Vendemmia, in Toscana -25% di produzione

Vendemmia Per la vendemmia 2021 si stima, in Toscana, una produzione di vino pari a 1,65 milioni di ettolitri, in calo del 25% rispetto ai 2,29 milioni del 2020. Una diminuzione significativa rispetto alla media nazionale (-9%, che comunque garantisce all’Italia il primato per produzione) - e anche alla situazione del territorio di Montalcino, dove è stato stimato un -10% di uva rispetto allo scorso anno (e “questo influirà positivamente sulla qualità”, aveva sottolineato il presidente del Consorzio del Brunello, Fabrizio Bindocci). A dirlo sono le stime di Assoenologi, Ismea e Unione Italiana Vini, che hanno unito le rispettive forze e competenze per fornire alle imprese italiane e alle amministrazioni dati utili nel definire politiche e azioni da mettere in campo. I dati vengono elaborati mettendo a sistema le rilevazioni dei rispettivi osservatori territoriali (le sezioni regionali di Assoenologi, le imprese socie di Uiv e l’Ismea, che contribuisce con la propria rete e il confronto con l’Ufficio Vitivinicolo del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali). Si tratta chiaramente di prime indicazioni: saranno cruciali le condizioni meteo delle prossime settimane per definire meglio il quadro produttivo.

Sarà, infatti, una vendemmia di grande apprensione a causa degli ormai persistenti mutamenti climatici e di un andamento meteorologico molto incerto, che può creare anche in territori limitrofi importanti differenze qualitative e quantitative, dopo una stagione caratterizzata dalle gelate primaverili, che hanno colpito molti areali soprattutto del Centro Nord, seguite da un’estate particolarmente calda e siccitosa dove non sono mancati forti temporali, accompagnati da importanti manifestazioni grandinigene. Le problematiche legate alle sempre più mutevoli e imprevedibili condizioni climatiche impongono un più attento monitoraggio da parte dei vignaioli e degli enologi, con particolare attenzione alla custodia e alla sostenibilità ambientale, elementi ormai necessari anche per un adeguato riconoscimento da parte dei consumatori. A questo si affianca il grande entusiasmo con cui ogni anno si affronta questo periodo ai fini della migliore valorizzazione dei futuri vini, ormai primi ambasciatori dei nostri territori. Questa campagna produttiva, peraltro, arriva in un momento molto importante per il settore che, dopo le problematiche legate alla pandemia, può cominciare a guardare al futuro con più ottimismo, grazie alla riapertura dell’Horeca, alla ripresa del turismo e a un buon ritmo di consegne oltre i confini nazionali.

Focus: il report sulla vendemmia 2021 in Toscana

La stagione 2021 si è aperta lasciandosi alle spalle un inverno particolarmente piovoso, che ha garantito un’importante riserva idrica. Durante il mese di aprile si sono registrati bruschi abbassamenti di temperatura, che hanno portato a fenomeni di gelate nei fondivalle (che hanno creato problemi soprattutto alle uve rosse e dunque in primis al Sangiovese, che solo in parte ha poi reagito producendo nuove gemme) e ad una crescita moderata in debutto di stagione. Dal mese di maggio, con l’arrivo del caldo, la vite ha reagito con un bello sviluppo dei germogli ed un’ottima fioritura, in un clima tendenzialmente asciutto che ha aiutato a limitare le patologie fungine.

Tra la fine di luglio e i primi giorni di agosto si sono visti i primi accenni di invaiatura, accompagnati anche dai primi segnali di stress idrico. Dal 10 di agosto le temperature massime hanno fatto registrare picchi importanti che, uniti al lungo periodo di assenza di precipitazioni e a leggere brezze, hanno portato ad una diminuzione di umidità nel terreno e a diffusi fenomeni di stress idrico e colpi di calore. La siccità ha riguardato varie zone sia interne che costiere, e quest’ultime hanno anche dovuto combattere contro forti venti che hanno ulteriormente asciugato il terreno.

La vendemmia è comunque già iniziata per le basi spumante bianche quali Ortrugo, Moscato, Pinot grigio e Chardonnay. Proseguirà nella prima decade di settembre con Merlot e Albana, per continuare a metà settembre con i Trebbiani e terminare subito dopo con il Sangiovese.

In alcune denominazioni si nota una debole presenza di tignoletta in terza generazione e cominciano ad arrivare le prime segnalazioni di danni da ungulati.
Le condizioni attuali e le previsioni meteo dei giorni a venire ci fanno pensare a una vendemmia complessa e di difficile lettura. Ci saranno aree viticole con alcuni vitigni in particolare che riusciranno a portare a termine con velocità il processo di maturazione, mentre altre zone che, in virtù del ritardo causato dalla gelata o da possibili blocchi di maturazione dovuti alla siccità, potranno maturare più lentamente e dar luogo a una vendemmia posticipata.

Gli scarsi rendimenti ad ettaro, le temperature di inizio agosto ed i possibili fenomeni di disidratazione sulle uve fanno pensare ad una vendemmia di grande concentrazione, più vocata per la produzione di rossi rispetto a bianchi e rosati.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

27 settembre 2021

Il problema dell’urina dei cani in Vicolo del Pino

“Di tutte le misure e colori, più o meno fresche”. È il commento, ironico, che accompagna le foto arrivate in redazione da un nostro lettore. Siamo in Vicolo del Pino, nel centro storico di Montalcino. Stavolta non ci sono deiezioni

27 settembre 2021

Coppa Toscana, subito fuori Montalcino e Torrenieri

Doppia eliminazione dalla Coppa per le squadre di calcio del nostro territorio. Il Montalcino, forte del 2-1 dell’andata, viene beffato nel derby col San Quirico. Fino al 95’ era qualificato (1-1 con reti di El Gwarany e Bellavista), poi un

27 settembre 2021

Equipaggi da tutta Italia per “Sulle Strade della Leggenda”

Il sabato appena trascorso è stato caratterizzato dal raduno automobilistico non competitivo organizzato dal Club Legend Colli Senesi di Montalcino denominato “Sulle Strade della Leggenda” giunto quest’anno alla seconda edizione. Il tracciato ad anello che, partendo da Murlo è arrivato

24 settembre 2021

Problema in Via delle Scuole, la zona è stata ripulita

Problema risolto in Via delle Scuole. Due giorni dopo la segnalazione pubblicata sul nostro sito la zona, in pieno centro storico, è stata ripulita dalla spazzatura e dagli escrementi. “Pulito e rattoppato”, ci scrive la cittadina di Montalcino che aveva

24 settembre 2021

Taglio alberi a Montalcino e Torrenieri: ecco i motivi

Avevamo scritto nei giorni scorsi dei lavori di taglio che riguarderanno 162 piante nel territorio di Montalcino. Di queste, 100 si trovano nella pineta di via Osticcio, 6 in via Pascoli, 3 in via Battisti e 40 nell’area sportiva di

22 settembre 2021

Montalcino, il Comune affida i lavori di taglio di 162 piante

Il Comune di Montalcino ha affidato a una ditta di Abbadia San Salvatore i lavori di taglio di 162 piante (costo di 3.660 euro Iva inclusa). Si tratta nel dettaglio di 100 piante nella pineta di Via Osticcio, 6 in

6 novembre 2021

Alla scoperta di Tamagni

Sabato 6 novembre, nell’ambito di “InChiostro”, calendario promosso da Opera Laboratori in collaborazione con l’Arcidiocesi di Siena - Colle di Val d’Elsa - Montalcino e il Comune di Montalcino, passeggiata storico-artistica che alle ore 10.30 partirà dal chiostro di Sant’Agostino

23 ottobre 2021

Incontro con Bartolo di Fredi

Sabato 23 ottobre alle ore 17.30 si terrà l’incontro “Iconografia evangelica nelle opere di Bartolo di Fredi”. Don Enrico Grassini, direttore dell’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi di Siena - Colle di Val d’Elsa - Montalcino, guiderà i partecipanti alla scoperta dei

16 ottobre 2021

Cammino verso Sant’Antimo

Sabato 16 ottobre alle ore 10 dal chiostro partirà “InCammino verso Sant’Antimo”, escursione trekking alla scoperta del territorio di Montalcino fino all’abbazia millenaria di Sant’Antimo. Durante il percorso una guida ambientale escursionistica segnalerà i maggiori punti d’interesse storico-paesaggistici, geologici e

©2011-2021 Montalcinonews sas - Registrazione del Tribunale di Siena n. 8 del 20 settembre 2011 - info@montalcinonews.com
Partita Iva/Codice Fiscale 01319890529 - Camera di Commercio di Siena - R.E.A SI 138063 - Privacy