Don Antonio: preghiamo la settimana di Pasqua

Le indicazioni di don Antonio, parroco di Montalcino, sul come passare la Pasqua 2020 a casa“Questo periodo, visto che non possiamo andare in chiesa, è l’occasione per riscoprire la preghiera in famiglia, per stringerci intorno agli altri. Che le case diventino piccole chiese, ma che restino piccole chiese anche dopo, e non solo questa settimana”. Il parroco di Montalcino don Antonio Bartalucci si rivolge direttamente ai suoi fedeli, attraverso un video girato da Francesco Belviso e pubblicato dalla Montalcinonews (lo trovate in fondo al testo), e propone alcuni suggerimenti per vivere la Pasqua nelle proprie case, al tempo del Coronavirus. Sette giorni che vanno dalla Domenica delle Palme (5 aprile) alla Pasqua (12 aprile). Un periodo, dice don Antonio, da vivere con tutti i segni della festa secondo le nostre consuetudini. E quindi tovaglie, vino buono, dolce, candele colorate…

“Si chiuda ogni giornata con una preghiera alla Madonna: Ave Maria, Salve Regina e Eterno riposo per coloro che non ce l’hanno fatta in questo giorno - dice don Antonio - qualcuno mi faceva notare che sarebbe interessante se ci fosse un segno, sul modello delle candele dell’Avvento, da costruire giorno dopo giorno fino alla domenica di Pasqua, in modo da trovare qualcosa di compiuto che divenga segno/simbolo della Pasqua stessa. Per esempio: in un vassoio l’olivo delle Palme, uno spago annodato per la riconciliazione, un po’ di pane azzimo e un po’ d’acqua della lavanda, la croce con in mezzo la candela accesa, luce di Cristo risorto”.

5 aprile - Domenica delle Palme

Un giorno di gioia perchè comincia la Grande Settimana. Un rametto di ulivo è facile da recuperare e sarà benedetto prima del pranzo, con la preghiera (che trovate qui) oppure quando alla messa in televisione vedremo e accompagneremo con fede il gesto di benedizione fatto dal Celebrante. Verrà poi collocato in un luogo di riguardo. La messa sarà celebrata alle ore 10 a Siena dall’arcivescovo Lojudice in diretta su Canale 3 (Canale 95) e a Torrenieri in diretta sulla pagina Facebook della Misericordia di Torrenieri, alle ore 11 dal papa in diretta su Rai 1 e alle ore 11.15 a Montalcino in diretta sulla pagina Fb della Parrocchia di Sant’Egidio.

7 aprile - Martedì Santo

Momento penitenziale. Si consegni un foglio con l’esame di coscienza (lo trovate nei testi del giorno) per dare uno sguardo al cammino cristiano della nostra vita familiare. Per prima cosa si proceda con la narrazione delle benedizioni con le quali Dio ci ha visitato in questo anno: ricorrenze, gioie, problemi risolti, amicizia rinnovate, fedeltà riscoperte, sofferenze sopportate, le gioie nei figli, e così via…
Poi si chieda perdono al Signore per i peccati, le mancanze, le indelicatezze, le parole brusche o cattive, per la nostra scarsa fede, per la povertà di carità e speranza…
Ci si chieda perdono, reciprocamente, nella casa, e con un atto di dolore perfetto (“mi dispiace Signore perchè così ho smarrito e confuso il progetto di amore che avevi su di me”) riceviamo il perdono dei nostri peccati.

La Chiesa ci dice:

“Si ricorda che in caso di estrema necessità l’atto di dolore perfetto, accompagnato dall’intenzione di ricevere il sacramento della Penitenza, da se stesso comporta immediatamente la riconciliazione con Dio. Se si verifica l’impossibilità di accostarsi al sacramento della Penitenza, ovvero, anche il solo desiderio di ricevere a suo tempo l’assoluzione sacramentale, accompagnata da una preghiera di pentimento (il Confesso a Dio onnipotente, l’Atto di dolore, l’invocazione Agnello di Dio che togli i peccati del mondo abbi pietà di me) comporta il perdono dei peccati, anche gravi, commessi”.
(cfr. Concilio di Trento, Sess. XIV, Doctrina de Sacramento Paenitentiae, 4 [DH 1677]; Congregazione per la Dottrina delle Fede, Nota del 25 novembre 1989; Catechismo della Chiesa Cattolica, nn. 1451-1452).

9 aprile - Giovedì Santo

Nel pomeriggio o la sera prima della cena ci si riunisca e dopo aver letto Il Vangelo di San Giovanni (Cap 13) sulla lavanda dei piedi, si suggerisce di compiere nella casa il Rito della Lavanda dei piedi: la moglie lavi religiosamente i piedi al marito e ai figli, il marito alla moglie e ai figli, e i figli ai genitori. Lo si faccia (se si riesce a superare il naturale pudore) in modo religioso: un piede solo, un po’ d’acqua e un bacio. Una vera liturgia familiare che può̀ aiutare a comprendere e a celebrare il senso del nostro essere una coppia e una famiglia nel Signore: il servizio reciproco è segno di grande amore.

A questo gesto segua una cena che possa ricordare la Cena di Gesù̀: se è possibile si raccolgano gli alimenti della Cena Pasquale e dell’Ultima Cena (agnello arrosto, uova lesse, erba amara, pane azimo, buon vino); il capofamiglia legga il racconto di Esodo 12 (lo trovate nei testi) e della notte della liberazione dalla schiavitù d’Egitto, e si presti particolare attenzione al pane azzimo, che verrà quindi benedetto e spezzato dal padre (o dal più̀ anziano della famiglia) e distribuito. Si predisponga tutto con solenne sobrietà: una tovaglia particolarmente bella, una sedia lasciata vuota: è un segno che può̀ essere particolarmente evocativo (ognuno gli darà un significato tutto suo a questo spazio vuoto, ciascuno di noi manca qualcuno alla propria mensa), soprattutto per chi vive solo.

Gli elementi del pasto sacro assunsero allora un significato particolare: l’agnello con il suo sangue divenne segno di liberazione e di riscatto, le sue carni divennero nutrimento e sostegno per il viaggio verso la libertà. Il pane azzimo fu simbolo della fretta della partenza, che non consentì di far fermentare la pasta, ma divenne anche il segno dell’afflizione e della povertà sofferta nella schiavitù. Le erbe amare, cioè la cicoria, vennero ad indicare l’amarezza dell’esilio e della schiavitù. Nella cena ebraica c’era sempre la porta aperta e un posto apparecchiato vuoto. Aspettavano il Messia. Forse per noi c’è un parente o un amico assente, per la morte o per la distanza. I bambini nel corso della giornata preparino il pane azzimo (impasto di acqua e farina, che va poi messo in forno per la cottura: una schiacciatina).

La messa del Giovedì Santo sarà celebrata alle ore 17 a Siena dall’arcivescovo Lojudice in diretta su Canale 3 (Canale 95) e alle ore 18 a Roma dal papa in diretta su Rai 1.

Qui il documento fornito da don Antonio.

10 aprile - Venerdì Santo

Nel pomeriggio verso le 15, davanti ad una croce (se non la si possiede, è possibile costruirla con 2 pezzi di legno che abbiamo in casa; possiamo anche disegnarla o costruirla con i bambini), si faccia la Celebrazione della morte del Signore. La famiglia si raduni davanti ad una croce disponibile tra le mura domestiche, che sarà posta rigorosamente al centro della casa, adeguatamente illuminata con una candela, e dopo la lettura del racconto della morte di Gesù la si baci in silenzio e devotamente. Il bacio può essere dato alla croce passandola di mano in mano.

Alla sera, dalle 20 e 30 in poi, prima a Montalcino (Chiesa dei Bianchi, Via Moglio, Via Donnoli, Via Saloni, Via Matteotti, Via Mazzini, ritorno a Piazza Padella, S. Egidio, Via Boldrini, Via Cialdini, Via Lapini, Chiesa dei Bianchi) e poi alle ore 21.30 a Torrenieri (Piazza Stazione, Via Piave, Via Romana, San Rocco, Via Pascoli, Via Romana, Traversa di Via del Castellare, Via Togliatti, Via Battisti, Piazza del Mercato, Via Romana, Chiesa di S. Maria Maddalena, Via Bindo Crocchi), il sacerdote passerà per le strade portando la croce e pregando in silenzio. Si prega di illuminare le finestre e, per chi vuole, di accompagnare la “processione” pregando. È consigliabile fare un digiuno penitenziale (consumare solo un pasto e poi sostenersi con piccole cose come frutta, verdura, ecc.).

Orari del Venerdì Santo: ore 17 arcivescovo Lojudice (Canale 3), ore 18 papa (Rai 1).

11 aprile - Sabato Santo e Veglia Pasquale

Il Sabato Santo è il giorno di Gesù nel sepolcro e la “terra tace”: si copra la croce con un velo e si tenga la candela spenta. Si cerchi di fare un digiuno di parole (si tengano i cellulari spenti per alcune ore almeno), dando valore al silenzio all’interno delle mura domestiche perchè è un giorno consacrato al silenzio. Può essere questo il giorno in cui si prepara tutto quello che poi nel giorno successivo servirà per rendere più festosa la Pasqua (si decorano delle uova, i bambini disegnano la Pasqua a loro modo, si preparano dei fiori…).

Per la veglia Pasquale è necessario preparare la candela e un recipiente con l’acqua. Ad una certa ora della notte (è una Veglia e le campane suoneranno verso le 21) si leggano i testi della Veglia Pasquale oppure solo il racconto della Resurrezione. Si legga il passo Romani 6 e si rinnovino le Promesse battesimali.

Orari Veglia Pasquale: ore 19.45 arcivescovo Lojudice (Canale 3), ore 21 papa (Rai 1).

12 aprile - Domenica di Pasqua

Verrà comunicata una preghiera di benedizione sull’uovo e per il Pasto con il saluto del parroco.

Si predisponga del materiale per la celebrazione in famiglia: S. Messa (la trovate nei testi) dell’arcivescovo Lojudice (ore 10, Canale 3), del papa (ore 11, Rai 1), a Torrenieri (ore 10.15, pagina Fb della Misericordia di Torrenieri) o da Sant’Egidio (ore 11.15, pagina Fb della Parrocchia di Sant’Egidio). Augurio di don Antonio, scambio di auguri, pranzo condiviso; si faccia almeno una telefonata a chi si sa essere solo, una parola di speranza e di conforto a chi si sa essere ammalato.

Preghiera

Signore buono e misericordioso, Tu vedi e conosci la nostra situazione e sai quanti disagi – insieme a scoperte e conquiste – soffre il Tuo popolo. Una cosa miracolosa è successa, perché abbiamo scoperto Te e la Tua presenza nella nostra storia, che è la Tua storia; nella nostra vita perché è la Tua vita, nel nostro popolo perché́ è il Tuo popolo: Tu sei con noi e con noi cammini.

Sei nella nostra stessa barca e per questo non abbiamo timore, perché́ non ci stai giudicando, ma teneramente ti fai nostro compagno di viaggio.
Abbiamo scoperto, per mancanza, quanto la vita fraterna è fondamentale per la nostra vita; abbiamo tutti bisogno di essere accolti e riconosciuti e stimati attraverso gesti fraterni autentici che confermino la nostra dignità.

Per coloro che hanno il dono della fede c’è uno sguardo sereno sulla vita, qualunque cosa accada. Non è andato tutto bene, per molti non è andata bene, ma speriamo con fiducia che la vita che è amore, prenderà̀ di nuovo il suo posto e potremo ancora vivere come una comunità̀.

L’importante è che ci venga la fame di relazioni belle e buone, relazioni umanizzanti e fraterne per cammini condivisi di giustizia e di pace. Nella fragilità e nella vulnerabilità̀ che stiamo sperimentando ci sentiamo fratelli perché́ questa è la verità della nostra umanità̀ che spesso tentiamo di nascondere.

Con questo l’augurio di una Santa Pasqua… un abbraccio, un bacio, una carezza per ciascuno.

Guarda il video:

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

25 maggio 2020

Il consiglio comunale in videoconferenza: come seguirlo

Giovedì 28 maggio, alle ore 18, si terrà il consiglio comunale di Montalcino. La seduta sarà in videoconferenza e i temi affrontati di grande importanza. Per i cittadini sarà possibile seguirlo da remoto collegandosi dal proprio dispositivo (pc, tablet, smartphone…)

25 maggio 2020

Montalcino e Torrenieri, campionato ufficialmente finito

Cinque giorni fa è arrivata l’ufficialità: stop definitivo al calcio dilettantistico. Si chiude qui di conseguenza la stagione sportiva 2019/2020 del Montalcino e del Torrenieri, in attesa di sapere i criteri che definiranno promozioni e retrocessioni. La Lnd ha formulato

22 maggio 2020

Caccia, la stagione si riaprirà il 20 settembre

Su proposta dell’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi, la Giunta regionale ha approvato nella sua ultima seduta il calendario venatorio, con le regole che riguardano la stagione di caccia 2020-21. Sarà possibile cacciare dal 20 settembre 2020 fino al 31 gennaio 2021, ma

20 maggio 2020

Un gruppo di esperti per la Bottega Solidale di Torrenieri

La Bottega Solidale di Torrenieri, dalla sua inaugurazione lo scorso 14 aprile, sta fondendo un preziosissimo aiuto ai più bisognosi grazie agli enti coinvolti, dalla Misericordia di Torrenieri all’Arcidiocesi di Siena, Colle di Val d’Elsa e Montalcino, fino alle parrocchie

20 maggio 2020

Domani riapre il centro raccolta rifiuti in località Osticcio

Domani riapre il centro raccolta di rifiuti urbani ed assimilati differenziati in località Pineta-Osticcio a Montalcino, chiuso a seguito di un’ordinanza regionale del 6 aprile scorso. I giorni e gli orari di apertura saranno gli stessi previsti prima dell’emergenza Covid-19,

19 maggio 2020

Comunicazione, verso l’incarico a Cristiano Pellegrini

Servzio di comunicazione istituzionale del Comune di Montalcino, approvata la graduatoria che ha visto una unica candidatura. È quella di Cristiano Pellegrini, giornalista nato a Roma ma originario di Castiglione d’Orcia. È socio di primamedia sas, società che si occupa

17 maggio 2020

Festa del Treno

L’edizione n. 11 di “Prossima stazione… Torrenieri” si farà, anche se virtuale. Il 17 maggio verrà pubblicato sul sito e sulla pagina Facebook della Proloco di Torrenieri un filmato con i momenti salienti delle edizioni passate e alle ore 11.30

16 maggio 2020

Conversazioni su Montalcino e Brunello

Ovviamente ancora è presto per tornare ad assistere ad eventi e presentazioni. Ma il web ci aiuta ad essere informati e ad assistere, a distanza, a qualche bella iniziativa. In attesa che tutto torni alla normalità. Sabato 16 maggio alle

8 maggio 2020

La festa dell’8 maggio

Non ci sarà la musica, la partecipazione e il clima di festa di sempre, perché l’emergenza sanitaria non lo permette, ma i cittadini di Montalcino potranno celebrare comunque il giorno a loro più caro, la Festa della Madonna del Soccorso. Domani