Alaphillippe il campione che ama il Brunello

Alaphilippe in visita alla cantina MastrojanniUn grande risultato merita di essere festeggiato con vino importante. Julian Alaphilippe è il nuovo campione del mondo di ciclismo su strada, straordinaria la sua prova ad Imola dove ha alzato le braccia al cielo in solitaria nel circuito intitolato ad Enzo e Dino Ferrari. Alaphilippe ha regalato alla Francia il primo titolo iridato del nuovo millennio ma soprattutto ha scritto una pagina bellissima di ciclismo, una vittoria nata da uno scatto fulminate che ha fatto il vuoto, dalla voglia di osare e di crederci, senza fare calcoli. Una vittoria “eroica” e lui, Alaphilippe, questo termine lo conosce bene. Già perché non tutti sanno che nell’ultima settimana di luglio il ciclista originario della Loira è venuto ad allenarsi sulle strade bianche di Eroica Montalcino per preparare i due appuntamenti più importanti della stagione: Tour de France e campionato del mondo. Ma se alla Grand Boucle “LouLou” ha scaldato i motori con tanto di vittoria di tappa e maglia gialla provvisoria, il ritorno in Italia è stato stratosferico con la meritata conquista del titolo di campione del mondo al termine di una gara dura, spettacolare e organizzata benissimo. Un successo sulle strade italiane merita un brindisi italiano. Alaphilippe lo ha promesso e lui le promesse le mantiene.

E qui arriva l’aneddoto: nel corso del suo soggiorno a Montalcino, Alaphilippe è stato ospite a Mastrojanni, una delle griffe più prestigiose di Montalcino di proprietà di Riccardo Illy. “Una persona eccezionale - spiega Andrea Machetti, ad di Mastrojanni - ha detto che tornerà presto a farci visita perché ha trovato un posto meraviglioso in cui stare bene: è andato via entusiasta”. Ma non a mani vuote… “Ha portato a casa - ricorda Machetti - la nostra magnum numerata di Anniversario 2008, gli avevo detto che l’avrebbe stappata dopo un grande successo”. E ieri quel successo è arrivato: “gli ho scritto che era arrivata l’ora di stapparlo e lui mi ha dato ragione”. Franco Rossi, presidente di Eroica Ssd, ha avuto la fortuna di pedalare con Alaphilippe (vincitore, tra l’altro, delle Strade Bianche 2019 che sono passate anche per Montalcino) durante i suoi allenamenti nella Valdorcia patrimonio Unesco. E anche a lui il ciclista transalpino ha confessato la sua passione per il Brunello. “Mi ha detto che aveva scelto queste strade per preparare Tour e Mondiale e che da quando è arrivato a Montalcino tutte le vittorie le festeggia con il Brunello. Siamo orgogliosi che un campione del genere apprezzi questi luoghi e il nostro vino”.

Ma queste terre hanno affascinato anche la neo campionessa del mondo (con un clamoroso doppio oro conquistato a Imola: a cronometro e su strada) Anna van der Breggen, fuoriclasse olandese ospite a Pieve a Salti durante le Strade Bianche, luogo scelto anche pochi mesi fa per la preparazione del Giro d’Italia femminile. Anna ha assaggiato il Brunello (che ha apprezzato molto) e si è innamorata del territorio, spesso protagonista dei suoi racconti sui social. Lo scorso anno quando arrivò in Valdorcia per la prima volta disse queste parole: “guardiamoci intorno, è così tranquillo qui. È natura nel suo migliore aspetto. Ognuno ama andare in bici in questi posti. Non ero mai stata qui ma sono felicissima, sono arrivata ieri e mi sono girata subito intorno: è bellissimo”. Parola di una big assoluta.

Tornando ad Alaphilippe, il suo rivale di quest’anno (un dualismo che tiene incollati alla tv milioni di appassionati) è il belga Wout Van Aert che in occasione del successo delle Strade Bianche 2020 dichiarò di festeggiare stappando “parecchie bottiglie di Brunello di Montalcino”. Insomma, pochi dubbi su quale sia il vino preferito dai campioni! E ieri è arrivata un’altra dimostrazione di nuovo con Alaphilippe, il funambolo delle ruote a pedali, il campione della gente, il fuoriclasse che piange al traguardo mentre pensa al papà recentemente scomparso. Alaphilippe corre all’attacco, conquista e regala sogni e quando scende dalla bici si gode il riposo dei numeri uno. Con un calice di Brunello in mano.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

23 ottobre 2020

Riprese cinematografiche a Sant’Angelo in Colle

Tornano ad accendersi le telecamere nel territorio di Montalcino. Il 27 ottobre a Sant’Angelo in Colle verranno effettuate delle riprese cinematografiche per la promozione di un motociclo di un importante marchio motociclistico. Ancora “top secret” i dettagli, sappiamo però da

23 ottobre 2020

Biblioteca comunale, torna attivo il prestito di libri

Da ieri è tornato attivo il prestito librario della biblioteca comunale di Montalcino. Per entrare servirà la mascherina, i minori dovranno essere accompagnati da un adulto e si potrà accedere tramite l’ingresso che si affaccia su piazza Cavour (dotato di

22 ottobre 2020

Lamberto Frescobaldi rappresentante toscano di Confagricoltura

Lamberto Frescobaldi, alla guida dell’omonima azienda vitivinicola proprietaria a Montalcino di CastelGiocondo e Tenuta Luce della Vite e consigliere dell’Accademia dei Georgofili, è stato eletto rappresentante toscano nella giunta nazionale di Confagricoltura, dove è stato confermato il presidente Massimiliano Giansanti.

21 ottobre 2020

Covid, arrivano fondi per i comuni. A Montalcino 41.500 euro

Arrivano fondi per i comuni italiani. La Conferenza Stato-Città ha sbloccato risorse aggiuntive per gli enti locali che sono stati colpiti più di altri dall’emergenza Covid. Si tratta in totale di circa 400 milioni stanziati per coprire le spese aggiuntive sostenute

21 ottobre 2020

Tenuta Luce, conclusa la vendemmia. Il commento di Lamberto Frescobaldi

Si è appena conclusa la vendemmia a Tenuta Luce, azienda di Brunello di proprietà di Frescobaldi. Una raccolta di grande qualità, spiega il proprietario Lamberto Frescobaldi. “L’inverno è stato prevalentemente secco e mite portando un precoce ma omogeneo germogliamento a

19 ottobre 2020

“Hop Hope”, un cammino rosa per la prevenzione

Ottobre, mese della prevenzione del tumore al seno. E ieri per celebrare la ricorrenza il gruppo “Hop Hope”, ha organizzato una passeggiata (con ritrovo a Montalcino e San Quirico d’Orcia) “Alla scoperta dei calanchi della Val d’Orcia”. Buona la partecipazione,

19 ottobre 2020

Al via i corsi di danza

Il 19 ottobre iniziano i corsi di danza classica e, novità di quest’anno, moderna della scuola di danza di Montalcino “Danza nel Mondo”, che ha spostato momentaneamente la sede dai locali comunali vicino alla sala convegni a una delle sale

18 ottobre 2020

“Inchiostro 2020”: Poggio Civitella

Domenica 18 ottobre (ore 16) quarto e ultimo appuntamento del ciclo di conferenze “Inchiostro 2020”. Sarà la volta del professor Luigi Donati dell’Università di Firenze, che ha diretto la campagna di scavo di Poggio Civitella, il sito etrusco più rilevante della

17 ottobre 2020

In ricordo di don Guido Franceschelli

Saranno assegnate sabato 17 ottobre, alle ore 11.30, le borse di studio in ricordo di don Guido Franceschelli, un sacerdote molto amato a Montalcino anche per aver dedicato la vita a generazioni di giovani che negli anni sono cresciuti all’oratorio