Castello Banfi, progetto contro il “climate change”

Castello BanfiConosciamo bene il “climate change” e lo abbiamo notato con l’innalzamento delle temperature che sta andando verso una “direzione tropicale” anche in Italia. Il settore del vino è chiamato ad intervenire con responsabilità, adattamento, studio ma anche lungimiranza per non farsi trovare impreparato. Una risposta sta arrivando dalla Castello Banfi, realtà leader del Brunello di Montalcino e storicamente sensibile alle innovazioni. Per vincere la battaglia del cambiamento climatico, l’azienda ha deciso di rilanciare il suo impegno nella sperimentazione di nuovi vitigni con l’obiettivo di raggiungere la “sopravvivenza naturale” della pianta. Le ultime ricerche affidano a 25 varietà di vitigni le speranze di contrastare il “climate change” che anche in Toscana ha portato negli ultimi anni a piogge più abbondanti e caldo intenso.
Una sfida che è già iniziata e che si ricollega alla storia aziendale dove la ricerca ha sempre avuto un ruolo di primo piano. Come negli anni Ottanta quando la Castello Banfi con il professor Attilio Scienza e l’enologo Rudy Buratti, in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano, effettuò un esperimento su 650 cloni di Sangiovese, che diede una spinta ad una conoscenza più approfondita del vitigno da parte del mondo del vino, approfondita dal 2017 con il lavoro della “Sanguis Jovis - Alta Scuola del Sangiovese”. Il sperimentale sulle nuove varietà è partito nel 2016, in due vigneti a Montalcino di un ettaro e mezzo ciascuno, uno lo specchio dell’altro, ma ad altitudini differenti: il primo in pianura il secondo in collina. Una scelta che punta ad analizzare i risultati in due contesti diversi.
“Gli obiettivi - ha spiegato a WineNews Gianni Savelli, responsabile agronomico di Castello Banfi - sono trovare varietà resistenti, salvaguardare l’ambiente ma anche gli operai in vigna, grazie ad un minor numero di trattamenti. Di tutto ciò ne trarrà beneficio il consumatore finale. La nostra ricerca è focalizzata sulle varietà resistenti alle principali malattie. Dalla Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige , con cui collaboriamo da anni, abbiamo preso dieci varietà, due iscritte al registro nazionale (Iasma Eco 1 e Iasma Eco 2, ndr) e otto in esclusiva che per la prima volta sono state inserite a pieno campo. Scelte che vogliono costruire una barriera efficace contro la Botritis, grazie agli acini a buccia spessa, ma che guardano anche alla ricerca di nuovi mercati. Ma non ci siamo fermati qui perché contro il cambiamento climatico siamo andati a cercare nuove varietà che non sono ancora autorizzate in Toscana: ne sperimentiamo 25, di cui 17 a bacca nera (tra cui la georgiana Saperavi, che sembra dare risposte interessanti, ndr) e 8 a bacca bianca. Lavoriamo per innovare”.
Un altro requisito su cui Castello Banfi si sta concentrando sono “i portainnesti, la cui ricerca si è fermata al Novecento. Ne abbiamo messi quattro - continua Savelli - vogliamo progredire anche su questo aspetto. Quando arriveremo ai primi risultati? La vendemmia 2020 coinciderà con il primo anno di raccolta, passati tre anni obbligatori con i controlli e le verifiche di rito faremo le nostre valutazioni e decideremo se è il caso di richiedere l’iscrizione all’albo nazionale o regionale”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

21 settembre 2020

Regionali, a Montalcino affluenza del 61,04%. Referendum, vince il sì

È di 61,04% il dato d’affluenza per le elezioni regionali a Montalcino (2.260 votanti) alla chiusura delle urne (oggi alle ore 15). Un numero inferiore sia alla media provinciale (64,84%) che regionale (62,68%) ma comunque ben maggiore rispetto a cinque

18 settembre 2020

Resort di lusso ad Ampella, il 22 settembre si presenta il piano

280 posti letto, bar, ristoranti, piscine, saune, bagni turchi e area fitness: quella che un tempo forniva il materiale per la fabbricazione di laterizi alla vicina fornace, la cava di Ampella a San Giovanni d’Asso, si trasformerà nel giro di

18 settembre 2020

Pallavolo, aspettando la palestra la Libertas si allena a Sant’Antonio

Mentre il tennis a Montalcino dovrebbe entrare a pieno regime a fine mese, dopo la ripresa di corsi e lezioni private del maestro Oliver Schuett, per la pallavolo il discorso è più complicato. “Non ci sono problemi in fatto di

18 settembre 2020

Siena, dal 21 settembre parziale ripristino area della Stazione per i bus

Notizia per i pendolari che si spostano da Montalcino a Siena per studio o lavoro in bus. A Siena da lunedì 21 settembre in piazza Rosselli (piazza della Stazione) saranno ripristinate temporaneamente le fermate dei bus urbani ed extraurbani, pur

17 settembre 2020

Tre produttori di Brunello nella Top100 di “Wine & Spirits”

Marchesi Antinori, Gaja e Le Ragnaie sono i tre produttori di Brunello di Montalcino selezionati per la prima “Top 100” del 2020, quella del magazine Usa “Wine & Spirits”. Cantine che saranno protagoniste di degustazioni virtuali, in collegamento mondiale dal

16 settembre 2020

In fase di approvazione i piani attuativi di due aziende di Brunello

Il Comune di Montalcino ha in corso l’adozione di due piani attuativi connessi a due programmi aziendali agricoli presentati da Castiglion del Bosco e Casanova di Neri. L’approvazione dei piani attuativi, e di conseguenza dei piani aziendali, consentirà alle due

18 ottobre 2020

“Inchiostro 2020”: Poggio Civitella

Domenica 18 ottobre (ore 16) quarto e ultimo appuntamento del ciclo di conferenze “Inchiostro 2020”. Sarà la volta del professor Luigi Donati dell’Università di Firenze, che ha diretto la campagna di scavo di Poggio Civitella, il sito etrusco più rilevante della

10 ottobre 2020

“Inchiostro 2020”, terzo incontro

Sabato 10 ottobre, nel chiostro di Sant’Agostino, sede del Museo Civico e Diocesano di Montalcino, la terza conferenza di “Inchiostro 2020” è dedicata al tema della Repubblica di Siena in Montalcino, gloria della storia della cittadina, ultimo baluardo della libertà

29 settembre 2020

Piani attuativi, incontro pubblico

Il Comune di Montalcino ha in corso l’adozione di due piani attuativi connessi a due programmi aziendali agricoli presentati da Castiglion del Bosco e Casanova di Neri. L’approvazione dei piani attuativi, e di conseguenza dei piani aziendali, consentirà alle due