Montalcino, crisi del miele e futuro della Settimana

Il Miele, l'oro giallo di Montalcino Un’assenza che pesa. Per il secondo anno consecutivo La Settimana del Miele di Montalcino non è stata fatta. Un evento con quasi cinquanta anni di storia e che meriterebbe una riflessione approfondita su tanti aspetti. Ma adesso più che al passato bisogna pensare al presente, accendendo le luci dei riflettori su un settore che sta affrontando una crisi davvero grande. Il miele merita di essere rilanciato, proprio come la Settimana di Montalcino dedicata all’oro giallo.

“Consapevoli di essere da sempre la vetrina dei mieli toscani e italiani - ha dichiarato il sindaco Silvio Franceschelli in una nota stampa de Le Città del Miele, associazione di cui Montalcino fa parte - con la sua assenza La Settimana del Miele esprime vicinanza a tutti gli apicoltori delle diverse regioni italiane che stanno affrontando un’annata produttiva tra le più critiche degli ultimi due decenni, specie nella Regione Toscana. Montalcino a livello nazionale è tra le manifestazioni delle più note proprio per la sua storicità. La notorietà nazionale di Montalcino quest’anno la utilizziamo per evidenziare la criticità produttiva di miele della Toscana e di non poche altre regioni italiane”.

“L’annata è stata drammatica - commenta Duccio Pradella, presidente di Arpat, (Associazione Regionale Produttori Apistici Italiani) - la produzione non è arrivata a 10 kg per alveare ed a Montalcino penso ancora meno. Si è salvato il castagno, qua e là un po’ di millefiori e tiglio, totalmente assente le produzioni primaverili. Per tenere in vita le api e nutrirle le aziende hanno dovuto farsi carico di grossi costi di produzione. I problemi delle gelate di aprile hanno rovinato tutte le fioriture e messo in crisi gli alveari, da luglio in poi in molte zone la siccità ha completamente fermato i raccolti. E tuttora le api non trovano da mangiare e gli apicoltori sono costretti a intervenire per tenerle in vita. La zona di Montalcino ha sofferto molto. La Settimana del Miele che non è stata fatta? Capisco che c’è una parte espositiva che ovviamente risente della scarsità del prodotto. Ma è un peccato, parliamo di un evento storico. Dico che, ma questo in generale, bisogna sforzarsi di fare iniziative in grado di dare visibilità al settore. Parlare dei nostri problemi ed esporli all’opinione pubblica credo che ci possa aiutare molto. Il settore è in crisi, servono risorse. Se si vuole salvare le api bisogna aiutare le aziende”.

L’annata apistica 2021 è destinata a entrare nelle cronache storiche del settore come la più critica degli ultimi decenni. Le condizioni climatiche avevano già seriamente compromesso le produzioni primaverili di tarassaco e di ciliegio, con anche la quasi totale perdita della produzione di miele di acacia, causa un clima fortemente sfavorevole di sbalzi climatici di basse temperature e inaspettate gelate registrate sia al nord sia nel centro Italia. Una situazione che ha fortemente impegnato gli apicoltori a intervenire con soluzioni a vare di zucchero per sfamare le api e mantenerle in vita. Solo in Lombardia la mancata produzione di acacia registra un danno di oltre 30 milioni di euro: in media, un alveare ha prodotto tra 500 gr/1 kg contro i 20 kg degli scorsi anni. In regioni come l’Emilia Romagna e la Toscana la produzione di miele registra un calo del 95%. Una criticità che ha toccato anche i territori del miele del Sud con la produzione di miele d’arancio quasi azzerata in molte zone della Sicilia e una produzione media inferiore del 50%, così come per il miele di sulla.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

27 settembre 2021

Il problema dell’urina dei cani in Vicolo del Pino

“Di tutte le misure e colori, più o meno fresche”. È il commento, ironico, che accompagna le foto arrivate in redazione da un nostro lettore. Siamo in Vicolo del Pino, nel centro storico di Montalcino. Stavolta non ci sono deiezioni

27 settembre 2021

Coppa Toscana, subito fuori Montalcino e Torrenieri

Doppia eliminazione dalla Coppa per le squadre di calcio del nostro territorio. Il Montalcino, forte del 2-1 dell’andata, viene beffato nel derby col San Quirico. Fino al 95’ era qualificato (1-1 con reti di El Gwarany e Bellavista), poi un

27 settembre 2021

Equipaggi da tutta Italia per “Sulle Strade della Leggenda”

Il sabato appena trascorso è stato caratterizzato dal raduno automobilistico non competitivo organizzato dal Club Legend Colli Senesi di Montalcino denominato “Sulle Strade della Leggenda” giunto quest’anno alla seconda edizione. Il tracciato ad anello che, partendo da Murlo è arrivato

24 settembre 2021

Problema in Via delle Scuole, la zona è stata ripulita

Problema risolto in Via delle Scuole. Due giorni dopo la segnalazione pubblicata sul nostro sito la zona, in pieno centro storico, è stata ripulita dalla spazzatura e dagli escrementi. “Pulito e rattoppato”, ci scrive la cittadina di Montalcino che aveva

24 settembre 2021

Taglio alberi a Montalcino e Torrenieri: ecco i motivi

Avevamo scritto nei giorni scorsi dei lavori di taglio che riguarderanno 162 piante nel territorio di Montalcino. Di queste, 100 si trovano nella pineta di via Osticcio, 6 in via Pascoli, 3 in via Battisti e 40 nell’area sportiva di

22 settembre 2021

Montalcino, il Comune affida i lavori di taglio di 162 piante

Il Comune di Montalcino ha affidato a una ditta di Abbadia San Salvatore i lavori di taglio di 162 piante (costo di 3.660 euro Iva inclusa). Si tratta nel dettaglio di 100 piante nella pineta di Via Osticcio, 6 in

6 novembre 2021

Alla scoperta di Tamagni

Sabato 6 novembre, nell’ambito di “InChiostro”, calendario promosso da Opera Laboratori in collaborazione con l’Arcidiocesi di Siena - Colle di Val d’Elsa - Montalcino e il Comune di Montalcino, passeggiata storico-artistica che alle ore 10.30 partirà dal chiostro di Sant’Agostino

23 ottobre 2021

Incontro con Bartolo di Fredi

Sabato 23 ottobre alle ore 17.30 si terrà l’incontro “Iconografia evangelica nelle opere di Bartolo di Fredi”. Don Enrico Grassini, direttore dell’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Siena - Colle di Val d’Elsa - Montalcino, guiderà i partecipanti alla scoperta dei

16 ottobre 2021

Cammino verso Sant’Antimo

Sabato 16 ottobre alle ore 10 dal chiostro partirà “InCammino verso Sant’Antimo”, escursione trekking alla scoperta del territorio di Montalcino fino all’abbazia millenaria di Sant’Antimo. Durante il percorso una guida ambientale escursionistica segnalerà i maggiori punti d’interesse storico-paesaggistici, geologici e

©2011-2021 Montalcinonews sas - Registrazione del Tribunale di Siena n. 8 del 20 settembre 2011 - info@montalcinonews.com
Partita Iva/Codice Fiscale 01319890529 - Camera di Commercio di Siena - R.E.A SI 138063 - Privacy