L’ok del Governo: “Pienza e Trequanda siti nucleari”

Claudio Galletti, sindaco di Castiglione d’Orcia“Io penso che sia uno scherzo perché stiamo parlando di una cosa che non sta né in cielo né in terra. E qui liquido la questione, non c’è niente da aggiungere e da discutere. Devono subito rettificare, qui siamo nella Valdorcia che è Patrimonio Unesco, parlare di progetti del genere mi fa solo immaginare che sia uno scherzo. Se sapevo qualcosa? Assolutamente no e nemmeno la Regione ne era a conoscenza”. Ci va giù molto duro Silvio Franceschelli, sindaco del Comune di Montalcino e presidente della Provincia di Siena, nel commentare la notizia dell’individuazione delle 67 aree idonee sul territorio nazionale per lo stoccaggio dei rifiuti radioattivi. Due di queste sono in Toscana e una interessa il territorio di Pienza e Trequanda, due perle rispettivamente della Valdorcia Patrimonio Unesco e delle Crete Senesi, entrambe a pochi chilometri da Montalcino. Con il nulla osta del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la Sogin ha infatti pubblicato sul sito www.depositonazionale.it la Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee (Cnapi), il progetto preliminare e tutti i documenti correlati alla realizzazione del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi e del Parco Tecnologico, “che permetterà – si legge nel sito del Ministero dello Sviluppo Economico - di sistemare in via definitiva i rifiuti radioattivi italiani di bassa e media attività”.

La pubblicazione della Cnapi, con l’elenco dei 67 luoghi potenzialmente idonei (che hanno differenti gradi di priorità, per quanto riguarda quello che insiste nel territorio di Pienza e Trequanda è A2 quindi “buone”, secondo solo alla classe A1), di fatto dà l’avvio alla fase di consultazione dei documenti per la durata di due mesi, all’esito della quale si terrà, nell’arco dei quattro mesi successivi, il seminario nazionale. Da qui si aprirà il dibattito pubblico vero e proprio con la partecipazione di enti locali, associazioni di categoria, sindacati, università ed enti di ricerca, durante il quale saranno approfonditi tutti i vari aspetti.

La notizia ha fatto scalpore in Valdorcia ma anche in Valdichiana, terre uniche con panorami straordinari dove a dominare è la natura e non la mano invasiva dell’uomo. Numerose le reazioni, tutte di segno contrario al potenziale progetto.“Si tratta di una proposta irricevibile e non negoziabile e che non riteniamo di non poter prendere nemmeno in considerazione in un territorio come il nostro patrimonio mondiale dell’umanità Unesco e ad alta vocazione turistica. Una notizia che abbiamo appreso solo questa mattina, improvvisa e inattesa”. Lo hanno sottolineato all’unanimità i sindaci della Val d’Orcia (Castiglione d’Orcia, Pienza, Montalcino, San Quirico d’Orcia e Radicofani) e della Valdichiana (Trequanda, Sarteano, Chianciano Terme, Chiusi, Cetona, San Casciano dei Bagni, Montepulciano, Sinalunga e Torrita di Siena) sulla proposta prevista dalla Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi) pubblicata sul sito della Sogin e che individua Pienza e Trequanda come sito idoneo allo smaltimenti di scorie nucleari.

“Ci adopereremo in tutte le sedi opportune, regionali e nazionali, che il confronto democratico consente - ha aggiunto Claudio Galletti -, attraverso il coinvolgimento dei cittadini e delle nostre imprese, per dire no ad una proposta che ci vede nettamente contrari”. Dura anche la critica di Stefano Scaramelli, Vicepresidente del Consiglio Regionale della Toscana che rivolgendosi al premier Giuseppe Conte domanda: “lo sa che Pienza è patrimonio Unesco? È cuore e simbolo della Toscana. Lei e il suo Governo pensate di renderlo deposito di rifiuti radioattivi? Si fermi prima di fare altri danni”. La notizia della pubblicazione della carta nazionale aree potenzialmente idonee al deposito è online anche sui siti del Ministero dell’Ambiente e del Ministero dello Sviluppo Economico.

Un pensiero su “L’ok del Governo: “Pienza e Trequanda siti nucleari”

  1. Pingback: La petizione contro l’arrivo dei rifiuti radioattivi | Montalcino News

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

27 gennaio 2021

Il Consorzio del Brunello valuta ulteriori azioni su processo per frode

Nota stampa del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino: “Il 22 gennaio scorso si è concluso il procedimento penale innanzi al Tribunale di Siena che ha visto costituito, assistito dall’avvocato Francesca Piroli del Foro di Siena, il Consorzio del Vino

27 gennaio 2021

Coldiretti ai Comuni: “azzerare Tari per salvare gli agriturismi”

“24.000 agriturismi da salvare in tutta Italia, oltre 1.500 solo nella provincia di Siena: si cominci azzerando la Tari perché anche le strutture agrituristiche da un anno stanno lottando per sopravvivere stretti fra lockdown, misure anti contagio e limiti agli

26 gennaio 2021

Intervento di restauro per il gonfalone di San Giovanni d’Asso

Intervento di restauro per il vecchio gonfalone dell’estinto Comune di San Giovanni d’Asso, visibilmente rovinato. Ad occuparsene una ditta senese, che si è resa disponibile al recupero conservativo della seta e dei ricami. Costo dell’operazione: 2.196 euro (Iva inclusa).

25 gennaio 2021

Coronavirus, 422 nuovi casi in Toscana: età media 47 anni

Covid-19, in Toscana sono 422 i positivi in più rispetto a ieri (416 confermati con tampone molecolare e 6 da test rapido antigenico). Da inizio epidemia, i casi positivi totali sono pari a 131.281 unità. L’età media dei 422 nuovi

25 gennaio 2021

Lavori lastrico in via Moglio, come cambia la circolazione

A partire da mercoledì 27 gennaio, a causa della realizzazione del lastrico in via Moglio, la viabilità cittadina subirà alcune variazioni. Questa fase dei lavori riguarderà infatti via Moglio, dall’intersezione con Piazzetta San Pietro all’intersezione con via S. Lucia (bivio

25 gennaio 2021

Seconda casa, ci si può spostare solo se si ha medico nel territorio

Una notizia che interessa anche Montalcino e chi ha nel nostro territorio una seconda abitazione. Esattamente come successo a novembre e prima ancora a maggio dell’anno scorso, chi si sposterà nella seconda casa in Toscana da altre regioni dovrà avere

15 febbraio 2021

Presentazione de “La Pettegola”

Lunedì 15 febbraio, Banfi presenta La Pettegola Edizione Limitata 2021. L’evento quest’anno sarà in diretta streaming. A breve saranno comunicati tutti i dettagli e il programma completo. L’iniziativa viene ripetuta ogni anno con un artista diverso che firma un’etichetta d’autore

29 gennaio 2021

Caritas presenta “Un anno di Covid”

Venerdì 29 gennaio 2021, alle ore 11, nella sede dell’ex-convento delle Clarisse a Siena, in Via Mascagni 40, verrà presentato il dossier “Un anno di Covid” realizzato dalla Caritas dell’Arcidiocesi di Siena-Colle Val d’Elsa-Montalcino. Lo studio della Caritas diocesana offrirà

25 gennaio 2021

Scuola di Musica, si riparte in presenza

Una notizia che attesa e che farà piacere a molti. Lunedì 25 gennaio la scuola di musica della Filarmonica “G.Puccini” di Montalcino riprenderà le lezioni in presenza. “Riaprire - spiega la presidente Lucia Cesarini - è una responsabilità per noi che