Un viaggio tra le annate al top del Brunello

Viti di Sangiovese a MontalcinoC’è già chi l’ha ribatezzata “l’annata del secolo” con tanti wine-lovers pronti a scoprirla ed apprezzarla. Il Brunello di Montalcino 2015 ha iniziato da mesi a far parlare di sé e negli Stati Uniti i primi giudizi della critica sono stati importanti. Un’annata da “rock-star” che sta facendo “lievitare” l’attesa per Benvenuto Brunello 2020 (21-24 febbraio), evento che attirerà le luci dei riflettori del mondo del vino internazionale. L’annata 2015 fu valutata con il massimo del ranking, 5 stelle, e quindi classificata come “eccezionale”. La valutazione viene effettuata nel mese di gennaio di ogni anno, sottoponendo ad analisi chimico-fisiche ed organolettiche dei campioni di vino prodotti durante l’ultima vendemmia. La Commissione di Degustazione che effettua le analisi organolettiche è composta da 20 tecnici operanti a Montalcino e che hanno una pluriennale esperienza delle produzioni del territorio. L’attribuzione delle stelle, dal 1945 ad oggi, ha visto il Brunello conquistarne 5 per ben 18 volte in questi anni: 1945, 1955, 1961, 1964, 1970, 1975, 1985, 1988, 1990, 1995, 1997, 2004, 2006, 2007, 2010, 2012, 2015, 2016. Numeri che certificano una produzione all’insegna della qualità con molte annate che sono custodite gelosamente in cantina da tanti appassionati.

Il vicepresidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, Stefano Cinelli Colombini, riapre il cassetto dei ricordi raccontando alcune annate indimenticabili. “A quanto mi hanno detto quella del ‘45 fu scarsa ma all’insegna della qualità mentre la vendemmia del 1955 è riuscita ad unire quantità a una qualità alta e che si vede raramente. Quella del 1961 fu un’annata favolosa ma io ero molto piccolo anche se devo dire che quel Brunello l’ho continuato a bere per anni. La prima che ricordo è quella del ‘64, fu eccezionale. La vendemmia del 1975, a cui partecipai, fu molto lunga e caratterizzata da uve sanissime, direi che è molto simile all’annata 2019. Ha fatto la storia del Brunello perché Montalcino si affermò definitivamente negli States. Il Brunello esplose, piacque a tutti e la denominazione si avvicinò alle 2.000.000 bottiglie prodotte”. E si arriva agli anni ‘80, un decennio importante e carico di novità. “Le vendemmie degli anni ‘80 furono calde e siccitose, quelle del 2003 e del 2017 sono state simili. Tante annate sono state sottovalutate, quelle del 1980, 1981 e 1982 erano ottime. In quel periodo tanti produttori nuovi stavano arrivando e forse mancava l’esperienza necessaria, ma quel rinnovamento è stato fondamentale per il futuro: in quegli anni si sono gettate basi importanti”. E si arriva al grande boom dei ‘90. “Un periodo di grandi investimenti – ricorda Cinelli Colombini – nuove botti, l’esperienza accumulata negli anni ha dato i suoi frutti. Abbiamo forse avuto il timore di dire che sfornavamo grandi annate una dietro l’altra perché quando il prodotto è buono non bisogna nascondersi. La ‘95 e la ‘97 presero le cinque stelle ma la ‘96 non fu capita anche se era allo stesso livello. La ‘98 forse fu la migliore ma anche quella ha avuto bisogno di anni per essere compresa come spesso avviene per un grande vino come il Brunello”. Con l’allargamento dei vigneti il nuovo secolo ha portato delle annate “sicuramente interessanti - continua Cinelli Colombini - ma meno classiche anche perché le uve provenivano da vigne diverse e nuove. Adesso siamo a un nuovo ‘balzo’ in avanti perché c’è la possibilità di scegliere solo il meglio. La nostra storia è fatta di miglioramenti e la 2015 è un’annata classica, ottima: una prima scelta”.

Il collezionismo riserva sempre un posto d’onore per il Brunello di Montalcino: bottiglie pregiate, di annate storiche, possono arrivare anche a sei cifre. E la storia continua…

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

2 aprile 2020

Castiglion del Bosco devolve parte del ricavato del suo Brunello 2015

In occasione della Pasqua Castiglion del Bosco, una delle più grandi e storiche tenute di Montalcino, devolverà parte del ricavato della vendita del suo Brunello di Montalcino 2015 al fondo di solidarietà istituito dalla Regione Toscana. Un gesto concreto e

2 aprile 2020

Da Villa I Cipressi un aiuto alla Protezione Civile

Anche da parte del mondo del vino continua ad esserci attenzione per quanto riguarda questo difficile momento legato all’emergenza Covid-19. L’azienda agricola Villa I Cipressi di Montalcino ha deciso di fare la propria parte decidendo di donare il 5% di

2 aprile 2020

Il Presidente Rossi: “per il turismo ci aspettiamo interventi nazionali”

“Da noi il turismo rappresenta una percentuale forte del Pil, intorno al 12%, poi c’è tutto un mondo che si muove intorno”. Così il presidente della Regione Toscana a “24 Mattino” su Radio 24 aggiungendo poi come questa situazione per

1 aprile 2020

Medico di famiglia, assistiti del dottor Mandarini assegnati al dottor Marzi

Per prevenire e contenere gli effetti del Coronavirus e tutelare la salute dei cittadini, evitando di spostarsi dalle proprie abitazioni e di rimanere senza medico, in attesa di effettuare una nuova scelta, la Società della Salute senese comunica che da

1 aprile 2020

Trasporti pubblici, la Regione invita a non buttare gli abbonamenti di marzo

Conservare l’abbonamento del mese di marzo, in attesa che vengano definite possibili misure compensative. L’indicazione della Regione Toscana è rivolta a tutti gli abbonati del trasporto pubblico regionale, sia esso su ferro, gomma o via mare. “Stiamo lavorando da tempo

31 marzo 2020

La Regione Toscana proroga il rischio incendi fino al 15 aprile

Oggi doveva scadere il divieto di abbruciamento ma la Regione Toscana ha deciso di prorogare la finestra a rischio incendi fino al prossimo 15 aprile. Fino a questa data sarà perciò vietato l’abbruciamento dei residui vegetali.

8 marzo 2020

Pranzo di pesce nel Travaglio

L’8 marzo, in occasione della Festa della donna, il Quartiere Travaglio organizza un pranzo a base di pesce (ore 12.30). Prenotazioni in bacheca entro e non oltre il 5 marzo.

8 marzo 2020

L’8 marzo nei Quartieri

Sono tanti gli appuntamenti in occasione della Festa della Donna a Montalcino promossi dai Quartieri: domenica 8 marzo, ore 13, pranzo nel Pianello (prenotazioni entro il 6 alle ore 12 presso la bacheca), mentre la sera l’appuntamento è nel Borghetto

7 marzo 2020

A cena nella Ruga coi sapori italiani

La Ruga promuove un appuntamento a tema, una cena che è un viaggio gastronomico con piatti che omaggiano le varie regioni d’Italia. Si terrà sabato 7 marzo, alle ore 20, nella sede di Vicolo del Pino. Prenotazioni entro il 6