Buffa racconta il Brunello di Montalcino (video)

Federico Buffa sul palco della Fortezza di MontalcinoDalle origini di Montalcino al percorso che ha reso celebre il Brunello in tutto il mondo, dai personaggi famosi che lo hanno amato e bevuto al meraviglioso territorio che lo ospita, dalla fabbrica del bello alla Via Francigena, dalla grande borghesia imprenditoriale della città alle nuove generazioni capaci di tramandare la storia di un vino unico e meraviglioso: Federico Buffa ha incantato il pubblico della Fortezza di Montalcino con il suo monologo sul Brunello, uno spettacolo promosso dal Consorzio il cui ricavato, ha spiegato il presidente Fabrizio Bindocci nella sua introduzione, sarà devoluto alla Fondazione del Brunello.

Buffa, accompagnato al pianoforte dal talentuoso maestro Alessandro Nidi, è partito da un episodio che ha visto coinvolto il presidente della Repubblica Giuseppe Saragat (alla fine degli anni Sessanta la segreteria della Presidenza della Repubblica chiamò l’Enoteca Trimani a Roma e chiese sei bottiglie di Brunello per Saragat, l’enoteca non ne aveva e allora partì per Firenze, comprò il vino e lo portò personalmente al Quirinale) e dalla Regina Elisabetta che nel 1969, all’ambasciata italiana a Londra, bevve il Brunello di Montalcino 1955 di Biondi Santi, per Wine Spectator la più grande bottiglia del Novecento italiano.

Buffa ha citato le possibili origini del nome Montalcino, da Mons Ilcinus, “monte dei lecci”, oppure (ipotesi da lui sostenuta) da Lucina, la dea greca del parto, colei che ti porta alla luce, e in luogo magnifico come questo, ha sottolineato lo storyteller, “sono certo che questa divinità sia stata adorata a lungo”. “Montalcino – ha proseguito Buffa – è la cosiddetta fabbrica del bello. Un caso più unico che raro, in nessun altro luogo della terra gli abitanti si sono accorpati con la natura per rendersi più belli”.

La storia di Montalcino, ha detto Federico Buffa, è sinusoidale, capace di picchi e di grandi discese. Una collina in Val d’Orcia la cui posizione diventa prima cruciale e strategica grazie alla Via Francigena - se devi andare a Roma devi passare da qui - e poi sfavorevole, quando nel 1963 arriva l’Autostrada del Sole. Un fatto, questo, che insieme all’abolizione della mezzadria fa diventare la città una delle più povere della provincia. Ma la rinascita avviene grazie a un uomo, Ilio Raffaelli, appartenente a una famiglia di boscaioli senza più mestiere, dopo il passaggio dal riscaldamento con il legname al riscaldamento a gasolio, che diventato sindaco decide che questo luogo “non debba seguire la ormai imperante via dell’industrializzazione all’italiana, perché ci sono le risorse per una via autonoma. Incontra lo sguardo di illuminati e ha ragione lui, perché poco dopo la metà degli anni Sessanta arriva la Denominazione di Origine Controllata e nel 1969 Veronelli, dopo aver assaggiato il Brunello, se ne esce con l’espressione ‘Supertuscan’”.

C’è poi un altro momento di rottura, l’arrivo a fine anni Settanta dei fratelli italoamericani Henry e John Mariani. Con Banfi il Brunello viaggia in America e poi in tutto il mondo, e personaggi famosi, da Mastroianni a Sofia Loren, da Lebron James a Scottie Pippen, fino alla Nazionale italiana di calcio, che non solo ha festeggiato col Brunello la vittoria agli Europei, ma lo ha anche preso come riferimento per una curiosa scaramanzia. “Due giorni prima della partita inaugurale con la Turchia – rivela Buffa – i dirigenti azzurri ordinano una bottiglia di Brunello, ma il cameriere incespica e la fa cadere in terra. Chicco Evani, viceallenatore di Mancini, accorre, smuove i vetri e si mette dappertutto il vino, e dopo di lui fanno lo stesso Vialli, Mancini, Donnarumma, Bonucci, Insigne, Immobile, Chiellini. Tutti quanti si mettono il vino nel corpo, una scena che viene chissà da quale rito. Siccome i calciatori sono superstiziosi, prima di ogni partita, fino alla finale di Wembley, rompono una bottiglia e ripetono il gesto”.

“Mettendo tutto assieme – ha concluso Buffa – partendo dalla Dea Lucina, dal viaggio di Sigerico, dalla fabbrica del bello, dalla grande borghesia imprenditoriale della città, dalle idee, dai pensieri, dalle immaginazioni, dai vini sciamanici, dai vini leggendari, dall’andamento sinusoidale, dalle annate che non si possono dimenticare, dalla vitalità impressionante del luogo magnetico, la sensazione è che il futuro del Brunello sia già scritto nella sua storia, risiede nel suo recente passato ed è vivo in un meraviglioso presente e un futuro che sposerà la lungimiranza della tradizione con la visione senza preconcetti delle nuove generazioni. Ci sono tantissimi produttori poco più che trentenni, in totale controtendenza con il Paese. Domani ci sarà qualcuno che sarà capace di parlare al pubblico del vino con un linguaggio universale, schietto, romantico e credibile. Il vino ha il suo massimo risultato quando regala una sincera sollecitazione al palato, alla mente, al cuore, e quando racconta una storia, la sua. Nel vino non esiste nessun tipo di limite culturale. Intorno al vino e al suo territorio si aggregano sempre dei valori”.

Guarda il video:

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

27 settembre 2021

Il problema dell’urina dei cani in Vicolo del Pino

“Di tutte le misure e colori, più o meno fresche”. È il commento, ironico, che accompagna le foto arrivate in redazione da un nostro lettore. Siamo in Vicolo del Pino, nel centro storico di Montalcino. Stavolta non ci sono deiezioni

27 settembre 2021

Coppa Toscana, subito fuori Montalcino e Torrenieri

Doppia eliminazione dalla Coppa per le squadre di calcio del nostro territorio. Il Montalcino, forte del 2-1 dell’andata, viene beffato nel derby col San Quirico. Fino al 95’ era qualificato (1-1 con reti di El Gwarany e Bellavista), poi un

27 settembre 2021

Equipaggi da tutta Italia per “Sulle Strade della Leggenda”

Il sabato appena trascorso è stato caratterizzato dal raduno automobilistico non competitivo organizzato dal Club Legend Colli Senesi di Montalcino denominato “Sulle Strade della Leggenda” giunto quest’anno alla seconda edizione. Il tracciato ad anello che, partendo da Murlo è arrivato

24 settembre 2021

Problema in Via delle Scuole, la zona è stata ripulita

Problema risolto in Via delle Scuole. Due giorni dopo la segnalazione pubblicata sul nostro sito la zona, in pieno centro storico, è stata ripulita dalla spazzatura e dagli escrementi. “Pulito e rattoppato”, ci scrive la cittadina di Montalcino che aveva

24 settembre 2021

Taglio alberi a Montalcino e Torrenieri: ecco i motivi

Avevamo scritto nei giorni scorsi dei lavori di taglio che riguarderanno 162 piante nel territorio di Montalcino. Di queste, 100 si trovano nella pineta di via Osticcio, 6 in via Pascoli, 3 in via Battisti e 40 nell’area sportiva di

22 settembre 2021

Montalcino, il Comune affida i lavori di taglio di 162 piante

Il Comune di Montalcino ha affidato a una ditta di Abbadia San Salvatore i lavori di taglio di 162 piante (costo di 3.660 euro Iva inclusa). Si tratta nel dettaglio di 100 piante nella pineta di Via Osticcio, 6 in

6 novembre 2021

Alla scoperta di Tamagni

Sabato 6 novembre, nell’ambito di “InChiostro”, calendario promosso da Opera Laboratori in collaborazione con l’Arcidiocesi di Siena - Colle di Val d’Elsa - Montalcino e il Comune di Montalcino, passeggiata storico-artistica che alle ore 10.30 partirà dal chiostro di Sant’Agostino

23 ottobre 2021

Incontro con Bartolo di Fredi

Sabato 23 ottobre alle ore 17.30 si terrà l’incontro “Iconografia evangelica nelle opere di Bartolo di Fredi”. Don Enrico Grassini, direttore dell’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Siena - Colle di Val d’Elsa - Montalcino, guiderà i partecipanti alla scoperta dei

16 ottobre 2021

Cammino verso Sant’Antimo

Sabato 16 ottobre alle ore 10 dal chiostro partirà “InCammino verso Sant’Antimo”, escursione trekking alla scoperta del territorio di Montalcino fino all’abbazia millenaria di Sant’Antimo. Durante il percorso una guida ambientale escursionistica segnalerà i maggiori punti d’interesse storico-paesaggistici, geologici e

©2011-2021 Montalcinonews sas - Registrazione del Tribunale di Siena n. 8 del 20 settembre 2011 - info@montalcinonews.com
Partita Iva/Codice Fiscale 01319890529 - Camera di Commercio di Siena - R.E.A SI 138063 - Privacy