di tiro con l’arco in cui si confrontano gli arcieri di ogni quartiere in occasione dell’Apertura delle Cacce e della Sagra. Non a caso è stata scelta proprio l’immagine della statua di Andrea Della Robbia conservata al Museo per la locandina che annuncia la consegna del premio. Nella statua conservata al Museo, il martire è raffigurato con le braccia legate dietro la schiena a un tronco di colore verde-marrone, la camicia con le maniche annodate sui fianchi; sugli esili e armoniosi pettorali si scorgono i fori dove un tempo erano applicate le frecce di bronzo. L’espressione di dolce sofferenza del giovane è descritta in maniera efficace da Antonio Sigillo.‘I limpidi lineamenti del volto del santo comunicano un’esaltazione celestiale più che la sofferenza del corpo martoriato: ed anche i capelli con lunghi riccioli ondulati, che ricadono dolcemente sulle spalle, presentano tracce di doratura ‘a freddo’’ (A.Sigillo, in G. Gentilini (a cura di), I Della Robbia e l’arte nuova della scultura invetriata, Firenze, Giunti).

Per la raffinatezza esecutiva, la dolce espressività del volto, l’armonia e la grazia delle proporzioni del corpo enfatizzate dal candore latteo della terracotta invetriata, il San Sebastiano di Andrea Della Robbia è di sicuro un valido testimone del patrimonio artistico della nostra città, degno di essere esposto al Museo del Louvre di Parigi come ambasciatore di Montalcino”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

17 febbraio 2020

Calcio, sconfitte dolorose per Montalcino e Torrenieri

Finite le ambizioni di alta classifica o di playoff, adesso l’obiettivo rimasto è uno solo ma assolutamente da non fallire: la salvezza. Clamorosa sconfitta ieri per il Montalcino che in vantaggio di due reti alla fine del primo tempo esce

17 febbraio 2020

Montalcino, due interventi di manutenzione di Acquedotto del Fiora

Due interventi di manutenzione programmata sulla rete idrica di Montalcino. Si inizia mercoledì 19 febbraio dalle ore 8.30 alle ore 16.30, quando i tecnici di Acquedotto del Fiora saranno al lavoro a Sant’Angelo Scalo, determinando la temporanea sospensione del flusso

14 febbraio 2020

L’Osteria Perillà rende omaggio a Benvenuto Brunello

Per Benvenuto Brunello, che si svolgerà a Montalcino dal 20 al 24 febbraio, l’Osteria Perillà di Rocca d’Orcia, il primo ristorante stellato nelle vicinanze di Montalcino, interrompe il suo periodo di chiusura per rendere omaggio al grande rosso di Toscana.

14 febbraio 2020

Calcio, match delicati per Montalcino e Torrenieri

Sul campo di Uopini, il Montalcino (domenica 16 febbraio, ore 15) affronta la quarta forza del campionato, il San Donato, che al momento vanta il secondo attacco del torneo. Match non semplice ma per allontanare lo “spauracchio” della zona playout

14 febbraio 2020

Brunello Crossing al via con 18 nazionalità rappresentate

Ci siamo, questo weekend ormai in arrivo è quello della quarta edizione della Brunello Crossing. Un evento che richiama a Montalcino oltre 1.500 runners e amanti delle passeggiate, una vetrina anche per il territorio e i suoi prodotti enogastronomici oltre

12 febbraio 2020

Trekking a Montalcino in occasione di Benvenuto Brunello

In occasione di Benvenuto Brunello “In Rainbows Treks” e la guida turistica Edoardo Bidini organizzano un trekking di 7 chilometri a Montalcino, con partenza dal centro storico (ore 9.30), breve visita della città e camminata tra i filari dei vigneti,

23 febbraio 2020

“L’Inedito”: teatro a Torrenieri

Domenica 23 febbraio, alle ore 17.30, il Nuovo Teatro della Val d’Orcia di Torrenieri ospita la lezione-spettacolo di improvvisazione teatrale “L’Inedito“ della compagnia “Quinta di Copertina”, una produzione Cooperativa Mestieri del Palco, consulenza registica a cura di Stefano de Luca.

22 febbraio 2020 16:00

Il carnevale nella Ruga

La Ruga organizza il carnevale per i bambini sabato 22 febbraio alle ore 16 con gli appuntamenti che proseguiranno anche martedì 25 febbraio in Piazza del Popolo con il tradizionale “si brucia costolone”. Mercoledì 26 febbraio, infine, la merenda di

22 febbraio 2020

Francigena in Maschera

Il 22 febbraio torna per il quarto anno consecutivo “Francigena in Maschera”, la festa carnevalesca che ogni anno riunisce a Torrenieri un numero sempre crescente di bambini, ma che diverte anche i più grandi. Piace il “Neno” che ricorda le