“Brunello Economy”, il miracolo di Montalcino

Un'immagine dei vigneti di MontalcinoLa nascita del primo wine district dell’era moderna, un aumento esponenziale (+1.962%) del valore del vigneto e il successo di una “controrivoluzione agricola” che, nelle ultime 3 decadi, ha ripensato l’evoluzione di un territorio attorno allo sviluppo della qualità di un prodotto legato a doppio filo con le sue radici. Sono “les trente glorieuses” di Montalcino, miracolo economico del principe dei rossi toscani che in occasione dei 30 anni di “Benvenuto Brunello”, l’evento che dal borgo toscano ha inventato le “Anteprime” dei vini italiani nel 1992, festeggia l’exploit di uno dei simboli del made in Italy da semplice prodotto della terra a caso di studio dell’enologia italiana e mondiale. Oggetto di una ricostruzione storica affidata dal Consorzio del Brunello di Montalcino al sito specializzato online WineNews.it, il trentennio 1992-2022 testimonia la circolarità virtuosa di un distretto che, pioneristicamente, ha saputo trovare fin dai suoi albori la chiave del proprio successo proprio nel trinomio della sostenibilità ambientale, economica e sociale. “Il concetto di qualità – ha detto il presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci – oggi non si limita al solo vino ma abbraccia una sfera più ampia. A un aumento della qualità del Brunello corrisponde in maniera direttamente proporzionale un incremento del benessere socioeconomico della comunità sul territorio”.

L’incremento record della resa fondiaria

E a dimostrarlo sono i numeri, raccolti nell’analisi di WineNews, che documentano una crescita trasversale del territorio, trainata dal boom del suo prodotto ambasciatore. Se infatti nel 1992 un ettaro di terreno vitato di Brunello di Montalcino valeva 40 milioni di vecchie lire (36.380 euro attuali secondo il coefficiente Istat per l’attualizzazione dei valori), oggi il prezzo è circa 20 volte superiore, pari a 750.000 euro, con una rivalutazione record del +1.962% che raggiunge il +4.500% se si allarga l’orizzonte temporale al 1966, quando un ettaro di terreno vitato costava 1,8 milioni di lire. Stando alle stime 2020 del Consorzio, il “vigneto Brunello” vale oggi circa 2 miliardi di euro complessivi, e continua ad attrarre investimenti.

L’effetto “Brunello” sulla crescita socio-economica

A partire dai primi anni ’90, la produzione di Brunello ha portato a Montalcino professionalità da 70 Paesi diversi, rendendola non solo un vero e proprio “melting pot” di esperienze e know how (rappresenta il 15,8% la percentuale di stranieri sulla popolazione totale, il doppio della media italiana), ma anche un esempio virtuoso in tema di occupazione, soprattutto giovanile e una disoccupazione che non arriva al 2%, in grado di assorbire anche gran parte della manodopera dei Comuni limitrofi. Quasi la metà delle oltre 1.500 imprese sono oggi a stampo agroalimentare, di cui 300 legate direttamente all’agricoltura, e si è assistito negli ultimi 30 anni anche al decuplicarsi degli esercizi nel campo della ristorazione e dell’hospitality. Forte della bellezza del territorio e il sodalizio con le altre “Eccellenze di Montalcino” (tartufo bianco, olio, miele, zafferano, formaggio, prugne, pasta e farro), il borgo medievale è stato infatti precursore anche nel campo del turismo enogastronomico. Ogni anno accoglie oltre 1 milione di enoturisti e “big spender” (con quasi 200.000 presenze e più di 75.000 arrivi prima del Covid, secondo le elaborazioni su base statistica della Regione Toscana), in 7 casi su 10 stranieri e provenienti da più di 60 Paesi.

Il mercato globale

Sul fronte del prodotto, attualmente sono 14 milioni le bottiglie immesse nel mercato (di cui 9 milioni di Brunello di Montalcino e 4 milioni di Rosso di Montalcino). A produrle sono 218 aziende (erano 147 nel 1992) su oltre 4.300 ettari di vigneti coltivati essenzialmente a Sangiovese (di cui 3.150 iscritti a Doc e Docg, e quasi il 50% a coltivazione biologica). Le esportazioni, che nel 1993 erano il 45% delle vendite, rappresentano oggi il 70% del business, che raggiunge ogni anno più di 90 Paesi in tutto il mondo, con Stati Uniti, Canada, Germania e Regno Unito in testa. Interessante anche il dato sulla resa dello sfuso, che ha registrato un incremento del +300% nelle ultime tre decadi. Infine, le giacenze in cantina con gli stock conservati in botte nei caveau delle cantine che secondo l’analisi valgono già 400 milioni di euro e addirittura 1,2 miliardi una volta che il Brunello sarà imbottigliato e pronto alla vendita.

Al focus sui 30 anni di questa sera, il presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino Fabrizio Bindocci; lo storico presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino Enzo Tiezzi; l’autore della mattonella celebrativa del 1992 Roberto Turchi; il direttore di WineNews Alessandro Regoli; il presidente del Consorzio del Rosso e vicepresidente del Consorzio del Brunello del 1992 Andrea Costanti; il master of wine Gabriele Gorelli.

Guarda il video:

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

3 dicembre 2021

AdF, a Montalcino oltre 600mila euro di investimenti

Oltre 600mila euro di investimenti sulle infrastrutture del servizio idrico integrato a Montalcino. A dirlo è Adf aggiungendo che si è conclusa in questi giorni una tranche di lavori per il potenziamento della linea di adduzione per Montalcino, con la

1 dicembre 2021

Aquedotto del Fiora, il 6 dicembre lavori di manutenzione a Torrenieri

Lavori di manutenzione di Aquedotto del Fiora sono in programma a Torrenieri lunedì 6 dicembre dalle 9 alle 12 e potrebbero determinare la temporanea sospensione dell’erogazione di acqua in via Giovanni Pascoli, via Giusti, via G. Carducci, via Ugo Foscolo,

30 novembre 2021

Montalcino, gli orari e i giorni di apertura dello sportello Tari

Il Comune di Montalcino informa che è aperto al pubblico lo sportello Tari. Per quanto riguarda gli orari, appuntamento giovedì dalle ore 9.30 alle 13.30 a Montalcino e l’ultimo lunedì del mese dalle ore 9.30 alle 13.30 a San Giovanni

29 novembre 2021

Calcio, il derby della Valdorcia finisce senza gol

Finisce a reti inviolate il derby della Valdorcia. Al Soccorso Saloni il Montalcino pareggia zero a zero contro il Pienza e manca una bella occasione per fare un passo avanti in classifica. Il Montalcino parte bene ma non sfrutta la

29 novembre 2021

Confagricoltura Toscana: bisogna ottimizzare le opportunità del Pnrr

Ottimizzare al massimo le opportunità del Pnrr, in modo da renderlo un’occasione di sviluppo, di interventi strutturali che vadano a garantire il reddito alle aziende agricole. È il pensiero di Confagricoltura Toscana, espresso dal suo presidente Marco Neri dopo l’incontro

26 novembre 2021

Turismo, le richieste degli imprenditori: “Promozione territorio e meno tasse”

Una diversa organizzazione degli eventi, promozione del territorio, un supporto economico, la riduzione delle tasse locali, maggiore sicurezza nel viaggiare. Ma anche bandi a sostegno, una piattaforma turistica di sistema, il sostegno alle reti di impresa. Sono le richieste più gettonate

11 dicembre 2021

Lo spettacolo “Muratori”

Sabato 11 dicembre alle ore 21.15 inizia la stagione di prosa al Teatro degli Astrusi di Montalcino con Muratori di Edoardo Erba, con la regia di Enrico Falaschi e l’interpretazione di Alberto Ierardi, Marta Paganelli, Giorgio Vierda. In un’ambientazione notturna, due muratori fanno

8 dicembre 2021

“Mignolina Rap” a Montalcino

Inaugura la stagione teatrale dedicata alle famiglie, mercoledì 8 dicembre alle ore 17 al Teatro degli Astrusi di Montalcino, Mignolina Rap, di Enrico Falaschi, con Serena Cercignano e Marta Paganelli: uno spettacolo che ha una forte implicazione ambientale, con canzoni, musica e tanti

4 dicembre 2021 17:30

Santa Cecilia

Appuntamento da non perdere quello in calendario il prossimo weekend a Montalcino dove la musica tornerà protagonista assoluta. Una due giorni di festeggiamenti in onore di Santa Cecilia, la Patrona della Musica, organizzati dalla Società Filarmonica “G.Puccini” di Montalcino. Si

©2011-2021 Montalcinonews sas - Registrazione del Tribunale di Siena n. 8 del 20 settembre 2011 - info@montalcinonews.com
Partita Iva/Codice Fiscale 01319890529 - Camera di Commercio di Siena - R.E.A SI 138063 - Privacy