Valdorcia, passo avanti per la ferro-ciclovia

Treno Natura Ferro-ciclovia della Val d’Orcia, avviato il Progetto di Paesaggio. I tempi saranno lunghi, tutto girerà intorno all’arrivo dei finanziamenti, ma intanto un primo importante passo è stato fatto e Montalcino è capofila del progetto. La Ferro-ciclovia della Val d’Orcia interessa i Comuni di Asciano, Castiglione d’Orcia, Civitella Paganico, Montalcino (comune capofila), Roccastrada, Siena, Sinalunga e Trequanda. Lo scopo è quello di valorizzare e coniugare gli aspetti paesaggistici, storico-culturali, turistici, ambientali ed economici dei territori dei comuni coinvolti, guardando al più vasto ambito d’influenza rappresentato dall’insieme della rete delle ciclovie e dei percorsi regionali e nazionali cui connettersi e ai territori da queste collegati. Slow mobility, è questo il concetto che sta alla base del progetto pensato per la fruizione del paesaggio. La linea ferroviaria Asciano-Monte Antico è individuata come l’ossatura portante di un percorso più ampio e diramato sul territorio, costituito dall’insieme delle piste ciclabili interconnesse e da interconnettere con la linea ferrata. Obiettivo principale del progetto è l’individuazione di un sistema integrato di trasporto di tipo ferroviario e ciclabile che interconnetta e valorizzi le emergenze paesaggistiche e storico-culturali dei territori attraversati dalla linea ferroviaria Asciano-Monte Antico, perseguendo la conciliazione fra la conservazione dell’ambiente e lo sviluppo socioeconomico del territorio e coinvolgendo nei processi della fruizione cicloturistica le comunità e le associazioni locali. “Il progetto è soltanto ai nastri di partenza ma è un progetto enorme perché abbraccia 51 km di linea”. E che coinvolgerà gli amanti del treno natura così come quelli della bicicletta. “I Progetti di Paesaggio, una volta approvati - commenta l’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli - saranno uno strumento per attrarre risorse sul territorio sulle diverse politiche, perché il riconoscimento nel Piano paesaggistico regionale del paesaggio toscano come modello unico e di pregio da salvaguardare e valorizzare trova coerenza anche nella prossima programmazione comunitaria, che prevederà forme di sostegno e/o premialità a favore degli interventi inerenti il recupero e la valorizzazione degli aspetti paesaggistici, storico-culturali, rurali ed ambientali previsti proprio nei Progetti di Paesaggio”.

2 pensieri su “Valdorcia, passo avanti per la ferro-ciclovia

  1. Buongiorno, ho visto la notizia, per favore dove si puo’ trovare la bozza del progetto/programma. Credo che la parte ferrata andrebbe comunque tolta (anche se ci sono dei vincoli, se c’è la volontà tutto è possibile) Fare come da altre parti vedi TRENTINO, UMBRIA con la ciclovia che parte da Foligno ed arriva all’adriatico. Noi potremmo arrivare al Tirreno, da monte antico non siamo molto distanti, oppure raggiungere i nostri invidiati borghi (San Giovanni, Lucignano, San Quirico, Torrenieri, Castiglioni, Castelnuovo ecc). Percorsi liberi dai veicoli a motore, che MERAVIGLIA sarebbe.

  2. Le ferrovie dismesse riattivate come musei diffusi per scoprire l’Italia

    Il 6 ottobre 2014, in un convegno tenutosi presso la sede romana della FS Italia, organizzato
    dalla Fondazione Fs e dal Comitato Ingegneri Ferroviari Italiani, fu annunciato che la tratta Asciano-Monte Antico era fra le quattro ferrovie dismesse che la FS Italia intendeva riaprire (le altre sono quella della Valle dei Templi ad Agrigento, l’altra del Lago d’Iseo, e, infine, quella di Sulmona-Castel di Sangro) non solo per scopi turistici, ma anche per consentire una mobilità sostenibile.
    Fu certamente un’ ottima notizia da tempo attesa, ma occorre vigilare perché le amministrazioni locali non lascino cadere questa scelta della FS Italia, ma, anzi, la sollecitino, in particolare per quanto attiene alla promessa mobilità sostenibile.
    Comunque da allora per questa tratta ferroviaria si è aperto un nuovo scenario, come dimostrò la giornata di sabato 11 aprile 2015, con il treno storico che portò su questa tratta il Ministro dell’Ambiente On.le Dario Franceschini, il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, l’Amministratore Delegato delle Ferrovie dello Stato Italiane, il Presidente della Fondazione FS Italia, il Presidente della Provincia di Siena, i Sindaci delle zone interessate e ad altre personalità, fra le quali spiccava la presenza del noto regista Pupi Avati.
    In un intervista rilasciata alla stazione di Torrenieri al giornalista Enzo Capucci inviato di RAI News, l’On.le Dario Franceschini dichiarò che le quattro ferrovie dismesse saranno utilizzate come musei diffusi per scoprire tutta l’italia e non solo le città d’arte.

    Poi passò ad illustrare il progetto promosso dal Ministero dei Beni Culturali e dalla Fondazione FS che – disse – si propone lo scopo di preservare, valorizzare e consegnare integro il patrimonio ferroviario italiano alle future generazioni.
    Disse anche che perché il turismo sostenibile decolli sugli itinerari ferroviari di grande pregio paesaggistico – quale è la Ferrovia della Val d’Orcia – occorrerà anche l’impegno di imprenditori privati che il Ministro ha sollecitato ad intervenire su questi progetti, tenuto conto che possono contare anche su di una norma del decreto Art Bonus che ha previsto l’uso delle cantoniere dismesse e delle stazioni chiuse, da utilizzare per scopi commerciali, quali i ristoranti e gli ostelli.
    Infine annunciò anche l’intenzione di realizzare convogli ad alta panoramicità in grado di far apprezzare ai viaggiatori la bellezza dei nostri paesaggi.
    La giornata ebbe un grande successo, sia per la bellezza del convoglio formato da storiche carrozze, che per la presenza dei tanti viaggiatori invitati, quali gli addetti delle ambasciate più interessate al progetto, (ad esempio quelle degli Emirati Arabi, ma non solo), dei numerosi giornalisti sia della carta stampata che dei mezzi televisivi, italiani e stranieri (francesi, giapponesi, ecc.) che offrirono un grande risalto mediatico alla manifestazione.

    Successivamente è stata approvata la Legge n. 128 del 9 agosto 2017 con la quale si istituiscono in Italia le ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissioni situate in aeree di particolare pregio naturalistico o archeologico.
    La legge si propone la finalità di salvaguardare e valorizzare tratte ferroviaria di particolare pregio culturale, paesaggistico e turistico, fra le quali vi è anche la tratta Asciano-Monte Antico.
    Da salvaguardare e che pertanto rimangono di proprietà delle F.S., sono:
    i tracciati ferroviari, quindi anche i binari,
    le stazioni e le relative opere d’arte e pertinenze,
    i mezzi rotabili storici e turistici abilitati a percorrerle, in pratica delle draisine, veicoli ferroviari di servizio, con propulsione manuale, a pedali od a motore, usati per trasportare persone o cose o utilizzati per ispezionare le linee ferroviarie o le stazioni. Nei paesi del Nord e Centro Europa sono molto utilizzati per scopi turistici e per muoversi con propulsione muscolare sulle linee ferroviarie. Una recente norma UNI – Ente di Unificazione Italiano – la n. 11685 ne ha stabilito i requisiti tecnici e costruttivi e di sicurezza.
    Vale la pena, quindi, come scrive un certo Mauro a commento della notizia riportata da Montalcinonews, smantellare i binari (la linea è da considerare archeologia industriale del 1865) anche se una legge lo vieta? Ma con la volontà, dice Mauro, tutto si può fare, ammesso che la Regione Toscana con la Provincie di Siena e di Grosseto ed i Comuni interessati se la sentono di aprire un contenzioso con le FS, la Fondazione FS ed il Ministero dei Beni Artistici e Culturali. E per far cosa, poi? Solo per realizzare una ciclo-via sul tracciato ferroviario liberato dai binari, in zone dove strade e sentieri percorribili con le due ruote certamente non mancano!

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

4 agosto 2020

Civitella Paganico, brucia il bosco: fiamme visibili da Montalcino

Un maxi incendio boschivo si è scatenato questa mattina in località Tenuta di Bagnolo, nel Comune di Civitella Paganico, a non molti chilometri di distanza da Montalcino. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo le 12 rapidamente sospinte dal vento.

4 agosto 2020

Il libro sulla storia della Chiesa della Madonna delle Nevi

Un volume dedicato alla Chiesa della Madonna delle Nevi. Lo ha realizzato Giacomo Massoni e sarà presentato domani 5 agosto a Montisi (ore 12,15, Chiesa della Madonna delle Nevi). Si tratta del decimo numero della collana “Ad Loca Mariana” edita

31 luglio 2020

Fondi Covid, nuovi infissi per la scuola media di Montalcino

Nuovi infissi con apertura a vasistas (verso l’interno) per la scuola media di Montalcino, per garantire buona illuminazione e allo stesso tempo il ricambio d’aria. Il costo, di 17.610 euro più Iva, è in gran parte coperto dai contributi statali

29 luglio 2020

Bindocci vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena

Fabrizio Bindocci, presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino, è stato eletto vicepresidente dell’Unione Provinciale Agricoltori di Siena insieme a Filippo Cresti. La massima carica sarà invece ricoperta da Nicola Ciuffi, imprenditore agricolo e allevatore della valdichiana senese, che

24 luglio 2020

Potatura e abbattimento alberi a Montisi e Castelnuovo dell’Abate

Potatura di sette lecci e quattro tigli e abbattimento di un cedro secco a Montisi, abbattimento di due grossi pini e sette tigli in Via delle Scuole a Castelnuovo dell’Abate: sono le operazioni di cui se ne occuperà una ditta

24 luglio 2020

Sei Toscana: “Serve intervento statale sulla Tari per aiutare le attività”

“Aiutiamo le attività commerciali e produttive dei nostri territori che sono state chiuse forzatamente per il lockdown, il Governo impegni risorse per farsi carico di una quota parte del pagamento della Tari”: è l’appello lanciato dal presidente di Sei Toscana,

10 agosto 2020

Argiano e Calici di Stelle

Degustare i pregiati vini di Montalcino nella notte di San Lorenzo, affacciati su una delle piazze più belle del mondo. Succederà il 10 agosto a Siena, in Piazza del Campo, dove Siena Experience Italian Hub in collaborazione con Cuoconté di

8 agosto 2020

Calici di Stelle alla Fattoria dei Barbi

L’8 agosto la Fattoria dei Barbi festeggia “Calidi di Stelle” con una “Notte Bianca sotto le Stelle” all’insegna di una suggestiva cena incantata monocolore (dal dress code al menù, tutto rigorosamente bianco), candele e atmosfera, musica di sottofondo, calici di

5 agosto 2020

Montisi festeggia il patrono

Montisi celebra il patrono, la Madonna delle Nevi. Mercoledì 5 agosto il corteo storico onorerà il patrono del paese alla presenza del vescovo e, alle 12.15, appuntamento alla Chiesa della Madonna delle Nevi per la presentazione del numero 10 della