Sagra del Tordo, svelata l’Opera di Annibale Parisi

L'Opera di Annibale Parisi Un venerdì pomeriggio che ha radunato tanti montalcinesi sotto il “Cappellone”. Una prima volta, quella della location, giustificata da una doppio evento: l’opera firmata da Annibale Parisi che andrà ad impreziosire la bacheca di uno dei quattro Quartieri di Montalcino che si sfideranno domenica in occasione del torneo di tiro con l’arco (atto finale della Sagra del Tordo n.64) e gli affacci sulla Val d’Orcia e la Valle d’Ombrone tramite l’ex locale dell’Asga, lavoro progettato e diretto dall’architetto di Montalcino Adele Piccioni (di cui parliamo in un articolo a parte).

Matilde Pieri (Foto: pagina Facebook Comune di Montalcino)La presentazione è iniziata con gli interventi del delegato alle Feste Identitarie Alessandro Nafi e del sindaco di Montalcino Silvio Franceschelli. Non c’era Annibale Parisi, artista riservato e che non ama le luci dei riflettori ma piuttosto far parlare le sue opere. Ha preferito così e la scelta, ovviamente, merita rispetto. Come è noto l’amore di Annibale Parisi per Montalcino è forte e un messaggio lo ha comunque mandato al pubblico presente attraverso la nipote Matilde Pieri, bravissima ed a tratti commovente in un discorso a cuore aperto che ha strappato meritati applausi. Esattamente come l’opera di Annibale Parisi, il cui valore sarà di ulteriore stimolo per gli arcieri a primeggiare al Torneo di tiro con l’arco di domenica.

Focus - La presentazione dell’Opera di Annibale Parisi da parte di Maddalena Sanfilippo, assessore alla cultura del Comune di Montalcino.
Quest’anno è la volta di Annibale Parisi, l’artista chiamato a realizzare l’opera per il quartiere vincitore della sessantaquattresima Sagra.
Annibale, nato a Palermo da padre siciliano e madre toscana, è montalcinese da sempre.
Eclettico, versatile, visionario dai mille interessi e pioniere di molte idee vincenti, curioso fin da piccolo del lavoro artigianale, della natura e in seguito dell’arte e della storia, Annibale non si limita a studiare, ma ogni singola materia lo coinvolge in maniera attiva e manuale; Annibale conosce tutte le piante, le foglie, i tronchi, lui sa come si fabbrica un pezzo di carta, lui che studia, legge, stampa i libri, dipinge, va a cavallo, produce il vino con l’atteggiamento di umiltà, cioè di chi ama l’humus, il suolo, la sua terra e ha costruito la vita intorno a quella dei suoi cari.
Fra le sue prime produzioni tutti ricordiamo alla fine degli anni Ottanta le riproduzioni della ceramica di Montalcino, boccali in terracotta maiolicata con animali mostruosi verdini e marroni su fondo bianco che con guizzo intuitivo Annibale riproduceva liberamente accostando le figure in maniera nuova e fantasiosa, fino ad arrivare alla prima mostra dei suoi disegni a Zurigo; Annibale ha sempre attirato chi veniva da fuori ma aveva la sensibilità di voler conoscere e capire davvero Montalcino, contribuendo a far apprezzare e ricordare la nostra città nel mondo.
Per l’opera di quest’anno Annibale ha fatto ritorno al suo ‘primo amore’, la terracotta, tecnica artigiana che la bottega fiorentina dei Della Robbia nel Quattrocento elevò al rago di arte raffinatissima.
Un tondo semplice incastonato come un gioiello in quello che possiamo definire un supporto più che una cornice: quattro tavole di noce vecchio e ‘nostrale’, autoctono di Montalcino, avuto in dono da un falegname che ormai ha chiuso bottega. Annibale ha unito le tavole, le ha scavate e levigate in modo che il tondo in terracotta fosse un tutto organico con il legno legandosi in maniera solida e solidale alla struttura. Un marchingegno di alto artigianato, pensato per essere visibile e apprezzato anche nella parte retrostante quando verrà condotto dal corteo storico lungo le vie cittadine.
Il tondo dai toni rosati si inserisce dunque in una cornice quadrata di legno scurito dalla cera che ne rende vive le venature. Sono due opere ma in una, un binomio che ricorda la Madonna della Seggiola di Raffaello, una celeberrimo dipinto su tavola rotonda incastonato in una sfavillante cornice quadrata dorata, oggi conservato presso la Galleria Palatina di Palazzo Pitti.
Nella terracotta la tecnica del bassorilevo, complice anche la forma rotonda del supporto, richiama la Madonna del Perdono della cattedrale senese dove lo ‘stiacciato’ di Donatello, l’arte cioè di concentrare in un finissimo spessore uno sviluppo di piani in profondità, evidenzia i volti e le mani dei due protagonisti al centro del tondo; nell’opera di Annibale il bassorilievo lascia spazio all’altorileivo solo nella mano benedicente di Gesù Bambino, che appare dunque in evidenza.
L’approccio irrazionale dell’artista, interessato più alla natura e ai soggetti astratti che ai modelli classici, ha trovato un equilibrio nella composizione misurata all’interno del tondo in cui Annibale si è attenuto al modello del dipinto proveniente dall’antico tribunale in maniera fedele, cercando di riprodurne i tratti somatici dei volti ma come spesso accade, con l’occhio moderno, l’espressione ha preso un’intonazione di dolcezza alquanto familiare ed espressiva rispetto alla pittura medievale.
Le guance attondanti e lucidate, il collo tornito e gli occhi allungati ricordano comunque i tratti di certe Madonne di Giotto, come quella di San Giorgio alla Costa, mentre il bordo del mantello che si piega su se stesso ornato come nel modello da una preziosa passamaneria riprodotta in terracotta, ne ingentilisce i tratti donando alla Madonna un moto dall’eleganza tutta senese. Gli elementi decorativi del mantello, fermati da un gioiello rotondo sul cuore, ripetono quelli a losanga che accompagnano la circonferenza della terracotta e allo stesso tempo richiamano quelli incisi nella cornice lignea in prossimità degli angoli.
Una soluzione intelligente, elegante ed armoniosa si srotola nel nastro che, come un sottopancia, fa un leggero ghirigoro e sorregge gli scudi dei quartieri, elementi fissi dell’iconografia dell’opera.
Il Monogramma AP, in una calligrafia antica e raffinata, sigla la firma dell’artista. La mente va a quello molto simile dello scrittoio del Tamagni, tanto per citarne uno prossimo ma Annibale l’avrà evocato di sicuro dai molti libri, quadri, disegni che sfoglia ogni giorno.
Un artista poliedrico, che vive in una fucina di idee, dove il tempo si ferma o per lo meno rallenta, un mondo in campagna vicino a Montalcino dove è sempre piacevole approdare e mettersi in ascolto, osservare, sicuri di imparare sempre tanto da chi ha ancora molti stimoli da dare a tutti noi.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

2 dicembre 2022

Cassia, entro giugno il progetto esecutivo dello svincolo di Monsindoli

Entro giugno 2023 è atteso il progetto esecutivo di una delle più celebri opere incompiute della provincia di Siena, lo svincolo di Monsindoli, a Monteroni d’Arbia, che metterebbe in contatto la Cassia con la Siena-Grosseto, portando grossi benefici a chi

2 dicembre 2022

Ultime ore per l’iscrizione al Rally del Brunello

Ci sarà tempo fino alla mezzanotte di oggi 2 dicembre per aderire al Rally del Brunello, appuntamento conclusivo del Campionato Italiano Rally Terra Storico e del Campionato Italiano Rally Terra. Il doppio evento – organizzato in joint da Scuderia Etruria

30 novembre 2022

Dal consiglio regionale il sì al progetto “Ferro-ciclovie della Val d’Orcia”

La commissione Ambiente del consiglio regionale della Toscana, guidata da Lucia De Robertis (Pd), ha provveduto all’approvazione definitiva del progetto di paesaggio (Pdp) “Ferro-ciclovie della Val d’Orcia, dei Colli e delle Crete senesi”, che si propone di creare una rete di percorsi

30 novembre 2022

Sanità e rifiuti, il 2 dicembre possibili disagi per sciopero nazionale

Potrebbero verificarsi disagi nella giornata di venerdì 2 dicembre, a causa dello sciopero generale nazionale dei settori privati e pubblici, proclamato da ADL Varese, CIB Unicobas, Cobas Comitati base scuola, Cobas Sardegna, CUB, SGB, SI COBAS, USB, USI, Unione Sindacale

28 novembre 2022

Lavori pavimentazione stradale, modifiche alla viabilità

Nella giornata di domani, 29 novembre, dalle ore 8 fino al termine dei lavori, verrà istituito un divieto di transito in Via Soccorso Saloni, dall’intersezione con Via Landi all’intersezione con Via Donnoli, nel centro storico di Montalcino, al fine di

28 novembre 2022

Calcio, il Montalcino frena e la vetta si allontana

Pari e rimpianti per il Montalcino, che sabato non è andato oltre l’1-1 in casa contro il Montagnano. Biancoverdi avanti al 60’ con un rigore di Giovanni Bandini, ma raggiunti sei minuti dopo dalla rete di Tarantino. I ragazzi di

6 gennaio 2023

Torrenieri e gli eventi di Natale

Torrenieri si prepara per le iniziative di Natale con le associazioni del paese protagoniste di un calendario che propone eventi e divertimento per tutta la famiglia. Gli appuntamenti dedicati alle feste inizieranno l’8 dicembre con l’apertura del Presepe nella Chiesa

8 dicembre 2022

Torrenieri, al via le feste di Natale

I festeggiamenti per il Natale a Torrenieri inizieranno giovedì 8 dicembre con l’apertura del Presepe alla Chiesa di Santa Maria Maddalena. A seguire “…Sulla strada del Natale” al dancing L’Etoile: un pomeriggio da passare in compagnia e animato da tombola,

4 dicembre 2022

“Il Principe Canarino” a Montalcino

Nell’ambito della rassegna di teatro “Piccoli Astrusi”, domenica 4 dicembre alle ore 17 al Teatro degli Astrusi di Montalcino l’appuntamento è con “Il Principe Canarino”, uno spettacolo tratto dalle “fiabe italiane” di Italo Calvino. Si tratta dell’ultimo appuntamento della rassegna

©2011-2021 Montalcinonews sas - Registrazione del Tribunale di Siena n. 8 del 20 settembre 2011 - info@montalcinonews.com
Partita Iva/Codice Fiscale 01319890529 - Camera di Commercio di Siena - R.E.A SI 138063 - Privacy