Jacopo Biondi Santi: “sì alla zonazione del Brunello”

Jacopo Biondi SantiIl dibattito sulla zonazione, tra i vigneti del Brunello di Montalcino, non ha mai realmente spiccato il volo: tanti i punti di vista, spesso discordanti, ed una voce che si alza su tutte, quella di Jacopo Biondi Santi, alla guida della Tenuta il Greppo, dove l’epopea del grande rosso toscano è iniziata, più di un secolo fa, che nella zonazione vede, innanzitutto, “l’opportunità per valorizzare il territorio ed il suo prodotto di punta, il Brunello, una mossa che avvantaggerebbe innanzitutto i produttori, perché il mercato - racconta Jacopo Biondi Santi a WineNews - ha bisogno di messaggi sempre più precisi”.
Il primo passo? L’individuazione di 8 grandi sotto zone, “ripartendo i 24.000 ettari seguendo i quattro punti cardinali, e dividendo queste quattro aree in senso altimetrico, sopra e sotto i 250 metri”. Un primo passo, che sarebbe comunque sufficiente ad individuare perlomeno le differenze più macroscopiche. “Altura ed esposizione sono fondamentali nel comportamento del Sangiovese - continua Biondi Santi, che nel capitale di Tenuta il Greppo ha recentemente accolto il gruppo francese Epi, della famiglia Descours, tra le più ricche di Francia, con un patrimonio stimato di oltre 1,1 miliardi di euro e con marchi di alta gamma del mondo del vino, come gli Champagne Piper-Heidsieck, Charles Heidsieck e Chateau La Verrerie, nella Valle del Rodano - così come i terreni: argilla galestro e tufo caratterizzano già le diverse sotto zone di produzione del Brunello”.
Ma non sarebbe che un primo passo, perché l’obiettivo è più ambizioso, ed ha un nome preciso: “l’ideale - approfondisce Jacopo Biondi Santi - sarebbe quello di arrivare ad una denominazione di origine aziendale, in cui ogni produttore rivendichi le caratteristiche dei propri vigneti, ma per farlo non basta l’impegno delle singole aziende, ci vuole un lavoro organico, fatto da un ente super partes, come il Consorzio”. Un percorso del genere, però, porterebbe anche ad un ripensamento del disciplinare di produzione, perché “è impensabile pensare di vincolare un territorio che accoglie così tante differenze, alle stesse tempistiche: è giusto che il Brunello stia in cantina per i 4 anni e mezzo previsti dall’attuale disciplinare, e sono convinto che si possano raggiungere grandi risultati ovunque, ma con approcci diversi. Sul versante che guarda a Buonconvento, solo per fare un esempio, dove dominano i terreni argillosi a pochi metri sul livello del mare, si possono produrre vini di grande eleganza, ma con un periodo inferiore in legno, non servono i 3 anni”.
Una vera e propria sfida quella lanciata da Jacopo Biondi Santi, in un territorio che “non può permettersi di rimanere indietro su nessun aspetto, perché la competizione, specie sui mercati esteri, è sempre più grande, ed un passaggio del genere - aggiunge Jacopo Biondi Santi - permetterebbe di fare un passo avanti verso una comunicazione più precisa e puntuale, consapevoli del fatto che Montalcino ha una storia enoica di almeno 300 anni, non ha nulla da invidiare, ad esempio, a quella del Barolo. Sarebbe utile per tutti, anche per i giornalisti ed i critici, che avrebbero più punti di riferimento per giudicare i diversi Brunello - conclude Biondi Santi - magari superando anche il giudizio all’annata dato pochi mesi dopo la vendemmia. Meglio sarebbe aspettare i risultati dalle singole aziende, giudicando magari le diverse sotto zone, perché in una stessa annata si possono verificare dinamiche diversissime: dalla grandine agli attacchi di oidio, dare un voto generale ad una vendemmia è sempre difficile”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




nuvoloso Montalcino
Temperatura ore 6: 14°
Precipitazioni (mm): 0

dati a cura di 3BMeteo

22 marzo 2017

Il Travaglio presenta: “alla scoperta di Montalcino”

Sono spesso i Quartieri di Montalcino ad animare la vita socioculturale del territorio e, questo fine settimana tocca al Travaglio che organizza, per domenica 26 marzo una passeggiata al Lazzeretto di San Michele, una pieve nei boschi della città del

22 marzo 2017

Concorso Culinario Alfredo Cellini: in cucina “’Un si batte Chiodo”

In arrivo il terzo appuntamento dell’edizione n. 5 del Concorso Culinario, in onore di Alfredo Cellini, organizzato dal Quartiere Borghetto. La competizione, nata per promuovere la cucina della tradizione sociale e culturale di Montalcino, vede “sfidarsi” tra i fornelli squadre

22 marzo 2017

“Inferno, Paradiso e Cucchiai” la conferenza di Giovanni Maccioni

“Inferno, Paradiso e Cucchiai. Lo sai che con le tue percezioni crei la tua realtà?”. Questo è il titolo della conferenza che Giovanni Maccioni presenterà l’8 aprile a La Foce (Follonica, ore 16). Con questi nuovi seminari dal titolo “Conoscere

22 marzo 2017

Io Donna: il Brunello bellezza intramontabile come i Bronzi di Riace

Il Brunello di Montalcino rappresenta uno di quei vini intramontabili, che non passano mai di moda, il simbolo dell’enologia italiana nel mondo e, spesso, viene preso come esempio per descrivere ciò che di “bello” esiste. In questo articolo di Camilla

21 marzo 2017

TuscanyCrossing: torna l’Ultratrail della Val d’Orcia

Il 22 Aprile torna, per l’edizione n. 5, la Tuscany Crossing, l’Ultratrail della Val d’Orcia, nel paradiso della Toscana, Parco Patrimonio dell’Unesco. La gara si sviluppa lungo un percorso di 100 km, nel quale oltre alla competizione top si svolgono

20 marzo 2017

Auser: tour delle chiese tra Sant’Angelo e Camigliano

L’Auser di Montalcino, associazione di volontariato e di promozione sociale, impegnata nel favorire l’invecchiamento attivo degli anziani e valorizzare il loro ruolo nella società, è una fucina di iniziative che coinvolgono le persone non più giovani del territorio in una

8 aprile 2017 16:00

“Inferno, Paradiso e Cucchiai”

“Inferno, Paradiso e Cucchiai. Lo sai che con le tue percezioni crei la tua realtà?”. Questo è il titolo della conferenza che Giovanni Maccioni presenterà l’8 aprile a La Foce (Follonica, ore 16). Con questi nuovi seminari dal titolo “Conoscere

1 aprile 2017 08:00

“Femina” di Paolo De Cuarto

Sabato 1 aprile alle ore 18 a Montalcino, alla Galleria La Linea si inaugurerà l’esposizione personale del pittore Paolo De Cuarto. La mostra, dal titolo “Femina”- che rimarrà nel calendario della Galleria sino al 23 aprile - è curata da

26 marzo 2017 08:00

Travaglio: “alla scoperta di Montalcino”

Sono spesso i Quartieri di Montalcino ad animare la vita socioculturale del territorio e, questo fine settimana tocca al Travaglio che organizza, per domenica 26 marzo una passeggiata al Lazzeretto di San Michele, una pieve nei boschi della città del