100 anni fa morì Soccorso Saloni

100 anni fa morì Soccorso SaloniC’è una via a ricordarlo, c’è uno stadio ad omaggiarlo. Soccorso Saloni è un pezzo di storia a Montalcino. Nacque nel 1895 a Lecce perché suo padre Giuseppe, carabiniere, era stato trasferito in Salento per motivi di lavoro.  “Soccorso”, fu chiamato, perché l’attaccamento alla città natale era così forte da scegliere come riferimento la Patrona di Montalcino, la Madonna del Soccorso. Saloni da ragazzo iniziò a lavorare come tipografo, per poi arruolarsi nel 1915 nel Settimo Reggimento Bersaglieri col quale partì per il fronte, dopo la dichiarazione di guerra all’Austria. Ottenne il grado di caporale, poi di sergente. Decorato con medaglia di bronzo, poi d’argento ed infine d’oro al valor militare, fu ferito ad un braccio nel giugno 1918 ma nonostante ciò continuò a combattere fino alla morte, provocata da una raffica di mitragliatrice. Adesso, a cent’anni dalla sua morte, Montalcino ha voluto ricordare Soccorso Saloni con una pubblicazione edita da Vanzi e curata dall’Associazione Nazionale Bersaglieri - Sezione Val d’Arbia.

Il volume ne ricorda la biografia, ma anche il contesto di guerra nel quale viveva l’Italia negli anni 1915-1918. E lo fa attraverso una serie di immagini a colori che riproducono le copertine originali del settimanale “La Domenica del Corriere”, le stesse che in quegli anni drammatici guardavano con stupore e curiosità i nostri nonni nei caffè e nelle osterie.

Questa l’introduzione del libro, a firma del sindaco di Montalcino Silvio Franceschelli:

“Soccorso Saloni, montalcinese anche se nato a Lecce, con orgoglio fin da ragazzo iniziò a lavorare come tipografo, ed è proprio qui che ha iniziato a forgiare la sua tempra. Nei momenti di maggiore pressione di lavoro, per un giovane operaio fare mezzanotte è abbastanza normale. Sport e svaghi, quasi nulla. Lavorava presto su macchine poco prodotte e spesso sostituiva l’operaio che passava a cose più importanti. Dentro la bottega esisteva una gerarchia ferrea. L’apprendista, assetato dalla necessità di fare esperienza, stava appresso a lui ed osservava i suoi movimenti. Alla sera, quando tornava tardi dal lavoro, la madre era ad attenderlo per fargli trovare qualcosa di caldo da mangiare. Quelli erano i momenti di maggiore confidenza, ed alle sue lamentele la madre usava rispondere: “Eh bambino, il padrone è il padrone. Noi siamo nati con questo destino, cosa ci puoi fare…”. Ma a Soccorso Saloni questo destino non andava bene, si arruolò il 1 febbraio 1915 allievo Sergente nel Settimo Reggimento Bersaglieri col quale partì per il fronte, dopo la dichiarazione di guerra all’Austria, combattendo in Val di Ledro, ed ottenne i cannoni di Caporale nel luglio. Promosso Sergente nel gennaio 1916, durante la decima battaglia dell’Isonzo partecipò alle azioni svolte dal 23 al 27 maggio 1917 e fu decorato di medaglia di bronzo al valore per le superbe prove di coraggio dimostrate nel condurre all’attacco prima una squadra e poi un protone del nucleo Arditi reggimentali. Nel luglio dello stesso anno, a domanda, fu trasferito nella sezione lanciafiamme del XIX Battaglione d’assalto, con la quale, da ottobre, durante le tristi giornate di ripiegamento al Piave, dopo Caporetto, combattè valorosamente per contrastare i movimenti del nemico alla testa di ponte di Sagrato e proteggere le truppe della Terza Armata nell’ordinato passaggio del Tagliamento. Ferito all’inizio dell’offensiva austriaca del giugno 1918 lasciò volontariamente l’ospedaletto da campo ove era ricoverato e rientrò al reparto mentre ancora infuriava la lotta sul Montello, e alla testa della compagnia di Arditi, si lanciò decisamente all’assalto con la prima ondata e superò i reticolati. Ferito ad un braccio da pallottola di fucile non si fermò, ne rallentò la sua corsa, ma si scagliò ancora più avanti verso le seconde linee austriache, trascinando i suoi Arditi alla conquista delle posizioni raggiunte, e fu colpito da una raffica di mitragliatrice. Medaglia d’Oro al Valor militare concessa alla sua memoria con decreto del 23 maggio 1919 dettata dal comandante della Terza Armata il Duca d’Aosta, che così si espresse: allo squillo di battaglia ancora dolorante per una ferita, volontariamente usciva dall’ospedale e raggiungeva la prima linea. Alla testa della compagnia balzava all’attacco e, primo fra tutti, superava i reticolati avversari. Ferito ad un braccio si slanciava ancora avanti, finchè, colpito in pieno da una raffica cadeva, consacrando col suo purosangue d’eroe la posizione conquistata”.

Un pensiero su “100 anni fa morì Soccorso Saloni

  1. Pingback: Il Comune acquista 20 copie del libro su Soccorso Saloni | Montalcino News

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

23 aprile 2019

Orcia Wine Festival, il tema è la “Francigena di Vino”

Tutto pronto a San Quirico d’Orcia per il taglio del nastro della decima edizione dell’Orcia Wine Festival. Dal 25 al 28 aprile torna la manifestazione che avrà come tema la “Francigena di Vino”, ovvero il pellegrinaggio per antonomasia, che in

23 aprile 2019

In escursione all’Abbazia di S.Antimo

Si dice che i muri dell’Abbazia di S.Antimo restituiscano ogni giorno senza sosta i canti gregoriani che hanno ascoltato e assorbito nei secoli. Le sue pietre racchiudono un mondo di melodia e di preghiera che in ogni istante entra impercettibilmente

19 aprile 2019

Vittorio Veneto dona la cittadinanza onoraria a 331 soldati di Montalcino

Sabato 20 aprile, ore 11.00, l’Aula Civica del Museo della Battaglia ospiterà la cerimonia di concessione della Cittadinanza Onoraria di Vittorio Veneto a 331 combattenti della Grande Guerra del comune di Montalcino. Sarà presente una delegazione di amministratori della nostra

17 aprile 2019

Gemellaggi, se ne occuperà la Proloco di San Giovanni

Sarà la Proloco di San Giovanni d’Asso ad organizzare nel 2019 le iniziative relative ai gemellaggi del Comune di Montalcino con i Comuni di Hautvillers e Purbach. L’assegnazione del bando è arrivata lo scorso novembre. Il Comune ha impegnato verso

17 aprile 2019

Lavori Enel, chiude parte di Via delle Cave a Castelnuovo dell’Abate

Enel Distribuzione, affidandoli a ditta esterna, deve effettuare uno scavo per l’interramento di una linea elettrica in una parte di Via delle Cave, a Castelnuovo dell’Abate. Per questo motivo il 18 aprile, fino al termine dei lavori (comunque non oltre

17 aprile 2019

Guasto idrico, domani chiude parte di Via Osticcio

Dal 18 aprile resterà chiusa al traffico la parte di Via Osticcio compresa fra le due intersezioni con Via Albergheria, a Montalcino, per permettere all’Acquedotto del Fiora” di effettuare (tramite ditta esterna) la riparazione di un guasto idrico. I lavori

29 aprile 2019

L’Assemblea della Pro Loco Torrenieri

Lunedì 29 aprile, alla sala del Teatro Arci, si terrà l’assemblea ordinaria dei soci dell’Associazione Pro Loco di Torrenieri (ore 20 prima convocazione, ore 21 seconda convocazione). All’ordine del giorno: l’approvazione del bilancio 2018, il tesseramento per il 2019, programmazione

28 aprile 2019

Escursione a Montalcino e S.Antimo

Domenica 28 aprile “Poeti e Scarponi - Guide Ambientali Escursionistiche” organizzano un’escursione con partenza dal borgo di Villa a Tolli che si trova a pochi chilometri di distanza dall’antico centro religioso di Sant’Antimo. Durante il percorso protagoniste saranno le querce

28 aprile 2019

Pranzo del Quartierante nel Borghetto

Domenica 28 aprile il Quartiere Borghetto organizza il “Pranzo del Quartierante”. Il programma inizierà alle ore 11.15 con l’omaggio e il saluto del Quartiere di Porta del Foro di Arezzo e uscita della Comparsa. Alle ore 12.30 l’aperitivo anticiperà il