Jacopo Biondi Santi: “sì alla zonazione del Brunello”

Jacopo Biondi SantiIl dibattito sulla zonazione, tra i vigneti del Brunello di Montalcino, non ha mai realmente spiccato il volo: tanti i punti di vista, spesso discordanti, ed una voce che si alza su tutte, quella di Jacopo Biondi Santi, alla guida della Tenuta il Greppo, dove l’epopea del grande rosso toscano è iniziata, più di un secolo fa, che nella zonazione vede, innanzitutto, “l’opportunità per valorizzare il territorio ed il suo prodotto di punta, il Brunello, una mossa che avvantaggerebbe innanzitutto i produttori, perché il mercato - racconta Jacopo Biondi Santi a WineNews - ha bisogno di messaggi sempre più precisi”.
Il primo passo? L’individuazione di 8 grandi sotto zone, “ripartendo i 24.000 ettari seguendo i quattro punti cardinali, e dividendo queste quattro aree in senso altimetrico, sopra e sotto i 250 metri”. Un primo passo, che sarebbe comunque sufficiente ad individuare perlomeno le differenze più macroscopiche. “Altura ed esposizione sono fondamentali nel comportamento del Sangiovese - continua Biondi Santi, che nel capitale di Tenuta il Greppo ha recentemente accolto il gruppo francese Epi, della famiglia Descours, tra le più ricche di Francia, con un patrimonio stimato di oltre 1,1 miliardi di euro e con marchi di alta gamma del mondo del vino, come gli Champagne Piper-Heidsieck, Charles Heidsieck e Chateau La Verrerie, nella Valle del Rodano - così come i terreni: argilla galestro e tufo caratterizzano già le diverse sotto zone di produzione del Brunello”.
Ma non sarebbe che un primo passo, perché l’obiettivo è più ambizioso, ed ha un nome preciso: “l’ideale - approfondisce Jacopo Biondi Santi - sarebbe quello di arrivare ad una denominazione di origine aziendale, in cui ogni produttore rivendichi le caratteristiche dei propri vigneti, ma per farlo non basta l’impegno delle singole aziende, ci vuole un lavoro organico, fatto da un ente super partes, come il Consorzio”. Un percorso del genere, però, porterebbe anche ad un ripensamento del disciplinare di produzione, perché “è impensabile pensare di vincolare un territorio che accoglie così tante differenze, alle stesse tempistiche: è giusto che il Brunello stia in cantina per i 4 anni e mezzo previsti dall’attuale disciplinare, e sono convinto che si possano raggiungere grandi risultati ovunque, ma con approcci diversi. Sul versante che guarda a Buonconvento, solo per fare un esempio, dove dominano i terreni argillosi a pochi metri sul livello del mare, si possono produrre vini di grande eleganza, ma con un periodo inferiore in legno, non servono i 3 anni”.
Una vera e propria sfida quella lanciata da Jacopo Biondi Santi, in un territorio che “non può permettersi di rimanere indietro su nessun aspetto, perché la competizione, specie sui mercati esteri, è sempre più grande, ed un passaggio del genere - aggiunge Jacopo Biondi Santi - permetterebbe di fare un passo avanti verso una comunicazione più precisa e puntuale, consapevoli del fatto che Montalcino ha una storia enoica di almeno 300 anni, non ha nulla da invidiare, ad esempio, a quella del Barolo. Sarebbe utile per tutti, anche per i giornalisti ed i critici, che avrebbero più punti di riferimento per giudicare i diversi Brunello - conclude Biondi Santi - magari superando anche il giudizio all’annata dato pochi mesi dopo la vendemmia. Meglio sarebbe aspettare i risultati dalle singole aziende, giudicando magari le diverse sotto zone, perché in una stessa annata si possono verificare dinamiche diversissime: dalla grandine agli attacchi di oidio, dare un voto generale ad una vendemmia è sempre difficile”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




poche nubi Montalcino
Temperatura ore 18: 31°
Precipitazioni (mm): 0

dati a cura di 3BMeteo

15 giugno 2017

Tenute Silvio Nardi presenta “Domenica Slow in Fattoria”

Domenica 18 giugno a Tenute Silvio Nardi, cantina di Montalcino, andrà in scena “Domenica Slow in Fattoria”, una vera e propria festa della cultura enogastronomica. Un appuntamento imperdibile per conoscere da vicino il mondo Slow Food e la storia passata,

13 giugno 2017

Svelati i nomi della Giunta Comunale di Montalcino

Silvio Franceschelli (avvocato), Angelo Braconi (rappresentante), Gloria Pignattai (laureata in legge), Giulia Iannotta (laureata in scienze politiche), Christian Bovini (dipendente Mps). Questi i nomi della Giunta comunale che guiderà il Comune di Montalcino per i prossimi 5 anni. Il neoeletto

12 giugno 2017

Montalcino e amministrative: 15 sindaci in 73 anni di Comune

“Ogni Comune ha un sindaco ed una Giunta Municipale. Il sindaco e gli assessori municipali sono nominati dal Prefetto”. Dopo diciotto anni, erano queste le parole che, all’articolo 1 del Regio Decreto del 4 aprile 1944, cancellavano la norma voluta

7 giugno 2017

Martina e i candidati sindaco in campagna elettorale

Una fiaccolata in ogni provincia per difendere il futuro e sostenere l’accordo sul clima recentemente rinnegato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Il Partito Democratico della Toscana ha aderito alla campagna e ieri sera, a Montalcino, insieme a molti

7 giugno 2017

Scuola Media di Montalcino: spettacoli di fine anno

L’anno scolastico volge al termine e, come ogni anno, le scuole organizzano saggi di fine anno. Venerdì è la volta della scuola media di Montalcino che, alle ore 12, nel chiostro dei Musei vedrà i ragazzi impegnati nel concerto, diretto

1 giugno 2017

Filarmonica G. Puccini di Montalcino: confermato Marini alla presidenza

“È stato un triennio felice e impegnato. Il Consiglio uscente ha mostrato attaccamento, collaborazione e professionalità nel gestire tutti i giorni questa importante realtà. La banda, la scuola di musica, il coro sono oggi, con l’ingresso anche di molti giovani

9 giugno 2017 08:00

San Giovanni: “Mojito Fest”

Tutto pronto ormai a San Giovanni d’Asso: venerdì 9 e sabato 10 giugno torna il “Mojito Fest”. Giunti alla quinta edizione, la rassegna musicale sangiovannese cresce ogni anno di più. Anche quest’anno, come da tradizione, il programma prevede l’accostamento di

9 giugno 2017 08:00

Il Travaglio festeggia San Donnolo

Un fine settimana ricco di eventi per tutti i gusti e occasioni per fare festa, quello che attende i quartieranti giallo-rossi. Il Travaglio, in occasione della ricorrenza del Santo Patrono, San Donnolo, festeggerà, come ogni anno, in grande stile. Si

4 giugno 2017 08:00

Panda Day n. 7: torna il raduno di Sant’Angelo in Colle

Torna, per il settimo anno consecutivo, domenica 4 giugno 2017, il Panda Day, un raduno, tutto riservato ad uno dei modelli più rappresentativi non solo della Fiat ma del Made in Italy e dello stile di vita tutto “targato” Belpaese.