Per il Brunello è un 2020 da ricordare, nonostante tutto

Il presidente del Consorzio del Brunello Fabrizio BindocciUn inizio 2020 molto brillante, per Montalcino. A febbraio aveva ospitato giornalisti, operatori e appassionati per presentare una delle migliori annate di sempre, il Brunello 2015, e aveva visto assegnare cinque stelle alla vendemmia 2019, così come cinque sono i cerchi delle Olimpiadi che Milano e Cortina ospiteranno nel 2026, richiamati nella piastrella celebrativa firmata dal presidente del Coni Giovanni Malagò, presente a Benvenuto Brunello insieme ad altri personaggi celebri. Come Federico Buffa, uno dei più grandi storyteller italiani, che ha raccontato proprio il Brunello di Montalcino ma anche il critico d’arte Vittorio Sgarbi, che ha tenuto una lectio magistralis sul rapporto tra bellezza, viticoltura, paesaggio e arte. Oppure Enrico Bartolini, lo chef più stellato d’Italia, che ha curato la Cena di Gala.

Un inizio sprint con le aziende di Brunello che, grazie anche alla minaccia dei dazi ventilata da Trump, avevano spedito diverse bottiglie oltreoceano, preannunciando vendite record. “La paura dei dazi - spiega il presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino Fabrizio Bindocci - ha aiutato l’economia delle aziende che hanno spedito il vino nei mercati anticipando i tempi. I produttori, in accordo con gli importatori, hanno mandato le consegne già dai primi giorni di gennaio e questo è stato importante. Io poi sono una persona che vede sempre il bicchiere mezzo pieno, sono consapevole della forza di questa denominazione ed ho avuto sin da subito la certezza che i mercati avrebbero risposto bene, cosa che poi è realmente accaduta”.

L’arrivo del Covid ha sconvolto il mondo intero, bloccando o rallentando interi settori economici e facendo, di conseguenza, annullare i grandi eventi internazionali, tra cui Vinitaly. Un duro colpo anche per il Brunello, vino venduto e bevuto in tutti i Continenti ed esportato al 70% e per un territorio che rientra di diritto tra le mète enoturistiche più rinomate d’Italia. Ma, nonostante tutto ciò, la denominazione ha resistito, fedele al proprio blasone che l’ha vista essere nel 1980 Docg d’Italia, di cui proprio nel 2020 si sono festeggiati i 40 anni da quella storica conquista. “Il successo del Brunello di Montalcino - continua Bindocci - non è fortuna ma è un lavoro che il Consorzio porta avanti da oltre 50 anni. Tutti insieme abbiamo seminato bene e ora raccogliamo i risultati. Le classifiche internazionali, ad iniziare da Wine Spectator che ha premiato il Brunello di Montalcino 2015 Le Lucére di San Filippo come terzo vino assoluto e primo italiano, ne sono una conferma. Siamo soddisfatti e lo dico a livello complessivo perché stiamo costruendo qualcosa di importante a livello qualitativo. Voglio citare il lavoro che viene fatto dalla Fondazione Territoriale Brunello di Montalcino, perché per noi il vino è fondamentale ma ci sono tante altre ricchezze come il tartufo, l’olio, il miele, lo zafferano”.

Ricchezze straordinarie sempre più centrali nei progetti del futuro e che, sottolinea Bindocci, “ci impegniamo a far crescere sempre di più perché il nostro territorio va in direzione della qualità e questo lo abbiamo visto anche negli eventi, penso ad Eroica Montalcino oppure al Jazz & Wine, tanto per fare due esempi”. Eventi che hanno contribuito alla rinascita estiva di un territorio che ha visto un boom turistico da record, quasi esclusivamente italiano. Segno che Montalcino, come ribadisce il presidente del Consorzio, “ha un forte e riconosciuto appeal”. Gli ultimi mesi del 2020 hanno portato ad una vendemmia “ottima” ed a una lunga coda di riconoscimenti, sempre più prestigiosi, da parte della critica enoica italiana e internazionale: da James Suckling a Vinous di Antonio Galloni, da Wine Enthusiast a The Wine Advocate, con i due 100/100 di Monica Larner (Marroneto e Le Chiuse di Gianni Brunelli). Il tutto aspettando il Brunello 2016 che ha già strappato grandi elogi alla stampa di settore.

“Guardiamo con fiducia al futuro - conclude Bindocci - i riconoscimenti si stanno moltiplicando in tanti ambiti, non a caso abbiamo salutato con soddisfazione il ritorno della stella Michelin assegnata alla Sala dei Grappoli di Castello Banfi-Il Borgo. Ci auguriamo che il 2021, con l’arrivo del vaccino, possa segnare il ritorno alla normalità. Il Brunello di Montalcino è pronto a vivere un nuovo anno da protagonista”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

27 gennaio 2021

Il Consorzio del Brunello valuta ulteriori azioni su processo per frode

Nota stampa del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino: “Il 22 gennaio scorso si è concluso il procedimento penale innanzi al Tribunale di Siena che ha visto costituito, assistito dall’avvocato Francesca Piroli del Foro di Siena, il Consorzio del Vino

27 gennaio 2021

Coldiretti ai Comuni: “azzerare Tari per salvare gli agriturismi”

“24.000 agriturismi da salvare in tutta Italia, oltre 1.500 solo nella provincia di Siena: si cominci azzerando la Tari perché anche le strutture agrituristiche da un anno stanno lottando per sopravvivere stretti fra lockdown, misure anti contagio e limiti agli

26 gennaio 2021

Intervento di restauro per il gonfalone di San Giovanni d’Asso

Intervento di restauro per il vecchio gonfalone dell’estinto Comune di San Giovanni d’Asso, visibilmente rovinato. Ad occuparsene una ditta senese, che si è resa disponibile al recupero conservativo della seta e dei ricami. Costo dell’operazione: 2.196 euro (Iva inclusa).

25 gennaio 2021

Coronavirus, 422 nuovi casi in Toscana: età media 47 anni

Covid-19, in Toscana sono 422 i positivi in più rispetto a ieri (416 confermati con tampone molecolare e 6 da test rapido antigenico). Da inizio epidemia, i casi positivi totali sono pari a 131.281 unità. L’età media dei 422 nuovi

25 gennaio 2021

Lavori lastrico in via Moglio, come cambia la circolazione

A partire da mercoledì 27 gennaio, a causa della realizzazione del lastrico in via Moglio, la viabilità cittadina subirà alcune variazioni. Questa fase dei lavori riguarderà infatti via Moglio, dall’intersezione con Piazzetta San Pietro all’intersezione con via S. Lucia (bivio

25 gennaio 2021

Seconda casa, ci si può spostare solo se si ha medico nel territorio

Una notizia che interessa anche Montalcino e chi ha nel nostro territorio una seconda abitazione. Esattamente come successo a novembre e prima ancora a maggio dell’anno scorso, chi si sposterà nella seconda casa in Toscana da altre regioni dovrà avere

15 febbraio 2021

Presentazione de “La Pettegola”

Lunedì 15 febbraio, Banfi presenta La Pettegola Edizione Limitata 2021. L’evento quest’anno sarà in diretta streaming. A breve saranno comunicati tutti i dettagli e il programma completo. L’iniziativa viene ripetuta ogni anno con un artista diverso che firma un’etichetta d’autore

29 gennaio 2021

Caritas presenta “Un anno di Covid”

Venerdì 29 gennaio 2021, alle ore 11, nella sede dell’ex-convento delle Clarisse a Siena, in Via Mascagni 40, verrà presentato il dossier “Un anno di Covid” realizzato dalla Caritas dell’Arcidiocesi di Siena-Colle Val d’Elsa-Montalcino. Lo studio della Caritas diocesana offrirà

25 gennaio 2021

Scuola di Musica, si riparte in presenza

Una notizia che attesa e che farà piacere a molti. Lunedì 25 gennaio la scuola di musica della Filarmonica “G.Puccini” di Montalcino riprenderà le lezioni in presenza. “Riaprire - spiega la presidente Lucia Cesarini - è una responsabilità per noi che