Jacopo Biondi Santi: “sì alla zonazione del Brunello”

Jacopo Biondi SantiIl dibattito sulla zonazione, tra i vigneti del Brunello di Montalcino, non ha mai realmente spiccato il volo: tanti i punti di vista, spesso discordanti, ed una voce che si alza su tutte, quella di Jacopo Biondi Santi, alla guida della Tenuta il Greppo, dove l’epopea del grande rosso toscano è iniziata, più di un secolo fa, che nella zonazione vede, innanzitutto, “l’opportunità per valorizzare il territorio ed il suo prodotto di punta, il Brunello, una mossa che avvantaggerebbe innanzitutto i produttori, perché il mercato - racconta Jacopo Biondi Santi a WineNews - ha bisogno di messaggi sempre più precisi”.
Il primo passo? L’individuazione di 8 grandi sotto zone, “ripartendo i 24.000 ettari seguendo i quattro punti cardinali, e dividendo queste quattro aree in senso altimetrico, sopra e sotto i 250 metri”. Un primo passo, che sarebbe comunque sufficiente ad individuare perlomeno le differenze più macroscopiche. “Altura ed esposizione sono fondamentali nel comportamento del Sangiovese - continua Biondi Santi, che nel capitale di Tenuta il Greppo ha recentemente accolto il gruppo francese Epi, della famiglia Descours, tra le più ricche di Francia, con un patrimonio stimato di oltre 1,1 miliardi di euro e con marchi di alta gamma del mondo del vino, come gli Champagne Piper-Heidsieck, Charles Heidsieck e Chateau La Verrerie, nella Valle del Rodano - così come i terreni: argilla galestro e tufo caratterizzano già le diverse sotto zone di produzione del Brunello”.
Ma non sarebbe che un primo passo, perché l’obiettivo è più ambizioso, ed ha un nome preciso: “l’ideale - approfondisce Jacopo Biondi Santi - sarebbe quello di arrivare ad una denominazione di origine aziendale, in cui ogni produttore rivendichi le caratteristiche dei propri vigneti, ma per farlo non basta l’impegno delle singole aziende, ci vuole un lavoro organico, fatto da un ente super partes, come il Consorzio”. Un percorso del genere, però, porterebbe anche ad un ripensamento del disciplinare di produzione, perché “è impensabile pensare di vincolare un territorio che accoglie così tante differenze, alle stesse tempistiche: è giusto che il Brunello stia in cantina per i 4 anni e mezzo previsti dall’attuale disciplinare, e sono convinto che si possano raggiungere grandi risultati ovunque, ma con approcci diversi. Sul versante che guarda a Buonconvento, solo per fare un esempio, dove dominano i terreni argillosi a pochi metri sul livello del mare, si possono produrre vini di grande eleganza, ma con un periodo inferiore in legno, non servono i 3 anni”.
Una vera e propria sfida quella lanciata da Jacopo Biondi Santi, in un territorio che “non può permettersi di rimanere indietro su nessun aspetto, perché la competizione, specie sui mercati esteri, è sempre più grande, ed un passaggio del genere - aggiunge Jacopo Biondi Santi - permetterebbe di fare un passo avanti verso una comunicazione più precisa e puntuale, consapevoli del fatto che Montalcino ha una storia enoica di almeno 300 anni, non ha nulla da invidiare, ad esempio, a quella del Barolo. Sarebbe utile per tutti, anche per i giornalisti ed i critici, che avrebbero più punti di riferimento per giudicare i diversi Brunello - conclude Biondi Santi - magari superando anche il giudizio all’annata dato pochi mesi dopo la vendemmia. Meglio sarebbe aspettare i risultati dalle singole aziende, giudicando magari le diverse sotto zone, perché in una stessa annata si possono verificare dinamiche diversissime: dalla grandine agli attacchi di oidio, dare un voto generale ad una vendemmia è sempre difficile”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




sereno Montalcino
Temperatura ore 23: 25°
Precipitazioni (mm): 0

dati a cura di 3BMeteo

21 agosto 2017

L’ex ministro Rino Formica a Montalcino

Un altro personaggio, questa volta proveniente dal mondo della politica, sceglie Montalcino come meta per godersi qualche momento di meritato relax. Parliamo di Rino Formica, che ha avuto più volte in passato la carica di ministro, avvistato questo weekend a

21 agosto 2017

Con l’Auser di Montalcino in visita a Pistoia

Sono tante le attività organizzate dall’Auser di Montalcino nei prossimi giorni: sono aperte le iscrizioni per le cure termali (9 - 21 ottobre) presso le Terme di Sant’Albino. Benessere ma anche turismo visto che martedì 12 settembre viene organizzata una

17 agosto 2017

“The WineHunter Award”, il Brunello nella guida online

Non solo grandi vini, anche birre, grappe ed alta gastronomia: la guida online di “The WineHunter Award”, nata dall’esperienza di Helmuth Köcher, presidente e fondatore del Merano WineFestival, mette in fila centinaia di prodotti, dal top di Barolo e Brunello

17 agosto 2017

Vendemmia, ondate di calore in tutta Italia

La vendemmia 2017 sotto il gran caldo e il bel tempo in tutta Italia (ad eccezione del Nord), Montalcino compresa. Questa, in sintesi, è la previsione per i mesi di agosto e settembre di Giampiero Maracchi, professore di Climatologia all’Università

17 agosto 2017

Il Palio e il Brunello uniscono Siena e Montalcino

Il ritiro forzato della Lupa; la competizione del triumvirato Scompiglio-Brio-Tittia; la sorpresa di Porto Alabe, il barbero che non ti aspetti che esce dall’anonimato; il primo successo di Carlo Sanna detto Brigante con l’Onda che si prende il Drappellone dedicato

16 agosto 2017

La consegna dei tesserini venatori a Montalcino

Il Comune di Montalcino informa che i tesserini venatori per l’attività di caccia verranno consegnati nell’ufficio della Polizia Municipale a partire da lunedì 21 agosto durante il normale orario di ufficio e quindi nei giorni lunedì, martedì, giovedì e venerdì

9 settembre 2017

La Giornata della Prevenzione

La Proloco di San Giovanni d’Asso, in collaborazione con la Lilt di Siena, organizzano “La Giornata della Prevenzione”. Sabato 9 settembre, a San Giovanni d’Asso, verrà effettuata la mappatura dei nei e l’ecografia al seno dalle ore 9.30 fino alle

2 settembre 2017 10:30

Laboratorio di Storia Agraria

Torna come ogni anno il “Laboratorio internazionale di storia agraria”, convegno giunto all’edizione n. 19 che avrà per titolo “Territori e campagne nel Medioevo: temi metodi e approcci regionali”. Organizzato dal Centro di Studi per la Storia delle Campagne e

27 agosto 2017

La Festa dei Bianchi a Montalcino

La Venerabile Confraterinita Misericordia di Montalcino Onlus organizza la “Festa dei Bianchi”, una giornata di festeggiamenti in onore di Maria SS. della Pace. L’appuntamento è per domenica 27 agosto presso il Prato dell’Ospedale. Il programma prevede, alle ore 9 alla