Jacopo Biondi Santi: “sì alla zonazione del Brunello”

Jacopo Biondi SantiIl dibattito sulla zonazione, tra i vigneti del Brunello di Montalcino, non ha mai realmente spiccato il volo: tanti i punti di vista, spesso discordanti, ed una voce che si alza su tutte, quella di Jacopo Biondi Santi, alla guida della Tenuta il Greppo, dove l’epopea del grande rosso toscano è iniziata, più di un secolo fa, che nella zonazione vede, innanzitutto, “l’opportunità per valorizzare il territorio ed il suo prodotto di punta, il Brunello, una mossa che avvantaggerebbe innanzitutto i produttori, perché il mercato - racconta Jacopo Biondi Santi a WineNews - ha bisogno di messaggi sempre più precisi”.
Il primo passo? L’individuazione di 8 grandi sotto zone, “ripartendo i 24.000 ettari seguendo i quattro punti cardinali, e dividendo queste quattro aree in senso altimetrico, sopra e sotto i 250 metri”. Un primo passo, che sarebbe comunque sufficiente ad individuare perlomeno le differenze più macroscopiche. “Altura ed esposizione sono fondamentali nel comportamento del Sangiovese - continua Biondi Santi, che nel capitale di Tenuta il Greppo ha recentemente accolto il gruppo francese Epi, della famiglia Descours, tra le più ricche di Francia, con un patrimonio stimato di oltre 1,1 miliardi di euro e con marchi di alta gamma del mondo del vino, come gli Champagne Piper-Heidsieck, Charles Heidsieck e Chateau La Verrerie, nella Valle del Rodano - così come i terreni: argilla galestro e tufo caratterizzano già le diverse sotto zone di produzione del Brunello”.
Ma non sarebbe che un primo passo, perché l’obiettivo è più ambizioso, ed ha un nome preciso: “l’ideale - approfondisce Jacopo Biondi Santi - sarebbe quello di arrivare ad una denominazione di origine aziendale, in cui ogni produttore rivendichi le caratteristiche dei propri vigneti, ma per farlo non basta l’impegno delle singole aziende, ci vuole un lavoro organico, fatto da un ente super partes, come il Consorzio”. Un percorso del genere, però, porterebbe anche ad un ripensamento del disciplinare di produzione, perché “è impensabile pensare di vincolare un territorio che accoglie così tante differenze, alle stesse tempistiche: è giusto che il Brunello stia in cantina per i 4 anni e mezzo previsti dall’attuale disciplinare, e sono convinto che si possano raggiungere grandi risultati ovunque, ma con approcci diversi. Sul versante che guarda a Buonconvento, solo per fare un esempio, dove dominano i terreni argillosi a pochi metri sul livello del mare, si possono produrre vini di grande eleganza, ma con un periodo inferiore in legno, non servono i 3 anni”.
Una vera e propria sfida quella lanciata da Jacopo Biondi Santi, in un territorio che “non può permettersi di rimanere indietro su nessun aspetto, perché la competizione, specie sui mercati esteri, è sempre più grande, ed un passaggio del genere - aggiunge Jacopo Biondi Santi - permetterebbe di fare un passo avanti verso una comunicazione più precisa e puntuale, consapevoli del fatto che Montalcino ha una storia enoica di almeno 300 anni, non ha nulla da invidiare, ad esempio, a quella del Barolo. Sarebbe utile per tutti, anche per i giornalisti ed i critici, che avrebbero più punti di riferimento per giudicare i diversi Brunello - conclude Biondi Santi - magari superando anche il giudizio all’annata dato pochi mesi dopo la vendemmia. Meglio sarebbe aspettare i risultati dalle singole aziende, giudicando magari le diverse sotto zone, perché in una stessa annata si possono verificare dinamiche diversissime: dalla grandine agli attacchi di oidio, dare un voto generale ad una vendemmia è sempre difficile”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




poche nubi Montalcino
Temperatura ore 12: 14°
Precipitazioni (mm): 0

dati a cura di 3BMeteo

26 aprile 2017

Corse ciclistiche e chiusura del traffico a Montalcino

Montalcino, venerdì 28 e sabato 29 aprile farà da scenografia a due corse ciclistiche e, per permettere il regolare svolgimento delle competizioni si avranno delle interruzioni della circolazione stradale in entrambe le direzioni lungo la direttrice di marcia. La Polizia

26 aprile 2017

Biondi Santi all’incanto con Gelardini & Romani

Con il 111% del valore di partenza del catalogo, per oltre 400.000 euro raccolti, l’asta “The Grand Crus Auction” by Gelardini e Romani, di scena ad Hong Kong, conferma l’ottimo stato di salute dei grandi vini da collezione, con incrementi

21 aprile 2017

Spot & Web: il vino si sceglie … con lo stemma in etichetta

Indubbiamente la qualità del vino fa la parte del leone nella scelta di una bottiglia anziché di un’altra, ma a quanto pare nelle scelte di acquisto entra molto anche la presenza degli stemmi, più o meno araldici, sulle etichette delle

21 aprile 2017

Anna Dello Russo Curators Rosewood Hotels & Resorts

Rosewood Hotels & Resorts, il gruppo di hotel ultra-lusso, oggi aggiunge la fashion icon Anna Dello Russo al suo programma di Curators, un gruppo attentamente selezionato di luminari e leaders che condividono consigli di viaggio e suggerimenti personali sulle destinazioni

21 aprile 2017

Torrenieri, raccolta fondi per la “Madonna col Bambino”

Il parroco del paese, insieme all’ufficio affari economici della Parrocchia Santa Maria Maddalena di Torrenieri, hanno dato il via ad una raccolta fondi per riportare a casa la statua della Madonna col bambino di Niccolò Dei Cori, uno scultore appartenente

19 aprile 2017

Con Asd Montalcino torna la Festa di Primavera

Appuntamento ormai consueto con stand gastronomici e prodotti della tradizione culinaria di Montalcino: torna, come ogni anno, la Festa di Primavera organizzata dalla Asd Montalcino. Ai Giardini dell’Impero dal 22 aprile al 8 maggio 2017, ogni fine settimana sarà possibile

5 maggio 2017 08:00

Montalcino, la poesia da guardare

“Montalcino, la poesia da guardare” è una mostra di pittura promossa e patrocinata dal Comune di Montalcino che racchiude i lavori di due montalcinesi, Letizia Machetti e Claudio Bindi. Il 5 maggio, alle ore 18.30 il vernissage inaugurerà, nelle sale

4 maggio 2017 08:00

Montalcino onora Maria Santissima del Soccorso

Una tradizione religiosa e non solo, quella dei festeggiamenti, a Montalcino, in onore di Maria Santissima del Soccorso che ogni anno animano i primi giorni di maggio. Focus: Calendario Dettagliato Giovedì 4 maggio 2017 Ore 11 - Santuario della Madonna

28 aprile 2017 18:30

Venerdì Ocra: “Evoluzione” di Jurgen Dahlmanns

Torna “Venerdì Ocra”, organizzati dalla Scuola Permanente dell’Abitare con il patrocinio del Comune di Montalcino. L’appuntamento è per venerdì 28 aprile (ore 18.30), all’Officina Creativa dell’Abitare di Montalcino, con una serata dedicata a Jurgen Dahlmanns ed alla aua mostra “Evoluzione”,