Il “Corriere Vinicolo” (Uiv) scrive “300 ettari in più per il Rosso”

300 ettari in più per il Rosso di Montalcino (ma c’è chi insiste su 150 ettari) con un incremento di quasi il 60% dell’area vitata, non però attraverso nuovi vigneti ma elevando zone già vitate a Sangiovese, in gran parte Toscana Igt, in modo da partire con l’ampliamento già dal prossimo anno, tempi tecnici permettendo. È la proposta che il Cda del Consorzio del Brunello avrebbe approvato all’unanimità, dopo averla condivisa con i soci in un’assemblea informale, e che porterebbe al voto in un’assemblea ordinaria il 15 dicembre, secondo quanto riporta “Il Corriere Vinicolo”, magazine dell’Unione Italiana Vini (Uiv). L’intenzione di valutare un aumento della produzione del Rosso, invariata dal 1997, era stata già comunicata a luglio dal Consorzio, per via della scarsità di prodotto disponibile e per attenuare il peculiare schema di piramide rovesciata della qualità che è Montalcino, dove il “primo vino”, il Brunello, è mediamente prodotto in quantità più che doppia al “secondo vino”, il Rosso (ad oggi 510 ettari, contro i 2.100 del Brunello). Un modo per sostenere un progetto di sviluppo organico ad hoc e per aprire nuove prospettive al territorio, considerando che ad oggi il Rosso di Montalcino può nascere dagli stessi vigneti del Brunello e anche dal “supero” di produzione o la declassificazione del Brunello. Ma su questo punto, scrive “Il Corriere Vinicolo”, si concentrano le critiche di alcuni produttori: il rischio è che “immettendo una grande quantità di Rosso proveniente spesso da vigneti non del tutto vocati, nessuno senta più il bisogno di declassare quei vini che pur potendo diventare Brunello in realtà non lo meriterebbero”, con la conseguenza di aumentare i volumi del Brunello “a scapito della qualità”.

“Sarebbe forse anche sbagliato che fossimo tutti d’accordo - dichiara a “Il Corriere Vinicolo” il presidente del Consorzio, Fabrizio Bindocci - abbiamo però fatto in modo di essere più equi e trasparenti possibile, sperando di far crescere la denominazione già dall’annata 2024. Per questo ci siamo confrontati anche con la Regione, dalla quale abbiamo ricevuto delle osservazioni formali, che sono state recepite, e quindi se si sceglierà di procedere in questa direzione anche la ratifica regionale dovrebbe essere veloce. Dopo 26 anni in cui non è stata toccata la superficie vitata - prosegue Bindocci - un ampliamento è necessario, abbiamo ricevuto da diverse aziende richieste in tal senso dopo che si sono ritrovate senza Rosso da poter mettere sul mercato e, in quei casi, la possibilità di essere sostituiti da altri vini della stessa categoria è più che concreta. Non possiamo perdere queste occasioni, dobbiamo consolidare e ampliare la nostra massa critica ma, ovviamente, senza perdere di vista la qualità. L’allargamento, che è rilevante nei numeri, non deve spaventare perché sarà più importante la gestione, che è di competenza del territorio. Come per il Brunello l’assemblea dei soci regolerà anche i quantitativi e, quindi, se in una stagione ci accorgeremo che la produzione è eccessiva potremo tranquillamente abbassare le rese, anche in maniera drastica. Verranno poi conservati quei correttivi che tutelano i produttori più piccoli, per i quali si procede applicando la riduzione dei quantitativi dal secondo ettaro in poi, mentre il primo rimane a produzione piena. Lo stesso principio verrà adottato per l’allargamento, così che si mantenga quel gioco di squadra che ha reso grande Montalcino, dove i grandi non fagocitano i piccoli ma li aiutano. Faremo sempre gli interessi della denominazione, tutti insieme. La nostra forza era, è e spero continui ad essere quella di rimanere uniti”.

Lascia un Commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con asterisco (*).
Verranno pubblicati solo il nome e il commento.
La pubblicazione del commento avverrà previa validazione da parte del team di Montalcinonews.com.

*

Il commento deve essere inviato usando un indirizzo e-mail valido. Si prega di non utilizzare indirizzi e-mail falsi, Montalcinonews.com potrebbe aver bisogno di contattarvi in merito alla vostra comunicazione. Montalcinonews.com rispetta la privacy della propria utenza, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 196/2003. Si informa che i dati forniti saranno tenuti rigorosamente riservati, e potranno essere utilizzati unicamente per l'invio di materiale informativo o pubblicitario. I dati raccolti non potranno essere trattati per finalità diverse, né saranno diffusi o comunicati a terzi o ceduti ad altre società. Inoltre i dati resteranno a disposizione dei rispettivi titolari per eventuali variazioni o per la loro cancellazione, ai sensi dell'art.7 del Decreto Legislativo n.196/2003. Per essere rimossi dai nostri archivi è sufficiente contattarci all'indirizzo e-mail info@montalcinonews.com




dati a cura di 3BMeteo

21 febbraio 2024

Cia Toscana: “Ridistribuire valore per dare gusto reddito all’agricoltura”

Un finocchio prodotto in Toscana porta nelle tasche dell’agricoltore solo 35 centesimi, cioè meno del 20% del prezzo finale troviamo al supermercato. Con il consumatore finale che paga di più per il confezionamento che per il prodotto agricolo. E l’esempio

20 febbraio 2024

Elezioni Ue, possono votare anche gli stranieri residenti a Montalcino

In occasione delle prossime elezioni europeo dell’8 e 9 giugno i cittadini dell’Ue residenti in Italia che volessero esercitare il diritto di voto per i membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia possono farlo presentando domanda entro l’11 marzo al sindaco

20 febbraio 2024

Bandi agricoltura, Coldiretti: centrale la semplificazione per le imprese

“I 29 bandi in uscita nel 2024 sono una grande opportunità di finanziamento per continuare il fondamentale upgrade delle imprese agricole verso la sostenibilità ambientale, l’innovazione, la competitività e lo sviluppo del settore. Restano a nostro avviso, forti le criticità

19 febbraio 2024

Toscana, ecco il cronoprogramma dei bandi a sostegno dell’agricoltura

29 bandi per complessivi 245 milioni di euro: la giunta regionale della Toscana ha approvato il cronoprogramma dei bandi Feasr (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale) per il 2024 - sia riguardo alla programmazione del Psr 2014-2022 (Programma di

16 febbraio 2024

Il workshop in Val d’Orcia per tutelare i beni culturali

Un approfondimento sulle varie forme di tutela e conservazione dei beni culturali, evidenziando il ruolo e le attività del Ministero della Cultura e delle Soprintendenze ed esaminando le attività di recupero, valorizzazione e conservazione attuate dagli enti locali. Sono i temi

16 febbraio 2024

Lutto regionale per un gravissimo incidente in un cantiere a Firenze

Gravissimo incidente sul lavoro stamani per il crollo di un solaio in un cantiere edile a nord-ovest di Firenze, in via Mariti, dove si stava costruendo un nuovo supermercato. Tre i morti già accertati (ma ci sono ancora dei dispersi),

16 marzo 2024

Corso di primo soccorso

Un corso Blsd per diffondere il corretto uso del defibrillatore in caso di arresto cardio-respiratorio e allo stesso tempo un’occasione per conoscere le attività di una realtà storica di Montalcino. Il 16 marzo, nella propria sede, dalle ore 9 alle

25 febbraio 2024

Presentazione libro e concerto

Il Circolo culturale ricreativo di Sant’Angelo in Colle organizza una nuova iniziativa a sostegno della Fondazione Veronesi. Domenica nella Chiesa di San Michele Arcangelo alle 17 sarà presentato il libro “La felicità è un dono” di Marco Annoni, un volume

23 febbraio 2024

Bagna Cauda nel Travaglio

Venerdì 23 febbraio (ore 20) il Quartiere Travaglio organizza la Bagna Cauda in società. Prenotazioni da Mariangela (349 7739270).

©2011-2023 Montalcinonews sas - Registrazione del Tribunale di Siena n. 8 del 20 settembre 2011 - info@montalcinonews.com
Partita Iva/Codice Fiscale 01319890529 - Camera di Commercio di Siena - R.E.A SI 138063 - Privacy