Dopo Gorelli l’Italia ha un secondo Master of Wine

Andrea Lonardi, secondo Master of Wine italianoDue anni dopo Gabriele Gorelli, sommelier e grafico pubblicitario di Montalcino, che nel 2021 ruppe un tabù diventando il primo Master of Wine del Belpaese, nella più autorevole ed antica organizzazione dedicata alla conoscenza e al commercio del vino entra un altro italiano. È Andrea Lonardi, classe 1974, nato in Valpolicella, dal 2012 Ceo di Bertani Domains, oggi Angelini Wines & Estates, che controlla a Montalcino l’azienda Val di Suga. “Per me non è una questione di classifica – spiega Lonardi a WineNews – quando tutti e tre gli italiani del gruppo di studio MW - oltre a me, ed a Gabriele Gorelli, primo MW del nostro Paese, e Pietro Russo, ora al terzo step del percorso - avremo in mano questo titolo potremo dire che l’Italia del vino è finalmente riuscita a dare un messaggio importante nella wine-industry internazionale. Insieme abbiamo iniziato questo percorso, insieme abbiamo condiviso ogni singolo step, perché solo insieme si riescono a fare esperienze così ampie, che vanno ben oltre il titolo. Che è sicuramente importante, ma la cosa fondamentale è la persona sulla quale esso si innesta, e per noi tre questo percorso di crescita era fondamentale”.

“Cosa cambia adesso che sono Master of Wine? Continuerò a fare le stesse cose – aggiunge Lonardi – il progetto di rilancio della Bertani attraverso il concetto dello stile, i versanti di Montalcino (le Vigne del Brunello), il focus sul Sangiovese da tre denominazioni diverse (Brunello di Montalcino, Chianti Classico e Nobile di Montepulciano), il progetto “The Library” a Bertani, lo sviluppo commerciale di Val di Suga in Usa con Wilson Daniels sono stati i miei campi di saggio. Ora, con il titolo di MW vorrei dare ancora maggiore focus, progettualità stilistica, organizzazione manageriale ed indirizzo commerciale al progetto di fine wines di Angelini Wines & Estates”.

“Oggi mi sento un toscano quando sono a Verona ed un veneto quanto sono in Toscana – prosegue Lonardi a WineNews – la Toscana mi ha insegnato il concetto di qualità, di stile ma soprattutto la capacità di creare prestigio e valore, anche se alcune volte è molto lenta e macchinosa. Il Veneto vanta invece una grande imprenditorialità, ma il limite di dover sempre correre, che si estrinseca in una instancabile capacità produttiva. Oggi le aziende di Angelini Wines & Estates ed il nostro gruppo di lavoro combinano queste due Regioni ed i loro lati positivi. Bertani è cresciuta culturalmente e commercialmente grazie ad un approccio gestionale toscano, mentre le nostre realtà toscane sono esempi di efficienza ed efficacia nei rispettivi territori. In 10 anni abbiamo rigenerato Val di Suga, portandola tra le prime 15 aziende di Montalcino, ed in questo ci è voluto il giusto mix che il MW ha sicuramente stimolato”.

“Il MW è il riconoscimento di massimo prestigio nel mondo del vino, l’Olimpiade del vino – conclude Lonardi – le nostre storie e i nostri background sono profondamente diversi: Gabriele Gorelli è un edonista del vino, è un professionista che conosce tutti i migliori produttori e vini del mondo. È un esteta del vino e potrà aiutare l’Italia a conoscere a fondo queste dinamiche. Pietro Russo, invece, è un winemaker con una forte sicilianità, e darà un grande contributo a questa Regione. Ha un approccio analitico, serio e trasparente al vino. A parte questo, credo che l’Italia potrà portare il concetto di managerialità del vino nei MW, grazie alle nostre figure professionali piene di creatività e spirito imprenditoriale. Il vino internazionale ha una grandissima fame di questi valori”.

Focus - La biografia di Andrea Lonardi

Andrea Lonardi è nato in Valpolicella, si è laureato in Agraria a Bologna e ha un Master in Controllo di Gestione alla Grande École di Montpellier, che gli ha aperto le porte prima ad una collaborazione con la Washington State University, quindi ad una lunga carriera manageriale. Dopo gli stage formativi in Languedoc e Sonoma, Lonardi entra nella Top Wine Division del Gruppo Italiano Vini, occupandosi di Marketing & Sales. Nel 2005 guida il progetto di riorganizzazione della parte viticola del gruppo, che lo porta a lavorare nei più importanti territori del vino italiani, seguendo oltre 1.000 ettari di vigneto dalle Alpi alla Sicilia, nel ruolo di Coordinatore Viticolo di gruppo. Dal 2008 inizia anche ad occuparsi della parte enologica per alcuni progetti del gruppo. Nel 2012 è pronto per una nuova sfida, nel ruolo di Chief Operating Officer della Bertani Domains, oggi Angelini Wines & Estates, dove si occupato, della riorganizzazione produttiva, dello sviluppo del concept di gruppo, della costruzione del portafoglio prodotti e dello sviluppo del business. Oggi in Angelini Wines & Estates continua nella ricerca, produzione e sviluppo distributivo nel mondo dei fine wines. Andrea Lonardi è inoltre vice presidente del Consorzio Tutela Vini della Valpolicella, membro del board di Unione Italiana Vini (Uiv) ed ha avuto un ruolo determinante nello sviluppo del progetto “Le Pievi” nel Vino Nobile di Montepulciano.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

21 giugno 2024

Il Brunello Riserva 2018 di Carpineto tra i “Best in Show” di Decanter

Il Brunello di Montalcino Riserva 2018 di Carpineto è tra i 6 “Best in Show” italiani ai “Decanter Wine Awards” 2024, ovvero il meglio del vino prodotto in Italia secondo la più prestigiosa competizione vinicola del Regno Unito e tra

20 giugno 2024

“Scrittori a Km0”, a Torrenieri si promuovono gli autori locali

Si chiama “Scrittori a Km0” la serie di incontri per promuovere autrici e autori locali pensata da Biblioteca Arci e Pro Loco di Torrenieri. Il progetto, ispirato al concetto di “Km 0” che solitamente è applicato ad altri settori, mira

19 giugno 2024

I vincitori della prima edizione del Red Line Festival

“Suppressed” miglior lungometraggio, “Our Males and Females” miglior cortometraggio e “A Golden Life” miglior documentario. Sono i vincitori della prima edizione del “Red Line”, il festival internazionale del cinema organizzato a Montalcino dall’associazione Iniziative di Solidarietà e Office Number Four,

18 giugno 2024

Passeggiata di luna piena e presentazione libro a Castelnuovo

Doppio evento del Circolo Arci di Castelnuovo dell’Abate. Il 22 giugno “passeggiata di luna piena”, 9 km con partenza dal paese (ore 20.30, preceduta da un’apericena dalle ore 19) e arrivo alla Tenuta di Sesta, con visita alla Pieve di

17 giugno 2024

Nomadi & tartufo a San Giovanni d’Asso

Messo in archivio il Mojito Fest con un bel successo di pubblico, a San Giovanni d’Asso si riparte subito con un nuovo evento. In onore della ricorrenza del Patrono, nell’ambito del “Festival dell’Orto 2024”, sabato 22 giugno dalle ore 20

14 giugno 2024

Campi estivi comunali in pineta, aperte le iscrizioni

Sono aperte le iscrizioni ai campi estivi comunali di Montalcino 2024, che si svolgeranno nella Pineta Osticcio dal 5 al 31 agosto, dal lunedì al venerdì con due fasce orarie disponibili: 8-12 e 8-16, e sono rivolti a bambini e

12 luglio 2024

“La Fortezza che balla”

Una prima parte di musica italiana, con pezzi iconici di Battisti, Zucchero, Vasco, De Andrè, Dalla e Battiato, e una seconda parte con i grandi internazionali degli anni Settanta, dai Pink Floyd agli AC/DC, dai Rolling Stones a David Bowie,

23 giugno 2024

“Non sono ammesse scorciatoie”

Nuovo evento del Circolo Arci di Castelnuovo dell’Abate. Il 23 giugno presentazione del libro “Non sono ammesse scorciatoie” di Raffaella Guidi Federzoni, alla presenza dell’autrice (ore 19, con aperitivo. Iniziativa riservata ai soci).

22 giugno 2024

Nomadi & tartufo

Messo in archivio il Mojito Fest con un bel successo di pubblico, a San Giovanni d’Asso si riparte subito con un nuovo evento. In onore della ricorrenza del Patrono, nell’ambito del “Festival dell’Orto 2024”, sabato 22 giugno dalle ore 20

©2011-2023 Montalcinonews sas - Registrazione del Tribunale di Siena n. 8 del 20 settembre 2011 - info@montalcinonews.com
Partita Iva/Codice Fiscale 01319890529 - Camera di Commercio di Siena - R.E.A SI 138063 - Privacy