Addio a Zeffirelli, quel suo capolavoro a Montalcino…

17 giugno 1971 partita Fratello Sole Sorella LunaIl mondo del cinema e dell’arte è in lutto. Se ne è andato a 96 anni, nella sua casa a Roma, Franco Zeffirelli, per tutti il “Maestro”. Peso massimo della cultura italiana del 900, Zeffirelli è stato sceneggiatore, regista, scenografo e attore. Uomo senza peli sulla lingua, da vero fiorentino purosangue, con un’intelligenza e una visione unica, lascia sin da subito un grande vuoto in Italia. Già perché di personaggi di questa statura se ne vedono veramente pochi all’orizzonte. Fino alla fine Zeffirelli ha continuato a lavorare, il suo ultimo lavoro, frutto di un impegno pluriennale, è stata la regia di una nuova Traviata che aprirà la stagione del Festival lirico all’Arena di Verona il 21 giugno. Ma altri progetti internazionali erano in cantiere. Regista teatrale e cinematografico di successo, Zeffirelli agli inizi era stato collaboratore di Luchino Visconti, uno dei padri del neorealismo e tra le più influenti personalità del cinema mondiale di tutti i tempi.

Nominato Sir dalla regina Elisabetta (non ce ne sono altri in Italia) per il suo lavoro di adattamento per lo schermo delle opere di William Shakespeare, due candidature agli Oscar, vincitore di cinque David di Donatello, le sue opere omaggiate in tutto il mondo, il Maestro Zeffirelli ha lasciato un segno importante anche a Montalcino. Correva l’anno 1971 quando la nostra cittadina fu al centro delle riprese di “Fratello Sole, Sorella Luna”, dedicato alla figura di San Francesco e Santa Chiara. Nella Fortezza di Montalcino, che per l’occasione ospitò la riproduzione in cartapesta di una chiesa, fu girata una scena simbolo, quella in cui San Francesco si spoglia di tutte le ricchezze per vivere all’insegna della povertà estrema e in Dio, attraverso le Sue creature. Ma tanti sono i ricordi di quel set, come quel famoso 17 giugno 1971 quando fu organizzata una partita attori-staff contro le comparse di Montalcino: Paolo Rubegni, Luciano Mazzuoli, Massimo Ferretti detto “Joe”, Contrano Casali e Loriano Grassi, sono alcuni degli abitanti della città del Brunello che, con indosso la maglia della squadra di Montalcino creata per l’occasione, si fecero onore battendosi con valore e divertendosi molto, ricevendo poi i meritati applausi dagli spalti pieni. E anche nei primi anni ’80, quelli del Festival Internazionale dell’Attore, poteva capitare di trovare Zeffirelli a passeggio in centro insieme ad altri personaggi importanti. Bei tempi per Montalcino, adesso sono solo ricordi per qualcuno.

Zeffirelli rimase colpito dai nostri paesaggi, rimasti immutati nei secoli, proprio da quei panorami disegnati di colline e costellati da olivi con i meravigliosi cipressi, le vigne ordinate, i campi arati, le piccole pievi e i castelli, una perfetta scelta per un esteta come Franco Zeffirelli per girare “Fratello sole, sorella luna”. Ma il Maestro ebbe un colpo di fulmine anche per l’Abbazia di Sant’Antimo. Già perché c’è una scena importante di questo film quando, nella celebrazione della messa, Francesco è attratto da un’intensa luminosità che lo guida ad abbandonare le proprie ricchezze per vivere in povertà. Questa fu ambientata nella magnifica Abbazia di Sant’Antimo e le sue meraviglie affascinarono a tal punto Zeffirelli da voler contribuire al restauro e alla manutenzione di questo luogo sacro. Una delle travi che sorreggono il tetto della chiesa fu infatti regalata dal regista e riporta un incisione che ricorda la donazione di Zeffirelli. Sarebbe interessante scoprire cosa penserebbe oggi il regista fiorentino dell’Abbazia, che è cambiata così tanto da quegli anni, purtroppo non abbiamo più tempo per chiederglielo.

“Con la morte di Zeffirelli - ha detto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi - se ne va un altro grande del Novecento, un classico, un esponente di primo piano del patrimonio culturale ed artistico del nostro Paese. Ha segnato un’epoca del cinema e del teatro italiano partendo con Rosi e Visconti e realizzando veri capolavori per il pubblico della Scala o del Metropolitan come per quello del grande schermo, ridando vita a grandi testi classici come quelli di Shakespeare, Puccini o Verga. A Firenze, sua città natale e alla quale resterà per sempre legato, aveva dedicato un commovente documentario dopo l’alluvione del 1966 e aveva deciso, pur tra mille difficoltà, di regalare il Centro internazionale per le Arti dello Spettacolo, una parte di eredità del suo lavoro. A nome di tutta la giunta regionale esprimo le condoglianze per la sua scomparsa”. Sarebbe bello e doveroso che anche Montalcino e le nostre istituzioni omaggiassero un grande uomo di cultura che decise di girare proprio da noi uno dei suoi capolavori più celebri e il cui apprezzamento per il territorio in cui viviamo è stato concreto e testimoniato dai fatti.

Un pensiero su “Addio a Zeffirelli, quel suo capolavoro a Montalcino…

  1. Pingback: Addio a Wertmüller, scrisse “Fratello sole, sorella luna” | Montalcino News

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

24 aprile 2024

A Montalcino arriva il Festival del cioccolato

Dal 26 al 28 aprile Montalcino ospiterà una tappa di “Choco Moments”, il festival che porta in giro per l’Italia il cioccolato artigianale. “Ci saranno dei banchi sotto i Loggiati e la fabbrica del cioccolato”, fanno sapere dalla Proloco, organizzatrice

24 aprile 2024

Scelto il coordinatore degli asili nido comunali

È Giulia Clemente la nuova coordinatrice degli asili nido di Montalcino, figura che il Comune ha cercato tramite selezione pubblica per gli anni educativi 2024-25, 2025-26 e 2026-27 nei nidi d’infanzia “Il Piccolo Principe” a Montalcino e “Chicchi d’Uva” a

24 aprile 2024

Il Brunello all’Asta Vini e Distillati di Nomisma Aste

Il leggendario Brunello di Montalcino Riserva 1955 di Biondi-Santi, marchio e annata “mito”, tanto da essere la sola bottiglia italiana ad essere inserita nell’elenco dei 12 grandi vini del XX secolo da “Wine Spectator” (base d’asta per tre bottiglie ricolmate

23 aprile 2024

Festa della Liberazione: porta a porta regolare a Montalcino

Giovedì 25 aprile, a Montalcino e negli altri comuni della provincia di Siena in cui è attivo il servizio, la raccolta domiciliare sarà svolta regolarmente. Resteranno chiusi tutti i centri di raccolta e le stazioni ecologiche, gli sportelli al cittadino

23 aprile 2024

Montalcino, prorogato il riscaldamento nelle scuole fino al 30 aprile

Il Comune di Montalcino ha prorogato i termini di accensione degli impianti di riscaldamento sul territorio comunale, “solamente a servizio degli edifici scolastici, di ogni ordine e grado, compresi asili nido nonché ospedale e strutture sanitarie ed assistenziali, fino al

22 aprile 2024

Il 25 aprile il Borghetto organizza la “Scarpinata Ecologica”

Giovedì 25 aprile il Quartiere Borghetto organizza la “Scarpinata Ecologica”, 12 km da Montalcino (partenza alle ore 8 dal piazzale della Fortezza) fino a Castelnuovo dell’Abate, dove è in programma un pranzo all’aperto (ore 13). Nel mezzo anche una colazione

11 maggio 2024 15:00

Premio di poesia “Il Vignolo”

Giovedì 11 maggio nella Chiesa dell’Osservanza di Montalcino si svolgerà la premiazione dei vincitori del premio di poesia “Il Vignolo”. Istituito nel 1990 e giunto alla trentatreesima edizione, è ormai uno degli appuntamenti storici del territorio, promosso dal Quartiere Travaglio.

5 maggio 2024

Pranzo Itinerante

Crostini e acciughe sotto pesto nella Ruga, pinci all’aglione e “minestra sudicia” nel Pianello, rotolo di tacchino ripieno di frittata con spinaci e baccalà con cipolle nel Travaglio e peschine ripiene e mantovana nel Borghetto. È il menu, da leccarsi

30 aprile 2024

Assemblea Asd Montalcino

Il 30 aprile (ore 19) assemblea dei soci dell’Asd Montalcino per rinnovare il consiglio direttivo. L’assemblea si tiene negli stand della Festa di Primavera, ai Giardini dell’Impero, che si è aperta il 23 aprile e si chiuderà il 1 maggio.

©2011-2023 Montalcinonews sas - Registrazione del Tribunale di Siena n. 8 del 20 settembre 2011 - info@montalcinonews.com
Partita Iva/Codice Fiscale 01319890529 - Camera di Commercio di Siena - R.E.A SI 138063 - Privacy